DEBITO PUBBLICO: NON CI PIEGHEREMO MAI !!!!

Mi sorge spontanea una riflessione di fronte all’immane disastro sociale e politico che ancora una volta la comunità nazionale è chiamata a sopportare, la quale non è più tale nel senso più metafisico del termine come essenza viva e vivificante dal punto di vista valoriale di una storia, di una cultura, di una tradizione secolare, ma come ammasso informe di schegge imbevute di pressapochismo superficiale etrodiretto. Urta sentitamente la coscienza, per chi ancora ne possiede un barlume, il perpetrarsi della macelleria sociale avallata da questi politicanti-cialtroni diretti diabolicamente dal cameriere usocratico Rigor Monti, esecutore infimo dei diktat mondialisti il quale sferra senza colpo ferire su quel che rimane delle ormai macerie del popolo, i noti provvedimenti di depredazione economico-fanziaria ipocritamente denominati decreto salva-Italia.

L’informazione perso il suo originale valore e significato ovvero formare ed edificare un uditore non fa altro che filtrare bugiardamente, come da anni affermiamo con determinazione, e trasmettere telegraficamente gli ordini di una casta che altro non vuole autorigenerasi con i sistemi più beceri di un capitalismo classico arrembante e speculativo in cui lo Stato, ente sovrano per eccellenza come riteniamo che debba essere, deve sparire sotto le logiche del laissez-faire finanziario.

Il popolo ignaro, in quanto frastornato da ebetismo marciante perpetrato da giornali e televisione si barcamena in una sorta di schiavismo strisciante di cui non si rende conto minimamente di cosa sta accadendo. E’ noto oramai negli ambienti della controinformazione politica, di cui siamo fieri di farne parte, che le leve economiche finanziarie sono il frutto di un lavorio economico-finanziario che le elite bancarie studiano da decenni e che ora stanno manifestando palesemente l’orrore delle loro azioni predatorie.

I media ufficiali parlano di un debito sovrano che continua gravare sui cittadini, ma non ne spiegano minimamente il significato, la provenienza, le responsabilità e la consistenza ma anzi, ne alimentano le ansie, le angosce e le determinanti colpe che il singolo cittadino dovrebbe imputarsi per ciò che vive.

E’ una menzogna colossale di cui è giunto il momento di esprimerne alla luce del sole chi ne sono i veri responsabili, fautori e di cosa questa becera democrazia nasconde illecitamente nei suoi significati. Non accettiamo più questi diktat cileni provenienti da una casta imprenditoriale-bancaria che indebitandoci e lo ripetiamo ancora una volta, ha imposto dietro il falso mito democratico, una moneta-debito, quale è l’euro, che genera una dipendenza asfissiante in quanto prestandocela a fronte dell’esposizione debitoria nazionale gli usurocrati pretendono che gli venga restituita con il mercanteggiamento dei titoli del debito nazionale. Hanno inventato, attraverso una truffa economica, una moneta che non rispecchia, il lavoro, la produzione, ma soprattutto il valore di un popolo, ma l’espressione schiavistica di un sistema fondato esclusivamente sul potere dei cosidetti ricchi sempre più ricchi sui poveri sempre più poveri.

Questa è la realtà, questi sono i fatti e incontrovertibilmente le prove che con il nostro impegno portiamo avanti di fronte a coloro che ancora credono in fede alla rinascita di questa comunità nazionale di cui noi ne vogliamo essere la voce e l’espressione del suo valore.

Mentre l’antipolitica, fenomeno studiato ad arte, ha allontanato la popolazione verso i fatti e la realtà di un sistema partitocratico imbavagliato e autoreferenziale che è l’espressione di quanto affermiamo, poniamo la nostra attenzione verso quegli strati della società sfiancati dalle delusioni di di una quotidianità votata alla sopravvivenza alla quale tutti noi ci costringono questi signori oscuri che si muovono nelle segrete stanze del potere, e con forza proveniente dal credere nella verità, adesso gridiamo il nostro dissenso manifestando la nostra resistenza indomita perchè quella dignità che ci vogliono togliere noi non la lasceremo morire perchè nell’intimo di noi stessi ci sentiamo LIBERI, SOCIALI E NAZIONALI…

In alto i cuori!!!!

Cuore Ribelle

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Commenti e contrassegnata con , , , , , , . Contrassegna il permalink.

2 risposte a DEBITO PUBBLICO: NON CI PIEGHEREMO MAI !!!!

  1. Alessandro 53 ha detto:

    Mi permetto di approfittare dello spazio che il Vostro sito concede ad ogni “internauta” per esternare quanto segue. Così versa la nostra Nazione. Istintivamente penso a quei piccoli, vecchi paesi, nelle cui piazze si trova una stele commemorativa o una lapide apposta sul muro della chiesetta, riportante i nomi dei caduti per la Patria. Mi chiedo, se, per caso, anche a coloro che oggi hanno in mano le sorti dell’ italica stirpe vengano mai in mente questi luoghi così umili e dignitosi. Spero di si, perché quelle “liste” (quasi sempre molto numerose) hanno anche una valenza economico-sociale, che forse non viene compresa. E’ vero che dietro di esse non c’è “spread”, non c’è speculazione (sono vere!) e non ci sono flussi di denaro in movimento. Sangue versato però si e molto. Ecco, proprio questo Sangue è la irrinunciabile carta di credito, senza scadenza, acquisita dai molti che HANNO DATO LA VITA PER L’ ITALIA, a nome ed in nome del suo Popolo, che non potrrà mai essere ripagata o svenduta per qualche ignobile e pretestuosa alchimia finanziaria. Onore ai caduti, dignità e giustizia per i vivi!

  2. lupoalfa ha detto:

    Ti ringraziamo Alessandro per il tuo commento alquanto appropriato e denso di quel moto ideale che ci accompagna tutti.
    Forza e Onore !

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...