CITTADINI DI ROMA E PREDATORI DELL’UMANITA’.

Inquadriamo uno scenario che può essere fantasioso quanto estremamente realistico a seconda di come la si vuole vedere ma che riflette in ogni caso un dato di fatto; il mondo come lo leggiamo sui libri di Storia di oltre 65 anni fa é mutato anche se NON é mutato il fronte che vede comunque contrapposto “il Sangue all’oro (o “loro”)”.

Dunque lo scenario potrebbe prevedere un innalzamento delle situazioni di crisi con l’innesco di quella migrazione che definire “biblica” pare anche poco solo se si considera che oltre la fascia mediterranea c’é tutto l’ammasso di popolazioni alla fame nella ben più popolosa area subsahariana. Tutto ciò al di là ed oltre il semplice senso di ribellione verso un “tiranno” o una “marionetta al soldo amerikano” perché si tratta in realtà di una migrazione legata ai cambiamenti climatici in atto che porteranno alla “Guerra per l’acqua” già prevista da molti autorevoli studi.

E su ciò soffia sul fuoco una realistica ed affatto fantasiosa strategia millenaria ben leggibile, senza bisogno di grandi decodificazioni, su testi di volta in volta definiti profetici o mistificatori ma che in ogni caso dimostrano, allo stato dell’arte oggi, di essere quanto meno credibili ai nostri occhi moderni; questa strategia delinea l’evidente “necessità” di rendere schiava la massa umana nel suo complesso per permettere ad una schiera “illuminata” di poter gestire al meglio e per il proprio gruppo di appartenenza le risorse (poche o tante, soprattutto le “poche”) della Terra nella visione apocalittica del “ne rimarrà solo uno”…..o comunque per sopravvivere forse sperando nel frattempo di aver trovato magari un altro pianeta disponibile da colonizzare.

Tutto ciò significa che per chi é al di fuori di questo gruppo non c’é altra speranza che crepare di fame, e/0 soprattutto di sete, e/0 “vivere” per servire i “padroni della Terra” fino a che si é a loro “utili”.

Come dicevo all’inizio dell’intervento il mondo é nel frattempo mutato nella sua accelerazione tecnologia e geopolitica e dunque anche le relazioni tra stati e popoli. Questo significa che non é pensabile oggi considerare a tutti i costi “alleati” gli stessi di allora nella forma statica in cui é fissata storicamente ma diventa indispensabile ritrovare un principio unitario che identifichi la linea di combattimento contro i “predatori” dell’Umanità nel suo insieme e della nostra Stirpe nella sua eccezione.

Il Fuoco Sacro é Nostro, non di altri, e dunque noi siamo coloro che devono custodirlo; chi ci vorrà essere al fianco sarà “cittadino di Roma”. Per tutti gli altri…………solo sale su Cartagine !!!

Lupo Alfa

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Commenti e contrassegnata con , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

9 risposte a CITTADINI DI ROMA E PREDATORI DELL’UMANITA’.

  1. ivan ha detto:

    condivido il pensiero di lupo alfa il fuoco sacro è nostro. dunque siamo noi ha costudirlo.
    saluti ivan

  2. Nuvola Rossa ha detto:

    Parole sante….camerata!!!

  3. Fernando Volpi SN ha detto:

    Purtroppo anche ieri è morto un altro ragazzo italiano per combattere una guerra che non gli apparteneva e che non appartiene alla nostra Patria. Non siamo di quelli che piangono i morti in battaglia, anzi li innalziamo agli onori ed al ricordo; ma è ora di far comprendere alla nostra migliore gioventù che il fronte dove impegnarsi è molto più vicino di una landa desolata dell’Afghanistan.
    Onore al Ten. Alpino Ranzani !!

  4. ivan ha detto:

    onore al ten. alpino ranzani fedele al giuramento che ha fatto alla patria.
    uomo di onore è fedelta
    saluti a noi ivan

  5. Maurizio Canosci SN ha detto:

    E’ evidente che il nostro messaggio é rivolto alla classe politica senza palle che ci ritroviamo la quale TUTTA (il parlamento ha sempre votato unanimamente per i rifinanziamenti della missione in Afghanistan, maggioranza e opposizioni senza distinguo !) accetta di essere serva !
    Poi ce la prendiamo anche con gli alti vertici militari da sempre proni e senza nerbo che accettano senza fiatare sia le riduzioni dei fondi che le dissennate convenienze politio-partitiche.
    Non possiamo che stringerci invece ai Fratelli in divisa che pur “professionisti” e dunque coscienti dei rischi che il loro lavoro comporta danno almeno dimostrazione di abnegazione al sacrificio imposto ed ai rischi connessi fornendo almeno una visione dignitosa del nostro antico valore combattente anche e soprattutto ai cosiddetti “alleati” (ma la storia gira,gira……!)

  6. Antonio ha detto:

    Come fare a non essere in sintonia con i tuoi concetti Lupo Alfa, il problema è farlo capire al gregge, vittima consapevole di un incantesimo che dura da oltre 65 anni. E la mia non è solo mera opinione personale, ma dramma che vivo quotidianamente sulla mia pelle e che vedo estendersi a tutti coloro che hanno deciso di vivere la loro vita in maniera coraggiosa e da uomini liberi. Dobbiamo dare una sveglia a questo torpore generalizzato. Io sono con Voi
    Eja

  7. Lupo Alfa ha detto:

    A questo punto Antonio il problema del gregge rimane tutto il loro; noi Lupi abbiamo da pensare solo a difendere il nostro Branco…………..

  8. ivan ha detto:

    difendiamo il nostro branco.quando il branco sarà grosso e forte mangeremo il gregge
    saluti a noi ivan

  9. Fernando Volpi SN ha detto:

    Ringrazio per i commenti ed il ricordo prestato al giovane alpino morto. Torno a ripetere quanto detto da Lupo Alfa…..un militare professionista è consapevole dei rischi che corre e fa parte della sua condizione di soldato la possibilità di morire in combattimento. Così come fa parte del nostro costume di uomini con gli attributi rispettare tutti coloro che combattono con onore, siano o meno dalla parte che ci piace o non ci piace…..siamo fatti così !! Ciò non mi distoglie comunque dal ripetere che questi nostri giovani sono sul fronte sbagliato e muoiono per combattere una guerra che non appartiene a nessun popolo, se non a quello che è stato aggredito in casa propria.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...