NON E’ TEMPO DI FILOSOFARE.

Non è più tempo di filosofare ! Stanno già ingrassando la corda e quando ce l’avranno passato sul collo non ci rimarrà che pregare, ognuno il suo Dio, nella speranza che perdoni l’ignavia che paralizza gli italiani e gli europei tutti in questo momento. La peste e la lebbra, portata dai gretti mercanti delle banche usuraie, si stanno abbattendo come un flagello sull’Europa dei popoli e delle nazioni.

I rappresentanti del sozzo capitalismo cosmopolita, della plutocrazia più sanguinaria, più rapinatrice, più egemonica dell’universo, vuole ridurci in schiavitù.

E’ un disegno che viene da lontano e che sta trovando attualmente al governo delle nazioni, loschi compari che, nel loro cinismo ripugnante, sono insensibili a qualsiasi sentimento di umanità.

E’ un complotto contro la nostra civiltà ! Ecco perché, noi socialisti nazionali nel lanciare questo messaggio, affermiamo con forza che non è più tempo di filosofare, o di dividersi in cavilli dottrinari la cui soluzione dialettica potremo risolvere dopo, quando avremo sconfitto la piovra.

Questo è il momento in cui gli antagonisti al sistema capitalistico, debbono unirsi nella dottrina dell’azione. L’Unione nasce da un bisogno d’azione e deve essere azione; non deve essere “partito” ma anti-partito e movimento, avanguardia di popolo per una lotta di popolo.

La crisi economica creata dalla plutocrazia mondialista per sottomettere i popoli attraverso la moneta-debito, ha aperto anche la crisi del sistema politico nazionale.

Questo comporta che si è aperta la successione all’attuale sistema demo-parlamentare e noi non dobbiamo essere degli imbelli ma dei ribelli.

Niente sarà più come prima! Dobbiamo correre, dobbiamo agire, e se la democrazia delle deleghe, quella che noi definiamo la democrazia senza “demos” sarà superata, dovremo essere noi, gli antagonisti, ad occupare il suo posto.

Il diritto di successione ci viene perché siamo azione propositiva di un progetto alternativo, quello della società partecipativa, ed inoltre, perché siamo anche “avanguardia di popolo.”

(Stelvio Dal Piaz)

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Commenti e contrassegnata con , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

9 risposte a NON E’ TEMPO DI FILOSOFARE.

  1. wids72 ha detto:

    Il tempo è giunto dell’azione nel proponimento di un chiaro ed efficace programma di rinascita nazionale tradottosi in un movimento-comunità che rompe quegli schemi ideologici dicotomici destroidi e sinistroidi. Ormai è il tempo di diffondere un nuovo progetto che si incarna in menti libere i quali nell’azione ne fanno un cardine imprescindibile. Antagonisti nel pensiero e nell’azione!!!!….In alto i cuori.

  2. maurizio castagna ha detto:

    finalmente parole sensate,vedere due schieramenti,entrambi completamente avversi al capitalismo usuraio combattersi frontalmente fa davvero male….ma ora vi chiedo : perchè non unire le vostre forze agli schieramenti identitari? In effetti tutti noi che vediamo nel futuro una federazione delle antiche nazioni italiche-non il becero regionalismo fiscale proposto dal Parlamentino italiano-siamo per memoria storica e pratica quotidiana nemici dell’Usura finanziaria. Non disconosciamo l’italianità delle nostre terre,ma il mostro unitario creato dalla crudele finanza imperialista britannica….: quella che ha imposto lo sfruttamento selvaggio delle nostre terre e del popolo da parte delle multinazionali e degli asset finanziari stranieri. Batterci l’un contro l’ altro armati, mi sembra una imbecillità…le Nazioni di cultura italiana erano luce del mondo prima della malaunità proposta e imposta dalla City…….dopo, un lungo percorso,fatto anche di grandi momenti,ma che ci ha inevitabilmente condotto dal Moloch che aveva preparato tutto…..anche io vedo la soluzione al probema dello Stato sociale passare attraverso la socializzazione,e i punti di Sansepolcro restano fondamentali,ma ho messo da parte questo per combattere assieme ad altri la battaglia per il recupero delle sovranità,sul territorio ,sull’economia ,sulla moneta…..noi identitari per primi abbiamo per ora lasciato da parte le ideologie per batterci uniti, spero che queste considerazioni vengano accolte da voi con propositività e spero qualcuno mi risponda…..sono col mio nome su FB e lascio qui la mail…grazie….
    maurizio castagna

  3. Maurizio Canosci ha detto:

    Maurizio Castagna, ti ringrazio di aver voluto lasciare un interessante commento sul nostro sito e sai che non abbiamo preclusioni di fondo ad operare in un fronte comune con chicchessia per la riconquista della Sovranità di Popolo fermo restando che per noi non può esserci che una unica Identità che é Nazionale. Ciò non significa non riconoscere le tradizioni culturali che ogni territorio italiano può aver espresso nel corso dei secoli ma che non possono prescindere dal senso di appartenenza spirituale ad una Stirpe che già il Petrarca e il Dante – pur in tempi di divisioni feroci – non esitavano a declamare con il nome Italia. Questo a scanso di equivoci che già in passato ci hanno mosso a polemiche che se erano inutili allora lo sarebbero ancora di più nella eccezionalità dell’oggi. L’attacco usuraio é anti-nazionale per origine e concetti e sarebbe sciocco (come fa la Lega con il suo gioco sporco di falsa opposizione) credere di poter salvare qualcosa con singoli identitarismi. O ci salviamo tutti insieme come Comunità di Popolo nel suo complesso o rimarremo schiavi in ogni lembo d’Italia, sia esso del sud, del centro o del nord.
    La mia mail la trovi nella pagina “struttura”.
    Un cordiale saluto e mi auguro di trovare modo di continuare il dialogo.
    La Presidenza di U.S.N.
    Maurizio Canosci.

  4. Articolo che condivido in pieno. Il sistema liberal-capitalista autoelettosi vincitore nel confronto con il modello comunista sovietico è fallito, resistendo solo 20 anni dopo la caduta di quest’ultimo. Ora emergono palesemente i suoi limiti e i suoi difetti, lasciando spazio a chi ha sempre sostenuto una terza via, alternativa a questi due sistemi che si sono dimostrati antistorici e fallimentari. La svendita del patrimonio nazionale è iniziata, così come le grandi manovre per la macelleria sociale e le superstangate riesumando ICI e aumentando altre imposte. Le riunioni segrete di massoniana memoria nei sotterranei dei palazzi del potere tra pd-pdl-udc per spartirsi quelle poche poltrone rimaste rappresentano il de profundis di una classe dirigente che ha fallito su tutta la linea negli ultimi 17 anni, dopo essersi proclamata come “salvatrice” della Patria con una seconda repubblica sbandierata come svolta rispetto alla prima, ma che di fatto ne è solo una copia mascherata. Serve un fronte comune certo, ma nazionale e unito nella comune lotta verso quel mostro tentacolare che è la cupola composta da bce-fmi-ue-usa e compagnia. La Germania si sta già preparando in gran segreto (nemmeno così “gran” poi) al crollo dell’euro. E quando accadrà l’intera UE imploderà. Faremo bene ad essere pronti.
    [Emanuele Piloni]

  5. Maurizio Canosci ha detto:

    Sì Emanuele, occorre continuare a creare Raggruppamenti territoriali comunitari; noi lo stiamo facendo e ci auguriamo che crescano prima possibile perché é chiaro che da ora in avanti la linea di combattimento semplicemente si dividerà tra “collaborazionisti” atlantici al soldo dell’usura e Uomini Liberi a tutto tondo !

  6. Eric Maulbersch ha detto:

    Tempo è venuto dell’azione….

    E.Maulbersch

  7. Anonimo ha detto:

    grazie.. articolo interessante condivido in pieno l´analisi.. e l´incitamento a costruire un fronte comune al di lá delle ideologie che ci possa rendere liberi da quel cappio che stringe la gola a milioni di italiani..

  8. Antonio Pocobello ha detto:

    Cari sociali,
    condivido Dal Piaz ma fa i conti senza l’oste ovvero la mancanza di mezzi economici e di militanza diffusa.
    Condivido Maurizio Castagna quando vi invita ad unirci con tutti i gruppi identitari anti capitalisti e anti banchieri usurai detentori la proprietà dell’emissione monetaria.
    A me resta il fallimento di non aver saputo o, potuto unire l’area intorno alla volontà testamentaria della RSI e del Duce.
    http://pocobello.blogspot.com/2010/01/fascismo-e-antifascismo-per-una-nuova.html
    Come pure mi resta il fallimento di non essere stato capace di far capire la verità e le motivazioni che portarono allo svuotamento dell’Italia con una unità per gli allocchi.
    http://pocobello.blogspot.com/2010/03/perche-non-festeggio-i-150-anni-di.html

    Oggi io sono al seguito di un ex comunista che sa declinare le vere necessità del popolo meglio di voi ricredendosi sul 25 aprile e sulle opere bancarie e industriali del fascismo. Lo potete ascoltare in questo video.

    Il mio sforzo attuale e assolutamente primario è quello di mettere insieme gruppi e partitini per la riappropiazione dell’emissione monetaria.

    Solo se riusciremo ad essere Uniti e ad avere nostri rappresentanti parlamentari di sicuro affidamento, che potrebbero essere anche del socialismo nazionale, potremo avere qualche possibilità di successo.

    Siate umili anche Voi e cercate di stringere contatti con quanti sono per la sovranità monetaria e popolare. Amici ed anche nemici politici.

    Ecco perchè vi chiedo una risposta di adesione in merito.

    Un socialista nazionale che preferisce sempre chiamarsi SOCIALE per la socializzazione della RSI.

    Antonio Pocobello

  9. Maurizio Canosci ha detto:

    Guarda Antonio che noi anche una settimana fa ad Arezzo abbiamo partecipato ad una riunione “trasversale” sul tema della democrazia diretta e quanto segue, quindi é da tempo che non ci tiriamo indietro nei contatti “aperti”. Altra cosa invece é aderire ad un movimento; noi siamo per un “fronte comune” (cfr. Rinascita) dove ognuno mantenga comunque visibili le proprie identità dottrinarie, senza preclusioni ma senza “anonimati” perché la dignità sta anche nel volerci chiamare per nome e cognome.
    Saluti.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...