PROCESSO AI COLPEVOLI

Il pensiero liberale, che ha espresso tanti significativi protagonisti della storia italiana, e’ in grado di offrire un apporto di grande rilievo nell’attuale momento di trasformazione e travaglio vissuto dal nostro Paese. Esso e’ infatti depositario di idealita’ e di valori che travalicano l’ambito strettamente economico ed investono il ruolo e la partecipazione dei cittadini: puo’ quindi contribuire in modo significativo ad eliminare rigidita’ e chiusure corporative che rischiano di compromettere il corretto funzionamento delle istituzioni democratiche e la stessa dinamica sociale, troppo spesso a scapito delle generazioni piu’ giovani. Ed egualmente puo’ risultarne illuminato il principio secondo il quale lo Stato deve essere al servizio del cittadino, principio del resto ben radicato nella nostra Costituzione.” Queste le parole e uno dei passaggi del messaggio rivolto da Giorgio Napolitano al segretario nazionale del Partito liberale italiano, Stefano De Luca, in occasione del 28° Congresso del partito. Possiamo tranquillamente constatare che nel corso degli anni il pensiero di Giorgio Napolitano, evidentemente folgorato sulla via di Damasco (magari) forse più appropriato dire folgorato sulla via di Washington, durante uno dei suoi viaggi americani negli anni 70, si è notevolmente evoluto, e, a tutt’oggi possiamo tranquillamente annoverarlo fra le Guardie Bianche dell’Occupazione Americana del nostro suolo.

E quindi possiamo tranquillamente introdurre il tema del Processo alla Nazione.

Se soltanto la Comunità Nazionale si fosse svegliata un Tribunale Popolare dovrebbe immediatamente processare le seguenti cariche istituzionali (e non):

PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

PRESIDENTE DEL CONSIGLIO

CONSIGLIO DEI MINISTRI

PRESIDENTI DI SENATO E CAMERA

LEADER POLITICI DEI 4 MAGGIORI PARTITI DELL’ARCO COSTITUZIONALE

CONFINDUSTRIA

ASSOCIAZIONE ABI

SINDACATI

Questi sono i veri colpevoli dello scempio della nostra nazione.

Qui non si tratta di incitare il popolo a fantomatiche “prese della Bastiglia”; qui semmai si tratta di far risvegliare milioni e milioni di persone, di cittadini italiani, che stanno assistendo in maniera sonnecchiosa e decerebrata alla morte della Nazione Italia.

Da quando è stato insediato questo governo (in barba alla tanto DEMOCRATICA COSTITUZIONE ITALIANA) per gli Italiani c’è stata solo vampirizzazione, depauperamento, umiliazioni internazionali, e, al gran ballo finale MACELLERIA SOCIALE E RIFORMA DEL LAVORO.

Purtroppo le casse degli italiani sono ancora troppo pingui e per vedere qualche timida reazione dovremo aspettare ancora del tempo. La guerra futura prevista in Iran (solo posticipata di qualche mese, dopo le presidenziali USA del 2012) servirà per portare la benzina probabilmente fino a 3 euro ed a quel punto, un’economia già traballante, potrebbe cominciare a creare qualche serio problema agli italiani, problemi come se ne sono visti in Grecia.

Parlare di “repulsione” verso l’attuale classe politica italiana è qualcosa di molto eufemistico: quello a cui stiamo assistendo in questi giorni con la riforma del mercato del lavoro è qualcosa di impossibile da immaginare solo pochi mesi fa; ma non da noi. E’ sufficiente leggere i nostri articoli degli ultimi 2 anni per capire che avevamo previsto questa situazione devastante.

Da qui possiamo capire le posizioni mendaci che da oltre 15 anni alcuni partiti stanno portando avanti. Paradossalmente Papi Chulo, da totale inetto governatore quale era, era un ostacolo anche per i partiti di centro e di sinistra per portare a compimento il progetto ideato nel 1992 sul Britannia e che ha avuto almeno 15 anni di rallentamento con la discesa in campo del Signorotto di Arcore. Adesso che hanno avuto il via libera e che Papi si è ritirato nelle sue pornografiche stanze, non esistono più ostacoli verso il pieno compimento della COLONIZZAZIONE DELL’ITALIA.

Usciremo da questa fase, impoveriti, umiliati, occupati…DEVASTATI da quello che il governo CILENO sta facendo, con l’ausilio e l’appoggio di TUTTO L’ARCO COSTITUZIONALE.

I COLPEVOLI di cui sopra, andrebbero immediatamente processati, in quanto si tratta di CITTADINI ITALIANI che stanno tradendo la Comunità Nazionale: TRADIMENTO DI POPOLO.

J.G.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Articoli e contrassegnata con , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a PROCESSO AI COLPEVOLI

  1. vincenzo minici ha detto:

    “Se le classi dirigenti non hanno più il coraggio di difendersi,rinuncino e abdichino; se non sanno più esprimere dal loro seno un uomo capace d’impegnare la lotta per salvare la nazione, è segno che lo Stato liberale sta veramente per morire schiacciato dalla sua paurosa,micidiale elefantiasi, assassinato e divorato dai suoi figli,cioè dai suoi innumerevoli funzionari.” Il popolo d’Italia –
    NOI TIREREMO DIRITTO!
    V.M.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...