QUI, QUO QUA E IL PATTO SCELLERATO.

Ovviamente, Qui, Quo, Qua cui facciamo riferimento non sono i nipotini di Paperino, ma il trio formato da Alfano, Bersani, Casini, cioè i segretari dei partiti che sostengono il governo “lacrime e sangue” del professore Presidente della “Trirateral” per l’Europa. L’accordo fra i tre che costituiscono la maggioranza parlamentare su cui Monti sta contando per attuare il programma imposto dagli organi plutocratici sovranazionali, è un accordo tattico dal momento che essi non esprimono una omogenea linea ideologica per la loro stessa intrinseca natura politica variamente composita e che raccoglie tendenze diversificate a livello elettorale.

Il patto scellerato che si sta consumando in questi giorni fra i tre e il professore, soddisfa gli interessi egoistici di tutti i contraenti: Qui, Quo, Qua assicurano al rappresentante della plutocrazia mondialista un sostegno parlamentare pieno ed incondizionato sulle infami misure che lo stesso sta predisponendo e che prevedono impegni gravosi che condizioneranno la vita degli italiani almeno per i prossimi venti anni, e il professore – da parte sua – favorirà il varo,  sia di una nuova legge elettorale blindata nell’interesse dei partiti che lo sostengono, che le modifiche costituzionali conseguenti e coerenti con gli scopi utili alla partitocrazia responsabile della crisi.

Del resto non occorrono molte parole per illustrare la caotica e fallimentare situazione della società italiana. E non facciamoci illusioni: il male ha posto così salde radici, la viltà e la connivenza della classe dirigente e politica italiana sono così assidue e palesi, la complicità e l’insipienza di larghi strati della popolazione sono così evidenti, che occorreranno decenni perché si possano riparare i danni gravissimi, annullare leggi deleterie e vessatorie e ricostruire piano, piano la saldezza morale di un popolo attualmente svuotato di quei valori e di quegli ideali che rappresentano il solo grande baluardo contro le insidie della vita, le sopraffazioni della plutocrazia e la corruzione degli uomini.

Quali, in concreto, le cause, i modi, i risultati di questo tracollo? Quali, in dettaglio, le possibilità, i modi di ovviarvi? Questi problemi, spesso aggravati dalla miopia politica di questi stessi partiti che stanno predisponendo perverse manovre per garantirsi la sopravvivenza dopo il governo Monti, sono stati coraggiosamente e chiaramente indicati da noi socialisti nazionali, dal quotidiano “Rinascita”, dalla rivista “L’Uomo Libero”, insieme con le concrete proposte di soluzioni particolari e generali.

Adesso non abbiamo timore di indicare, come inizio della soluzione, la necessità di una “INSORGENZA POPOLARE” che i fatti odierni giustificano pienamente, una insorgenza che richieda con forza e determinazione l’apertura di una “fase costituente” rappresentativa di tutte le culture politiche e sociali senza blocchi ed esclusioni. Nel momento attuale della società italiana il sistema demo-parlamentare asservito al potere usurocratico sovranazionale, si presenta come problema che condiziona la vita degli italiani perché non corrisponde alle esigenze  ed agli interessi della nazione Italia inserita in una superiore visione geostrategica euro-asiatica.

Noi socialisti nazionali, pertanto, richiediamo un totale rinnovamento istituzionale perché è ormai evidente che il cittadino medio italiano oggi non si riconosce nello Stato quale esso è: non si riconosce nella giustizia amministrata dagli organi di questo Stato, non  si riconosce nell’ordine garantito dallo Stato, non si riconosce nella moralità della classe dirigente che incarna lo Stato, non si riconosce nella funzionalità e nella rappresentatività degli organi dello Stato, a cominciare dal parlamento. E quando rileviamo che il cittadino medio italiano non si riconosce nello Stato, ci riferiamo ai cittadini italiani di ogni ceto sociale e di ogni tendenza politica che, per superiore sensibilità, hanno acquisito la consapevolezza della grave situazione di crisi che non è solo economico-finanziaria, ma che ha investito valori, contenuti e strutture. L’evidenza dei fatti dimostra sempre di più che il regime nato dal tradimento e dalla sconfitta ed imposto dai vincitori, è responsabile della situazione di degrado morale ed economico in cui è stato gettato il paese che si chiama ancora Italia.

In siffatte condizioni i socialisti nazionali rivendicano con forza il ruolo e la responsabilità del recupero della piena sovranità territoriale ed economica e, quindi, della rinascita della Nazione. Sulla scorta di queste valutazioni, noi socialisti nazionali proponiamo, con l’apertura della fase costituente, una riforma organica di tutta l’impalcatura statuale, sempre più consapevoli che una crisi violenta ha ormai investito finalità, funzioni e strutture dello Stato italiano, crisi che se si vuole contrastare e superare,  il solo modo è quello di riaprire il corso di un armonico procedere prestando particolare attenzione alle situazioni su cui necessariamente poggia l’edificio sociale, al fine di verificare e di ricreare la funzionalità al sistema anche  attraverso la saldatura tra tecnica ed umanesimo, estremamente necessaria in una società che sta vivendo una rivoluzione tecnologica disumanizzante.

Stelvio  Dal Piaz

lanzichenecco29@gmail.com

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Commenti e contrassegnata con , , , , , , . Contrassegna il permalink.

4 risposte a QUI, QUO QUA E IL PATTO SCELLERATO.

  1. OVVIA CONVERGENZA DI VEDUTE E DI PROGETTI. Tuttavia, la percezione della situazione, oggi, è prerogativa di pochi. In questa fase, che non richiede per il momento alcuna Costituente, bisogna essere capaci di raggiungere la maggior parte delle persone capaci di riflette. Organizzazioni che si muovono in tal senso sono molte. Tuttavia la sensibilizzazione al problema ( strettamente legata alla comprensione della sua soluzione che noi proponiamo) è ancora lontana.

  2. Anonimo ha detto:

    Caro Giorgio, hai perfettamente colto il nostro spirito; lavoriamo senza sosta proprio per “acculturare” ed “informare” e permettere a più persone di comprendere…..poi le cose potrebbero scivolare anche a valle da sole……(speriamo !)
    Un abbraccio
    Maurizio Canosci

  3. Renato Bianchi ha detto:

    se c’è da insorgere io sono PRESENTE

  4. lupoalfa ha detto:

    Ne prendiamo nota Renato, grazie ;-)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...