RENZI E IL PRECARIATO A TEMPO INDETERMINATO

statonazionale del lavoroProprio il giorno in cui la Colonia Italya mostra il suo vero Dna di stampo “reazionario e cileno” (destra o sinistra sono ormai categorie inutili), ossia proprio il giorno in cui gli operai della AST di Terni vengo massacrati di botte durante una libera manifestazione, bastonati da un’apparato degno delle più bieche dittature sudamericane al soldo degli Statunitensi, facciamo qualche riflessione sul problema che attanaglia il futuro della Comunità Nazionale: il lavoro. La prima cosa da chiarire, nonostante i fiumi di chiacchere profusi nelle scorse settimane, è che in Italia anche con l’articolo 18 si può già licenziare; Renzi sa perfettamente che in Italia si può licenziare solo per giusta causa e/o per giustificato motivo. Continua a leggere

Pubblicato in LABORATORIO | Contrassegnato , , , , , , | 5 commenti

U.S.N. AVANTI PER L’ITALIA.

trenoLeggiamo soddisfatti la richiesta di archiviazione delle false accuse contenute nell’esposto presentato dal sindaco di Bolzano nei confronti dell’Unione per il Socialismo Nazionale. Un sindaco che invece di desiderare di conculcare l’espressione democratica del libero pensiero dovrebbe risolvere i problemi della cittadinanza, tra cui quelli della microcriminalità, dell’accattonaggio molesto o quelli sociali. Un sindaco che in dieci anni di amministrazione non è riuscito nemmeno a fare togliere la sbarra di via della Vigna. L’Unione per il socialismo Nazionale di Bolzano ribadisce la propria solidarietà ai lavoratori di Upim, Coin e di Euronics che rischiano il licenziamento, oltre che a causa della crisi, a causa della speculazione sugli affitti dei negozi. Tutto ciò è causato dalla completa liberalizzazione e privatizzazione dell’economia. Per combattere la crisi l’unica ricetta è la riconversione dell’economia in economia socialista, nazionalizzata, per quanto riguarda le industrie strategiche, e socializzata (cioè gestita direttamente dalle forze del lavoro) per quanto riguarda le altre imprese.

USN Bolzano. Eriprando della Torre Continua a leggere

Pubblicato in Comunicati | Contrassegnato , , , | 6 commenti

CORTI CIRCUITI ANTI-ITALICI

stirpeIl fosco avvenire per l’Italia è certamente colpa dell’occupante che da decenni ormai controlla pesantemente i destini politici e militari della nostra Nazione; negli ultimi tempi però assistiamo ad un “decadimento mentale e politico” da parte dei cittadini che non ha nessuna giustificazione e che ci permette tranquillamente di concludere, senza aver paura di essere smentiti, che una grossa fetta di colpa dei tragici eventi che stiamo subendo in questo momento, si può serenamente additare agli Italiani che sopportano ancora questo scempio e che tollerano le continue umiliazioni di una casta che vuole un “restyling” ancora più pericoloso dei decenni appena trascorsi. E’ paradossalmente incredibile come un intero elettorato politico “sinistrato” dopo aver fatto i “piagnini” per 20 anni (senza essersi resi conto che il loro partito era incapace di costruire una seria offerta politica, poi subito fagocitati da un bamboccione rottamatore) adesso supporti un Premier che sembra essere la “carta carbone berlusconiana leggermente modificata in salsa “obamiana” che vede nell’iper-presenzialismo mediatico la sua arma principale, nelle mirabilanti promesse di “sogni e futuro” o di “800,000 mila posti di lavoro“, nell’ottimismo degli yuppies di terza generazione, i suoi punti di forza mediatica, ossia proprio quella artiglieria politica che per 20 anni ci siamo dovuti sorbire in quell’impresentabile schieramento che era definito il centrodestra italiano. Continua a leggere

Pubblicato in Commenti | Contrassegnato , , , , , | 9 commenti

L’ULTIMA MALATTIA DELLA DESTRA ITALIANA.

padaniaQuello italiano è un popolo malato. E lo è da tempo, pur fingendo di essere in perfetta salute: ha una malattia ormai talmente avanzata nel suo corpo disfatto da non accorgersi  nemmeno più di essere un moribondo in pantofole.  Se così non fosse, avremmo modo di udire in giro per l’Italia almeno un moto di stizza nel vedere un certo Matteo Salvini proporre, sondaggi del mercato elettorale alla mano, la nascita di un nuovo partito, che dovrebbe sovrapporsi o affiancarsi alla ormai ex Lega Nord Padania. E invece no! Anzi, in molti fanno addirittura festa perché sperano che il nuovo ducetto si sia reincarnato in un ragazzotto che indossa la felpa con la scritta “Milano” e che magari sulle brache aggiungerà “Ramazzotti”.  Continua a leggere

Pubblicato in Commenti | Contrassegnato , , , , , , | 19 commenti

RENZISMO E BERLUSCONISMO. PER LA SINISTRA ITALIANA FINE DELLA CORSA

sn bricompagniRiceviamo e pubblichiamo questa approfondita analisi politica, che, in questi giorni di Job’s Act e Legge di Stabilità, trova il suo pieno riscontro nella sparizione definitiva della Sinistra Italiana, annacquata dal Renzismo e dal Berlusconismo.

Introduzione

Prima di qualunque proposta riguardante l’attuale situazione politica  occorre rileggere la crisi che ha investito il nostro sistema. Non si tratta, infatti, di una crisi solo  economica, che comunque esiste e genera non pochi problemi, ma di una serie di mutamenti che hanno contrassegnato gli ultimi decenni e hanno creato un clima di tensione e di latente pericolosità.    Continua a leggere

Pubblicato in Articoli | Contrassegnato , , , , , , | 11 commenti

LE MAFIE SONO NEMICHE DELLA COMUNITA’ NAZIONALE

mafieRiteniamo TUTTE LE MAFIE una malattia tumorale endemica italiana, che un Governo deve avere l’obbligo di provare ad estirpare, senza strane connivenze istituzionali o territoriali. Quello che ormai nel 2014 si può definire una pandemia che ha colpito tutta la Nazione, rischia di ostacolare in partenza, qualsiasi timido tentativo di risveglio e rinascita nazionale. Segnaliamo quindi il report del secondo semestre 2013 a cura della meritoria Direzione Investigazione Antimafia. La visione del report permetterà al lettore di rendersi conto della complessità e della gravità delle mafie italiane e delle mafie straniere, che disegnano un panorama devastante del territorio italiano. Uno “Stato nello Stato” che per noi non è concepibile nè moralmente nè politicamente. Devono essere liberate immediatamente risorse per la Direzione Antimafia e per le forze dell’Ordine che combattono sui territori, ed al contempo chiuse le frontiere per prevenire la diffusione delle non meno organizzate Mafie Straniere.  (Uff. Politico U.S.N.)

Report: http://www.interno.gov.it/dip_ps/dia/semestrali/sem/2013/2sem2013.pdf

 

Pubblicato in Commenti | Contrassegnato , , , , | 3 commenti

ESSERE ITALICI: “DELL’AMOR PATRIO”

Riceviamo e pubblichiamo questo magnifico contributo perchè in questi momenti in cui la Comunità Nazionale vacilla sotto i colpi dell’Usura Internazionale con il concorso dei camerieri italioti, servono “puntelli metapolitici e spirituali” con cui fortificare il nostro modo di Essere Italici.

cartolina

In un discorso tenuto nel 1972 all’Accademia Militare di Modena, Cefis affermò: “La mia patria si chiama multinazionale“. La Patria di chi scrive, la mia Patria si chiama ROMA ITALIA EVROPA. La Nostra Patria! Dall’Atlantico al Mar del Giappone ! UNO STATO UNA PATRIA UN POPOLO ! Un’UNICA PATRIA libera dalle Multinazionali, dal globalismo, dal mondialismo, dal pensiero unico, dall’Usura! Un’ITALIA Unita Forte Libera Sovrana in un’EVROPA dei PADRI e dei FIGLI ! Forti Liberi Sovrani…Armati ! E’ un cammino questo, da fare insieme, alla pari ! Accarezzo la mia Patria…le mie Radici Originarie…e m’incammino. (UNO.)

Continua a leggere

Pubblicato in Intorno a NOI, L'Angolo del Ribelle | Contrassegnato , , , , | 3 commenti

SUGGERIMENTI DAL PASSATO

corradiniNoi Socialisti Nazionali ci siamo … ma gli altri ancora a coltivare giardinetti autoreferenziali ?

“Ho esaminato seriamente l’ipotesi di una collaborazione tra noi (futuristi, arditi, fascisti, combattenti, ecc) e i Partiti cosiddetti di avanguardia: socialisti ufficiali, riformisti, sindacalisti, repubblicani……..io mi sono preoccupato esclusivamente di cercare il terreno comune, nel quale si possa, noi e loro, associare gli sforzi e marciare d’intesa verso lo stesso obiettivo. Il terreno comune c’è; la lotta contro le attuali classi dirigenti, grette, incapaci e disoneste, si chiamino borghesia o plutocrazia…o parlamentarismo. Ma i Partiti pseudo avanguardisti e pseudo rivoluzionari…mai hanno fatto il più timido gesto di simpatia o di interesse verso idee e temperamenti ai quali dovrebbero sentirsi attratti per istinto ! Perché ?   Continua a leggere

Pubblicato in Commenti | Contrassegnato , , , | 2 commenti