APRIRE LA SUCCESSIONE.

Attraverso un asfissiante ed ossessivo ricatto mediatico, opportunamente messo in campo dai soliti noti, tutto il mondo è tenuto con il fiato sospeso in attesa dell’esito del duello tra democratici e repubblicani in atto negli Stati Uniti d’America, Stati Uniti che qualcuno che conosceva bene la situazione interna, ebbe a definire – in epoca non sospetta – l’unico paese al mondo che é passato dalla barbarie alla decadenza senza attraversare un solo giorno di civiltà. Ha un senso tutto ciò ?

E, in definitiva, qual’è il vero motivo del contendere ? Strano a dirsi e paradossale ad ammetterlo ma si tratta soltanto di legalizzare una funzione giuridica attraverso formule diverse dove però il problema di fondo, non solo rimane irrisolto ma non viene proprio affrontato nelle sue cause scatenanti che altro non sono che cause da ricercare all’interno del “sistema americano”.

Alzare il livello di debito ammesso e consentito attraverso l’emissione di altra moneta a debito, significa continuare ad invadere il mondo con carta straccia chiamata dollaro che, per convenzione imposta unilateralmente con le armi, è lo strumento che regola le transazioni commerciali e finanziarie a livello planetario; e nemmeno il tanto decantato Obama si arrischia a fare l’unica mossa utile, la nazionalizzazione della Federal Reserve per il recupero della sovranità monetaria !

E tutto ciò comporta, da parte della cricca usurocratica anglosassone, di poter continuare a scaricare gli effetti del debito sugli altri arricchendosi e destabilizzando contestualmente la vita politica ed economica dei popoli e delle nazioni rese schiave con la forza delle armi e con il ricatto economico.

A rendere ancora più drammatica la situazione il fatto che i popoli sono volutamente tenuti all’oscuro sul meccanismo perverso del signoraggio e dell’usura da parte di una classe politica di governo e di opposizione servile ed in stato di totale sudditanza nei confronti della cupola plutocratica.

L’Italia sta vivendo uno dei suoi momenti peggiori in cui il masochismo e la rassegnazione sono gli stati d’animo dominanti di un popolo sottoposto ad una serie di provvedimenti punitivi finalizzati ad un progressivo impoverimento economico e morale ed alla perdita definitiva ed irreversibile della propria identità nazionale.

 Assiste impotente e senza reagire alla destrutturazione dell’organismo “stato-nazione “,  che è l’obiettivo finale di quel mostro senza volto e senza patria che vuole dominare il pianeta.

In tale contesto non c’è che da prendere atto che occorre aprire – senza indugio – la successione ai sistema politico-istituzionale imposto all’Italia dai vincitori della 2a Guerra mondiale, se vogliamo ancora sperare di poter vivere da uomini liberi.

Il lungo dopoguerra è durato anche troppo ! Si tratta soltanto, da parte delle componenti di quel “Fronte Comune’ che si sta coagulando attorno a “Rinascita “, di verificare se lo stesso sarà all’altezza di rivendicare il diritto alla successione. Liberiamoci dai liberatori, il nostro grido di battaglia, ma non solo: definiamo al più presto i “postulati “per un’azione politica costruttiva.

Maurizio Canosci – Presidente C.S.S.N.

Stelvio Dal Piaz – Decano del C.S.S.N.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Commenti e contrassegnata con , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a APRIRE LA SUCCESSIONE.

  1. wids72 ha detto:

    Viviamo indubbiamente un altro ’29 nella storia economica umana. Obiettivamente viviamo le premesse come all’epoca che portarono al secondo conflitto mondiale. Chiaramente la relativa eta che abbiamo non consente concretamente di confrontare gli effetti dei due periodi se non analizzare storicamente ciò che è avvenuto allora. In qualunque modo siamo pronti almeno coscienziosamente a quali conseguene siamo chiamati ad essere sottoposti dal sistema creato dai burocrati-banchieri del liberal-capitalismo. Dobbiamo essere uomini temprati a vivere gli effetti devastanti di quest’epoca di dissoluzione che sta investendo non solo la politica, i sistemi economici ma in particolare lo spirito dell’uomo. Sempre pronti a questa battaglia spirituale-culturale siamo vivi più che mai…In alto i cuori!!!!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...