SACRO FUOCO DI OLIMPIA !?

Le meritorie cronache olimpiche di questi giorni portano alla ribalta anche gli atleti italiani. Curiosamente guardando il medagliere patriottico salta subito all’occhio che le specialità dove eccelliamo sono quelle combattivo naturalistiche. Ovunque ci sia da menare, da assaltare all’arma bianca, da usare armi da fuoco o da guadare fiumi, i nostri compatrioti sono in prima linea. Al contrario in sport dove il doping è all’ordine del giorno: nuoto, ciclismo e atletica, rimediamo sonore batoste o figure demenziali come nel caso di Schwarzer.

Tutto questo ha un senso anche storico. Infatti la nostra storia patria parla chiaro. Almeno 25 secoli di guerre invasioni e rinascite cadenzate sono evidentemente ben presenti nel dna del popolo italico. Ciò potrebbe farci fieramente urlare: guai a chi ci vuol invadere ! Il problema grosso è un altro: dal 1943 siamo già invasi. Dal momento in cui i liberatori invasori sono sbarcati in Sicilia l’Italia non è più un paese sovrano ma è diventato de facto una colonia occupata a guardia del limes occidentale nel mediterraneo. Oltre cento oscure ma ben armate basi usa-nato sono lì tutti giorni a ricordarcelo.

Mentre nei salotti dei banksters si sta combattendo la madre di tutte le battaglie fra dollaro ed euro ed il conseguente controllo del commercio energetico, proprio questo armageddon finanziario sfocerà in conflitti armati che se siamo fortunati si limiteranno a livello regionale o in caso nefasto si estenderanno in maniera pandemica. Gli occupanti hanno ben saldi in mano i destini geopolitici del mediterraneo e lasciano ben poche sorprese visto che ormai parliamo di un intero continente (quello europeo) a sovranità limitata.

Mentre i tecnocrati italiani Draghi e Monti esplicitamente parlano di limitazioni di sovranità l’ambasciatore usa si può comportare serenamente come il governatore di una colonia pacificata. Tutte le istituzioni italiane e la classe politica del futuro prossimo, da Letta e Renzi in giù, sono devotamente americanizzate e mentre i vertici delle nostre forze armate sono mossi ormai solo da interessi statunitensi.

E purtroppo il nostro declino avverrà di pari passo a quello europeo se il blocco continentale non cambia totalmente architettura. La società italiana di contro è definitivamente occidentalizzata e culturalmente defunta. Ma ci chiediamo ancora una volta quando si ribelleranno gli italioti che in questi giorni sfoggiano magliette balneari a stelle e strisce o ballano e cantano al karaoke con in mano la bandiera della pace ?

G.E.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Commenti e contrassegnata con , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

5 risposte a SACRO FUOCO DI OLIMPIA !?

  1. wids72 ha detto:

    Chi di sacri valori si nutre vince sempre, gli infami e gli ipocriti hanno vita breve!!! In alto i cuori!!!

  2. stelvio dal piaz Bravo Fernando!Ci sarò anch'io.....spero! ha detto:

    Il sacro fuoco della stirpe italica non muore ! Il nostro Capo ci ha lasciato questo messaggio: L’uomo economico non esiste: esiste l’uomo integrale che è politico, che è economico,, che è religioso. che è santo, che è guerriero.” Adesso stiamo attraversando un periodo buio e tocca a noi soffrire, anche perchè, sempre il Capo ci ha detto il 4 novembre 1930: “Ricordatevi che il Fascismo non vi promette nè onori, nè cariche, nè guadagni, ma il dovere e il combattimento”. Stelvio

  3. Egeo Francois ha detto:

    Penso che difficilmente gli Italiani si ribelleranno a questo stato di cose.
    Io mi auguro invece che scoppi una guerra tra gli anglo americani ed i paesi del patto di Shangai.
    A quel punto forse potremmo tornare ad essere artefici del nostro destino e sschierarci con gli stati liberi.
    Il nostro non sarebbe un tradimento verso gli americani,ma una guerra di liberazione visto che siamo occupati dal 1945 e senza che nessun governante legittimo abbia mai firmato alcun trattato di pace con l’invasore.
    Questi che governano ora non sono altro che dei collaborazionisti che verranno spazzati via
    Viva il Duce

  4. Fernando volpi ha detto:

    Oggi mi sento dannunziano e commento in questo modo, sperando di non copiare se qualcuno lo ha gia’ pronunciato: ESISTERE PER RESISTERE! Questo e’ il nostro dovere ed il nostro motto!!!

  5. Antonio Faro ha detto:

    ma anche RESISTERE PER ESISTERE

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...