NOI PATTI CHIARI. PREPARIAMOCI.

Il redde rationem è arrivato. Ora il gioco si fa duro; eclissandosi la parentesi berlusconiana (ma resisterà purtroppo certo becero berlusconismo che dobbiamo debellare culturalmente) il vero NEMICO DA AFFRONTARE diventa il moloch anti nazionale dell’Usura apolide ed internazionale i cui referenti sono ormai – in modo acclarato – la sinistra dei salotti buoni (tutta liberismo, privatizzazioni e precariato, alla faccia della dignità del Lavoro) ed il terzo polo di quel centrismo che fu già il male del dopoguerra con la sua malversazione, succube come è sempre stato della sudditanza all’invasore anglo-amerikano – e del suo gangsterismo innato – e l’ingerenza ecclesiale temporale.

Noi siamo in continuità ideale con i Soldati dell’Onore che nel 1943 seppero rispondere con la forza della Dignità e dell’Etica, in arme, all’invasione bellica; ora siamo allo sterminio sociale, economico-finanziario che le truppe cammellate dei colletti bianchi della tecnocrazia stanno attuando contro di noi, contro le nostre “Gentes” e non rimarremo inermi affrontando con lo stesso coraggio, seppur in condizioni diverse e con modalità diversa (fino a prova contraria), il tentativo di assoggettarci definitivamente.

La nostra critica al cavaliere ed ai suoi peones é sempre stata sincera e rimane in tutta la sua evidenza; incapaci anzitutto, ed anch’essi camerieri del potere giudaico-massonico. Ne paghino le conseguenze ma non sono più loro il nostro problema.

Ci furono Giuda Iscariota ieri (badogliani, nichilisti, panciafichisti, opportunisti, borsari neri) e ci sono molti Giuda Iscariota oggi (tutte le conventicole partitiche senza più Idee/forza che le sorreggono ma solo l’interesse particolare di casta) che sono da tempo proni senza dignità di fronte agli ukase dell’avidità di chi monopolizza l’emissione del denaro attraverso l’inganno del signoraggio monetario; contro di loro innalzeremo i nostri scudi e le nostre bandiere della risposta ferma sociale, libera e nazionale di chi non vuole diventare schiavo né di “mammona”, né di potenze straniere, né di utopie da “sciancati della storia” (quelle di coloro che invece di combattere con i nostri padri in camicia nera fecero i sicari prezzolati di chi ci ha reso colonia !). 

E noi saremo avanguardia della dura lotta della sopravvivenza del nostro Popolo. E la lotta non passa per gli ennesimi, ridicoli, inconcludenti ludi cartacei, No !

Anzi è proprio nell’invitare sempre più italiani a non cedere allo specchietto per le allodole della “democrazia” di lor signori che saremo in grado veramente di delegittimare in modo prorompente tutta la casta, e soprattutto quella più serva e disgustosa degli adoratori del “vitello d’oro”.

La casta non si vota, si sputtana giornalmente nelle strade, parlando con i connazionali, aprendo loro gli occhi e presentando un progetto alternativo di Stato, di bene comune, di lavoro e della sua dignità, della proprietà del popolo della propria moneta quale semplice strumento di scambio, di un sentimento comunitario di appartenenza ad un destino che non può essere disgustosamente individualistico ed egoista.

Abbiamo sempre avuto ragione; ora é il momento di rammentarlo ai più.

Prepariamoci !

La Presidenza di SOCIALISMO NAZIONALE
M.C.
Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Comunicati e contrassegnata con , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

4 risposte a NOI PATTI CHIARI. PREPARIAMOCI.

  1. Vincenzo Caravona ha detto:

    Il momento dell’azione e’ arrivato,semianiamo il nostro credo e sputtaniamo la casta,affamatrice dell’intero popolo italiano,siamo noi gli eredi dell’RSI,di quegli eroi che combatterono il potere ebraico massonico e che si tolsero di dosso il marchio di infami traditori che da quel famigerato 8 settembre ci fu applicato,il nostro momento e’ ORA

  2. lupoalfa ha detto:

    Occorre lavorare duramente sul territorio di competenza per dare viva voce al nostro progetto politico. Prima ci si organizza e meglio avremo modo di difenderci dall’uragano……

  3. wids72 ha detto:

    Culturalmente non ci siamo mai allineati ai servitori colonialisti usocrati apolidi perchè una dignità innata dall’essere uomini liberi ci ha sempre animato nell’azione e nel pensiero di una vita quaotidiana votata al sacrificio. Nulla della casta ci riguarda e sempre questa ha avuto in noi una riluttanza profonda. Ogni giorno deve essere votato nell’esempio e nella testimonianza qale sia il nostro progetto e fare proseliti conseguenti di coloro che xsi sentono liberi…Noi siamo pronti ad invocare lalibertà nella giustizia. In alto i cuori!!!!

  4. Davide ha detto:

    Propongo l’astensionismo attivo (di cui francamente sono venuto a conoscenza solo da pochi mesi). Sembrerebbe che tale iniziativa, qualora fosse presa sul serio, potrebbe far saltare il carosello elettorale.
    Bisognerebbe approfondire l’argomento…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...