ESSI RIDONO: VERGOGNA !!!

Mentre la Comunità Nazionale sta osservando l’annientamento delle tutele del Mercato del Lavoro e, de facto, si sta verificando la “Liberalizzazione dei Licenziamenti” (di per sè una frase che sarebbe una metafora ma che rappresenta la triste realtà). Quello che più preoccupa è che la cittadinanza attiva (anche se sarebbe meglio dire passiva, o ancora peggio, “vegetale”) non si sta rendendo conto di quello che succederà di qui a 5-10 anni: il Depauperamento Totale. Questo lassismo sta avvenendo principalmente per 2 motivi; il primo è rappresentato dal fatto che il benessere è ancora diffuso almeno in alcuni strati della società ed è il frutto dei lasciti e degli accantonamenti delle passate generazioni, che, grazie al DNA italiano, hanno saputo comunque preservare i loro patrimoni, anche di piccolo valore, e ora possono garantire un minimo di sostentamento anche a figli e nipoti. Ma questi patrimoni, vuoi per il livello esistenziale di puro stampo “consumista” che le attuali generazioni stanno conducendo, vuoi per il costo della vita (mutui, tasse, salari ridotti…) ormai a livelli lunari che sta erodendo lentamente ma inesorabilmente i patrimoni degli italiani.

Il secondo aspetto è invece propriamente “informativo”, anzi per meglio dire “controinformativo”. La maggioranza della popolazione è completamente “annebbiata” da decenni e decenni di disinformazione di tipo “occidentale”, fortemente permeata dall’Europa uscita da Yalta, che una volta imploso il Comunismo Sovietico si è lentamente trasformata in un Moloch di tipo finanziario e consumista che ha fatto in modo che politica, tematiche sociali, valori consolidati, siano stati soppiantanti lentamente dai loro perfetti opposti: casta partitocratica corrotta, tematiche di stampo calvinista e capitalista, immoralità diffusa e sessuofobia.

La foto che abbiamo messo nel manifesto a corredo dell’articolo è sintomatica del distacco che sta avvenendo tra Istituzioni e Comunità Nazionale. Mentre milioni di italiani soffrono la crisi finanziaria globale, mentre Bloody Mary Fornero sta mettendo mani e disfacendo una legislazione giuslavorista che era anche il pernio di un tessuto sociale che ci ha permesso di superare in maniera decorosa tutte le crisi di questi decenni, mentre in Medio Oriente ci sono tamburi di guerra di cui ci pagheremo pegno nei prossimi anni, il Presidente del Consiglio e la massima dirigente del massimo sindacato a livello nazionale, se ne stavano beatamente a ridere in quel di Cernobbio. Questa foto di per sè terrificante non ci dice in fondo nulla di nuovo ma è soltanto l’ennesima cartina di tornasole di quello che andiamo dicendo da anni. Questa immagine, moralmente ed esteticamente raccapricciante, fa il paio con l’altra notizia arrivata in giornata (fonte Corriere della Sera): “Il Capo dello Stato Giorgio Napolitano ha espresso in una nota «il suo vivo apprezzamento per l’impegno manifestato dal Pdl, dal Pd e dal Terzo Polo a collaborare per avviare senza indugio, incardinandole parallelamente, un insieme di modifiche della Costituzione e la revisione della legge elettorale. Il presidente Schifani ha dal canto suo prospettato «concrete ipotesi di organizzazione a tal fine dei lavori del Senato». Al vertice durato circa due ore hanno preso parte i leader di Pdl, Pd e Udc Angelino Alfano, Pier Luigi Bersani e Pier Ferdinando Casini. (…)  Al termine del vertice si è convenuto appunto sulla necessità di incardinare parallelamente la riforma della Costituzione e la legge elettorale. L’accordo sulla revisione della Costituzione prevede: la riduzione del numero dei parlamentari, la revisione dell’età per l’elettorato attivo e passivo, il rafforzamento dell’esecutivo e dei poteri del premier in Parlamento, l’avvio del superamento del bicameralismo perfetto. Per ciò che attiene la revisione della legge elettorale l’intesa prevede: la restituzione ai cittadini del potere di scelta dei parlamentari, un sistema non più fondato sull’obbligo di coalizione, l’indicazione del candidato premier, una soglia di sbarramento e il diritto di tribuna.”

L’accelerazione improvvisa, approfittando anche della confusione mediatica sull’Art.18, tende a blindare il potere “tecnocratico”. Si va verso le “Grosse Koalizioni”, verso maggioranze decise a tavolino nel post voto. Avremo sbarramenti epocali che taglieranno le gambe a tutti quei partiti (molti dei quali se lo meritano) facevano da contorno al circo della casta partitocratica. Il problema, d’altro canto, si pone come due problematiche asimmetriche: la prima vede la necessità di spazzare via quella pletora di partiti dello “zerovirgola o poco più” che si sono “servilmente” prestati al gioco del bipartitismo delle due coalizioni, ora per il ducetto di arcore, ora per il mortadellone atlantista. Verranno esclusi dalla torta dei rimborsi elettorali e saranno destinati a perire nel giro di pochi anni. Questa situazione fornisce contemporaneamente il trampolino di lancio per l’allucchettamento del potere: con la nuova riforma elettorale verrà creata la nuova classe politica elitaria al soldo totale delle lobby tecnocratiche. 300, 400, 500, nominati e votati, che di volta in volta si spartiranno il potere decidendo le maggioranze “bianche, blu e rosse” che permetteranno di governare la Colonia Italia.

Permetteteci di ribadire, che vedere quelle due facce di…bronzo nella foto, ci fa sobbalzare sulla sedia, e ci fa aumentare a dismisura la VOGLIA DI RESISTERE.

E lo faremo.

G.R.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Commenti e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

5 risposte a ESSI RIDONO: VERGOGNA !!!

  1. wids72 ha detto:

    Sempre uniti nella marcia di riacculturamento di questa nazione disfatta dall’imbecillismo eterodiretto…In alto i cuori!!!

  2. ettore ha detto:

    inutile gli unltimi risparmi devo utilizzarli per comprre qualcosina al mercato nero, con relative munizioni..

  3. Luca R. ha detto:

    Hai centrato il punto e cioè che se c’è del benessere è grazie ai patrimoni delle generazioni precedenti.E a questo fatto in pochi ci pensano.

  4. Vincenzo ha detto:

    CHI NON E’ CON NOI E’ CONTRO DI NOI!
    EIA!

  5. Mario Guido ha detto:

    M.N.D.S.P.I.
    “Fronte Unitario dei Lavoratori”

    Contro ogni tipologia di “concertazione”! I sindacati, grazie ad essa hanno regalato ai lavoratori italiani, Tutti, la disperazione di dover scegliere, spesso a loro insaputa, il meno peggio!
    Andando avanti con le politche sindacali del “meno peggio”, siamo arrivati al disastro sociale ed economico!

    Noi Nazional Democratico-Socialisti, siamo per un “Fronte Unitario dei Lavoratori”, uniti, compatti, granitici!

    Mario Guido

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...