UOMINI VERI E PROVOCATORI….

Non abbiamo nessun problema a renderci partecipi della tragedia personale di Luca Abbà che ha voluto rischiare in proprio sulla sua pelle una forma eclatante di protesta contro l’azione prevaricatrice del potere economico nei confronti del territorio della Val di Susa e siamo solidali con la popolazione di quel territorio che respinge l’assalto mercantilistico delle lobbies d’affari che pretendono di smantellare la vivibilità della gente in cambio di fumose quanto non conciliabili pretese di profitto per una realtà strutturale di cui sinceramente non si comprende la vera utilità sostanziale.

Ma non possiamo accettare e rimanere spettatori muti di una scena sicuramente priva di onore e lealtà se si tratta di provocazione stupida come minimo se  non – peggio – di una volontà agitatoria pro domo quegli stessi interessi di cui a parole si dice voler combattere.

Ci riferiamo senza tanti giri di parole al video in cui appare un sedicente “rivoluzionario” profferire impunito parole dementi ad un carabiniere in servizio che é costretto muto ad accettare l’aggressione verbale senza reazione diretta.

E lo diciamo non per difendere l’uomo in divisa in quanto tale – che é bene ricordarlo, per non generare equivoci, é certamente al servizio di un potere meschino ed iniquo – ma per difendere la dignità e la lealtà della lotta rivoluzionaria; in una fase di insorgenza é lecito ritenere che chiunque si pone di fronte  in contrapposizione a noi a difesa del sistema che si vuole abbattere diviene automaticamente un nemico ma é altrettanto chiaro che abituati come siamo ad agire virilmente questo nemico lo affrontiamo lealmente come conviene ai soldati politici e non vigliaccamente attaccandoci alla asimmetria delle regole d’ingaggio che prevede da un lato la totale libertà anarchica e dall’altra l’imposizione di ferree regole disciplinari.

Qui sono in molti a “giocare sporco”; il potere da una parte che affida tutte le responsabilità sulle spalle di “servitori” mal pagati e mal gestiti, alcune frange di agit-prop dall’altra che spesso e volentieri risultano a libro paga di forze devianti e deviate, il tutto per ottenere un risultato evidente che é quello della strategia della tensione che da tempi passati riemerge con tutto il suo perverso torbido carico d’iniquità sociale.

Di questo passo é facile prevedere una recrudescenza della repressione di ogni voce libera, di una stagione di mirati stillicidi che complessivamente danno meno pensiero all’oligarchia di potere perché molto meglio gestibili rispetto ad una conclamata rivolta popolare complessiva.

Noi socialisti nazionali non ci faremo assolutamente “arruolare” tra gli sciocchi di cui il pusillanime “antagonista” é la plastica rappresentazione ma non indietreggeremo di un passo nella nostra giornaliera denuncia contro l’illegittimo governo tecnocrate che sta accelerando il processo disgregativo della Comunità Nazionale.

Nei fatti invitiamo tutti gli italiani (compresi gli addetti delle “forze dell’ordine”) a sollevarsi uniti contro il potere occulto che anche in Val di Susa vuole precettarci tutti come sudditi mentre la dignità di un Popolo passa per la consapevolezza di voler essere Uomini Liberi ……..” e non pecore matte……” !

Lupo Alfa

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Comunicati e contrassegnata con , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

2 risposte a UOMINI VERI E PROVOCATORI….

  1. antifa ha detto:

    Ma state tranquilli che noi facciamo a meno di voi rossibruni che siete 4 sfigati malcagati in tutta italia . Vi abbiamo allontanato dai nostri movimenti quando tentavate infiltrazione nel campo antimperialista emarginandovi ve rode ancora ragazzuoli . 4 vecchi de merde siete contati un emerito cazzo neanche per i fascisti del terzo millennio .Insieme a quei 4 gruppetti del cazzo che uuniti sono 90 persone . Tranquilli che se vi presentate in Valle avrete la vostra buona dose di calci in culo .Salutateci Chavezzino e Ahmedporco ,

  2. STELVIO DAL PIAZ ha detto:

    Strano; il turpiloquio contro le idee; il problema è che non avete il livello culturale necessario per sostenere un confronto dialettico. Siete proprio ridotti male !Stelvio di Arezzo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...