PRONTI A CORRERE AI RIPARI.

A margine delle ultime elezioni amministrative, pur senza tornarci sopra, ritengo utile e doveroso stimolare una riflessione in chiave prospettica su cosa vuole l’USN per il prossimo futuro. Diciamo innanzi tutto che la campagna astensionista è ormai a tutti gli effetti nostro patrimonio genetico e nessuno ce la può togliere ( e forse nemmeno dovremo preoccuparci per questo), ma resta da comprendere – e questo dobbiamo averlo ben chiaro – cosa potrà avvenire “intorno a noi”, laddove con questa dizione si fa esplicito riferimento ai partitelli d’area che sono in fibrillazione per trovare qualche strapuntino o per non dover definitivamente scomparire con il 2013.

Non che mi interessi cosa faranno Storace, Romagnoli o Fiore nei prossimi mesi: sui primi due non esprimo nemmeno un giudizio perché non lo meritano, essendo peraltro argomento già affrontato in passato, mentre sull’ultimo si dovrebbe ancora capire che panni intenderà vestire. Ma non può non interessarmi direttamente una questione, ovvero se e in che misura sia possibile vedere alle prossime elezioni un cartello elettorale che riunisca assieme i tre cespugli che fanno capo ai tre “cavalieri”, magari con l’aggiunta di Casa Pound.

Se dovesse presentarsi una simile iattura, che il sistema felicemente accoglierebbe in vista della nascita di un grande centro, che in tal modo relegherebbe all’angolo i neo-neofascisti e i neo-neocomunisti, l’Italia inevitabilmente tornerà nel pantano di una specie di compromesso storico e 50 anni di errori non sarebbero serviti a nulla. E fin qui diciamo che la previsione è abbastanza scontata e, tutto sommato, in linea con la volontà di chi vuole che a governare le sorti del paese siano gli stessi di sempre.

Ma mi chiedo, non senza qualche preoccupazione, cosa accadrà qualora si dovesse assistere ad una campagna elettorale che vedesse ritornare in auge gli stilemi di certo destrismo anni ’70 in chiave anticomunista e addirittura con programmi specchietto per le allodole, magari attinti a quattro mani dalle nostre bisacce.

Una campagna elettorale con Storace e Romagnoli intenti a sventolare ipocritamente i valori identitari contro l’usura ed i poteri finanziari non solo farebbe riversare litri di bile a tanti sinceri ed onesti militanti, ma consentirebbe a questi due signori di rifarsi una verginità agli occhi di molti militanti e non che inevitabilmente abboccherebbero all’esca di una nuova destra, magari incensata per l’occasione con abbondanti venature sociali.

Il tutto come se gli amorosi sensi che l’ex ministro-presidente ha intrattenuto con Berlusconi o le alleanze che la Fiamma Tricolore ha stretto con il PDL in varie elezioni amministrative siano stati dei piccoli incidenti di percorso nel teatro della real politik.

Siccome questa gente non si vergogna di niente, tanto meno di sputare sul piatto dove ha mangiato fino a ieri, c’è il serio pericolo che alle prossime elezioni ci troveremo a dover convincere migliaia di sincere persone (camerati e non) di non andare a votare un contenitore che sbandiererà a squilli di trombe un mix di valori clericali, sociali ed identitari con il solo intento di ritagliarsi un minimo di rappresentanza parlamentare, che gratificherebbe la brama dei capi ma lascerebbe l’intera comunità nel verminaio di sempre.

Ho voluto chiamare questa evenienza con la parola “pericolo” perché sarà estremamente difficile, se tale alleanza vedesse la luce, convincere la gente a non lasciarsi andare alla tentazione davanti ad un ritorno di qualche fiammella stilizzata o di qualche sigla d’impatto emotivo. E allora, cosa fare ? Prima di tutto ragionare e studiare a fondo lo scenario e poi rimboccarsi le maniche, ognuno secondo le proprie possibilità, per screditare e scongiurare una simile prospettiva, che se dovesse portare in Parlamento anche due o tre soggetti del calibro di quelli prima ricordati , potrebbe significare interrompere sul nascere la crescita del Socialismo Nazionale Italiano.

E QUESTO NON POSSIAMO PERMETTERLO !

FERNANDO VOLPI – Vicepresidente USN-RSI

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Commenti e contrassegnata con , , , , , , . Contrassegna il permalink.

4 risposte a PRONTI A CORRERE AI RIPARI.

  1. WERWOLF ha detto:

    LA MARMELLATA ELETTORALE…NON HA PORTATO MAI A NULLA….SPERIAMO CHE LO CAPISCANO I CAMERATI E I COMPAGNI…..IN BUONA FEDE!

  2. Fernando Volpi ha detto:

    Caro Werwolf, quello che dici dovrebbe essere vero (e sottolineo il dovrebbe) ma c’è da credere che a breve inizierà una campagna elettorale dove si rischia veramente la ricostituzione di un blocco politico destroide che, paventando indistintamente l’usura e la tecnofinanza quanto il risorgere dei comunisti mangiabambini, attirerà tanti che altrimenti orinerebbero volentieri sulle urne elettorali. Non si dimentichi che il nostro ambiente è intriso di deteriore destrismo fin dentro le midolla e le sirene di Ulisse sono sempre e perennemente pronte a cogliere l’animo debole di chi ancora spera in una Destra di nuovo unita sotto il segno di qualche fiammella. Non si dimentichi nemmeno che l’Italia è il paese delle banderuole al vento …… morto Berlusconi che proteggeva a dava il becchime a tutti, ora in tanti li ritroveremo novelli masanielli a battere la grancassa del sociale e delle identità! Per sperare quello che tu dici, ti assicuro che dovremo lavorare sodo e molto bene!

  3. wids72 ha detto:

    Ritengo che questi personaggi, ad uso e consuno del sistema, servono esclusivamente per convogliare e dare una parvenza di credibilità alle ansie e le inquietudini populiste, ben conoscendo, i fautori tecnocrati dell’attuale stato di cose, i mali intrinsechi da loro stessi perpetrati e questi pseudo-paladini del destrismo sociale sono solo dei paraventi e minimizzati poi nell’azione politica-governativa se malauguratamente raggiungessero la quota limite elettorale di rappresentanza parlamentare…Chi è scevrato nella propria coscienza di simili alchimie elettoralische, tipiche dei destro-sociali-terminali, veglia attentamente ed è in grado di proporre programmi, azioni degni di una politica di ricostruzione nazionale!!!…In alto i cuori

  4. Mario Guido ha detto:

    “M.N.D.S.P.I.”
    “F.U.L.”

    saluto,
    Anche Noi seguiremo letteralmente le indicazioni della “direzione” del Movimento e faremo di tutto per anticipare i tempi sull’ informazione che dovremo dare ai cittadini in generale rispetto al tema dell’ articolo.
    Effettivamente e’ molto probabile che cio’ accada, proprio in visione dello “spazio” politico che, soprattutto, la nuova formazione centrista sta lasciando a destra, nel parlamento italiano. Se poi passa la norma, tra le altre cose, oggi all’ esame della commissione parlamentare specifica, sui rimborsi elettorali, da elargire solo a coloro che avranno un deputato, un rappresentante in parlamento, lasciando sprovvisti di moneta chi ne restera’ fuori, ecco che i vari Storace, Romagnoli, Fiore, faranno di tutto per poter accingere a tali risorse.
    Indi per cui
    Presenti!

    Mario Guido

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...