IL NOSTRO DOVERE.

Il nostro dovere è quello di liberarci dal giogo della plutocrazia internazionale“. Con queste parole esordì Mussolini nel discorso pronunciato a Milano nel salone del Conservatorio Giuseppe Verdi in occasione della cerimonia commemorativa per i garibaldini caduti nelle Argonne. E’ questo un pensiero che aveva già chiaramente manifestato in maniera analitica nei suoi presupposti e nelle sue conseguenze con precisi riferimenti all’evolversi della rivoluzione bolscevica in Russia con l’articolo profetico (una profezia che si avvererà dopo oltre mezzo secolo !), intitolato “I complici” e pubblicato nel n. 151 del “Popolo d’Italia” in data 4 giugno 1919.

Dopo una dettagliata analisi della situazione in Russia, Mussolini scrive, in merito ai tentativi controrivoluzionari in atto: “Se Pietrogrado non cade, se Denikin segna il passo, gli è che così vogliono i grandi banchieri ebraici di Londra e di New York, legati da vincoli di razza cogli ebrei che a Mosca come a Budapest, si prendono una rivincita contro la razza ariana, che li ha condannati alla dispersione per tanti secoli. In Russia l’80% dei dirigenti dei Soviéts sono ebrei, a Budapest su 22 commissari del popolo, ben 17 sono ebrei. Il bolscevismo non sarebbe, per avventura la vendetta dell’ebraismo contro il cristianesimo? E’ possibile che il bolscevismo affoghi nel sangue di un progrom di proporzioni catastrofiche. La finanza mondiale è in mano degli ebrei. Chi possiede le casseforti dei popoli, dirige la loro politica. Dietro ai fantocci di Parigi, sono i Rotschild, i Warnberg, gli Schyff, i Guggehim, i quali hanno lo stesso sangue dei dominatori di Pietrogrado e di Budapest. La razza non tradisce la razza. Il bolscevismo è difeso dalla plutocrazia internazionale. Questa è la verità sostanziale. La plutocrazia internazionale dominata e controllata dagli ebrei, ha un interesse supremo a che tutta la vita russa acceleri fino al parossismo  il suo processo di disintegrazione molecolare. Una russia paralizzata, disorganizzata, affamata, sarà domani il campo dove la borghesia, si la borghesia, o signori proletari, celebrerà la sua spettacolosa cuccagna. I re dell’oro pensano che il bolscevismo deve vivere ancora, per meglio preparare il terreno alla nuova attività del capitalismo. Il capitalismo americano ha già ottenuto in Russia una concessione grandiosa. Ma ci sono ancora miniere, sorgenti, terre, officine che attendono di essere sfruttate dal capitalismo internazionale. Non si salta, specialmente in Russia, questa tappa fatale nella storia umana. E’ inutile, assolutamente inutile, che i proletari evoluti e anche coscienti, si scaldino la testa per difendere la Russia dei Soviéts. Il destino del leninismo non dipende dai proletari di Russia o di Francia e, meno ancora, da quelli d’Italia. Il leninismo vivrà finchè lo vorranno i re della finanza; morirà quando decideranno di farlo morire i medesimi re della finanza. Gli eserciti antibolscevichi che di quando in quando sono colpiti da misteriose paralisi, saranno semplicemente travolgenti  a un momento dato che sarà scelto dai re della finanza. Gli ebrei dei Soviéts precedono gli ebrei delle banche. La sorte di Pietrogrado non si gioca nelle steppe gelide della Finlandia: ma nelle banche di Londra, di New York e di Tokio. Dire che la borghesia internazionale vuole oggi assassinare il regime dei Soviéts è dire una grossa menzogna. Se, domani, la borghesia plutocratica si decidesse a questo assassinio, non incontrerebbe difficoltà di sorta poichè i suoi comlici, i leninisti, siedono già e lavorano per lei al Kremlino.

Infatti, quando la plutocrazia giudaico-massonica ha deciso che il bolscevismo avesse già assolto il suo compito collaborando attivamente alla distruzione dell’Europa, il sistema dei Soviéts è imploso in qualche settimana.
Circa la dominanza degli ebrei negli organismi sovietici riportiamo la tavola estratta dall’appendice del libro “La guerra occulta” di E. Malinsky e L. De Poncins (Ed. Le Rune, 1961):

  • Consiglio dei Commissari del Popolo 17 su 22 membri;
  • Commissariato della Guerra 33 su 43;
  • Commissariato degli Affari Esteri 13 su 16;
  • Finanze 24 su 30;
  • Giustizia 20 su 21;
  • Istruzione Pubblica 42 su 53;
  • Assistenza Sociale 6 su 6;
  • Lavoro 7 su 8;
  • Croce Rossa Bolsceviva 8 su 8;
  • Commissari delle Province 21 su 23;
  • Commissione Stampa 41 su 41.

a cura di Stelvio Dal Piaz

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Commenti e contrassegnata con , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

7 risposte a IL NOSTRO DOVERE.

  1. gabriele ha detto:

    Per quello che riguarda il comunismo e i sionisti una cosa analoga l’avevo già letta da un’autore contemporaneo,ma mai avrei immaginato che Benito Mussolini avesse già capito tutto a tempo debito, se a scuola mi avessero proposto la storia in maniera diversa, senza interpretazioni, ma semplice narrazione dei fatti storici e politici, avrei perso molto meno tempo a rincorrere movimenti pseudo marxisti.Sono ogni giorno più disgustato, fino ad’ora mi hanno veramente ubriacato di menzogne, spero non sia troppo tardi per recuperare perchè l’Italia è un grande paese e non merita di essere svenduto. Abbiamo più di mille pozzi petroliferi Italiani gestiti da compagnie succhiasangue estere, il denaro, non più una semplice unità di misura per favorire gli scambi, ma un dogma che condiziona la vita delle persone e che ha preso da tempo il predominio sulla politica economica Italiana, le aziende Italiane, sopratutto quelle agroalimentari, lentamente vengono svendute all’estero e se non sbaglio anche ad aziende cinesi, basta! E’ ora di darci un taglio e la crisi economica, seppur continui a pensare che sia stata creata a tavolino per accelerare il processo di centralizzazione del potere europeo e mondiale, potrebbe essere la leva che ci permette di riprenderci l’Italia,è brutto dirlo, perchè tanta gente in questo momento soffre per vari motivi ecnomici, però le tesi rivoluzionarie, difficilmente attecchiscono in periodi di prosperità capitalista.

  2. WERWOLF ha detto:

    è NOSTRO DOVERE! IN ALTO I CUORI!

  3. Daniele ha detto:

    Un bellissimo scritto, lo leggevo proprio ieri! Ora più che mai quelle parole sul liberacapiltalismo sono attuali e anche quelle sull’ideale marxista-leninista e su i loro capi-guida si sono dimostrate fondate al giudizio della storia. Il Capitalismo e il Comunismo sono entrambi materialisti, entrambi vedono il lavoro come un semplice “fattore delle produzione” e non come un Dovere Sociale, entrambi i mondi sono stati alleati nella 2 G.M. contro i movimenti popolari e social-nazionali dell’Asse ed entrambi schiavizzano gli Individui e i Popoli. Il capitalismo opprime i diritti dei lavoratori in nome del profitto, della ricchezza e della speculazione mentre il Comunismo mascherato dal “fascino” dell’abolizione delle classi (che per noi sono Categorie) non è stato altro che un piano dell’èlite giudaicomassonica per controllare anch’esso i Popoli con il fallimento totale di quei principi che applicati hanno prodotto disastri, disuguaglianze sociali e genocidi. Da Forzanovista che vi legge spesso, un saluto a voi Camerati Socialisti Nazionali
    A noi!
    Cam.ta Daniele

  4. Egeo Francois ha detto:

    Io sapevo benissimo quanto detto nell’articolo.
    Ora dobbiamo concentrare tutte le nostre forze per combattere le giudodemoplutocraziemassoniche che ci affamano e ci occupano militarmente dal 1945.
    Auguriamoci che gli italiani e gli europei si sveglino,che capiscano che sono occupati dal 1945 e che coloro che governano l’Italia e l’Europa non sono altro che i camerireri del popolo eletto da dio.

  5. Vincenzo ha detto:

    BISOGNA ESSERE O PRO O CONTRO. O NAZIONALSOCIALISTI O ANTINAZIONALSOCIALISTI. CHI NON E’ CON NOI E’ CONTRO DI NOI. LA LOTTA POLITICA IN ITALIA NON EBBE MAI UNA SEMPLIFICAZIONE PIU’ PRECISA DI QUESTA. IL PASSATO E’ LA GARANZIA DELL’AVVENIRE. NON POSSIAMO DEFLETTERE. LA MARCIA PUO’ AVERE DEI RALLENTAMENTI O DELLE ACCELLERAZIONI, MA MARCIARE BISOGNA. BISOGNA ANDARE AVANTI. BISOGNA FARE DINUOVO GRANDE L’ITALIA. QUESTA E’ LA META.
    UN CUORE SOLO, UNA VOLONTA’ SOLA, UNA DECISIONE SOLA.
    SI MUORE PER VIVERE NELLA STORIA.
    EJA,EJA!!!!

  6. Franzz ha detto:

    RIMANGO COME SEMPRE AMMIRATO:
    1919!

  7. wids72wids72 ha detto:

    Di fatto le dicotomie politiche sono una costruzione artefatta dell’arco parlamentare che rispecchia la contrapposizione sociali delle classi in stile giudeo-massonico che altro non rappresenta quell’èlite oligarchico politico-finanziario che sta progressivamente e subdolamente distruggendo ogni identità nazionale. Il senso di comunità-nazione comporta un antitesi con il potere demoplutocratico; da questa considerazione diventa spontaneo considerare i tempi attuali non più con le desuete dicotomie, bensì è una lotta culturale tra il bene e il male tra i fautori del liberal capitalismo usocratico e coloro che perseguono nei movimenti d’avanguardia que”idea-forza socialista nazionale!!!! Avanti combattenti!!!! In alto i cuori!!!!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...