MOSTRUOSITA’ DEI TEMPI NOSTRI…

Le cronache di ieri erano tutte incentrate sull’ennesima performance dello Sceriffo Tecnocrate e alcune tragiche notizie sono “casualmente” passate in secondo piano. Quando parliamo di mostruosità aberranti dei tempi nostri facciamo evidentemente riferimento alla grave ed ennesima notizia della scomparsa di due persone in preda alla depressione, fenomeno che negli ultimi mesi (nel silenzio quasi assoluto) sta crescendo a dismisura. A Torino: “E’ l’ennesimo caso di suicidio dovuto alla crisi. Non trovava lavoro e non ce l’ha più fatta: domenica si è cosparso di liquido infiammabile e si è dato fuoco. È morto così, in un campo di Torino, un uomo di 48 anni. La polizia, avvertita da un passante, è risalita alla sua identità dalla targa dell’auto, parcheggiata lì vicino. In casa, dove l’uomo abitava da solo, gli agenti hanno trovato un biglietto in cui l’uomo spiegava di non riuscire più a sopportare la sua situazione di precarietà“. Quasi contemporaneamente dopo 10 giorni di agonia perdeva ieri la vita anche Angelo Di Carlo che l’11 Agosto si era dato fuoco per protesta davanti a Montecitorio. Se riflettiamo un attimo, in special modo coloro che sono meno giovani, possiamo senz’altro concludere che in epoche passate notizie del genere avrebbero messo sotto shock il paese, sicuramente non abituato a tali “malesseri sociali” (nemmeno nel dopoguerra). 

Adesso invece la mostruosità diventa normalità…vuoi perchè l’orrore quotidiano è stato sdoganato da alcune volgarissime trasmissioni “nazionalpopolari”, vuoi perchè non possiamo non notare i lineamenti malefici di una strategia mediatica tesa a “mantenere l’ordine sociale” quando siamo in presenza sicuramente di un clima che sta germogliando in tutta Europa i semi della PreRivoluzione.

Ma veniamo ad altre mostruosità…quelle dei Servi Padroni. Padroni dei destini dell’Italia, servi degli Usurai Atlantisti. Il testo del discorso che ha tenuto ieri il Presidente del Consiglio a Rimini, al meeting di Comunione e Liberazione, ci ha sorpreso non poco. Non tanto per i contenuti, di per sè abbastanza noti, ma per la “serenità” con cui ormai vengono date “le comunicazioni ai diretti interessati“.

Lotte Generazionali

Leggiamo un primo passaggio: “Vedete, quando in un’intervista rilasciata poche settimane fa ho parlato di “generazione perduta”, non ho fatto altro che constatare con crudezza – a volte è necessaria anche quella – una realtà che è davanti agli occhi di tutti: lo “sperpero” di una intera generazione di persone che oggi giovani non lo sono più, alcuni di loro hanno superato i 40 anni d’età, e che pagano le conseguenze gravissime della scarsa lungimiranza di chi, prima di me, non ha onorato il dovere di impegnarsi per loro. Un’intera generazione che paga un conto salatissimo.

Il problema di fondo è che nell’intento dei Tecnocrati c’è il fine primario di mettere in “conflitto” le diverse generazioni. Cominciando innanzitutto ad addossare le colpe sulle penultime generazioni che saranno coloro che con aumento delle tasse e la diminuzione di stipendi e il taglio delle pensioni pagheranno il prezzo più salato. E in ambito generazionale e lavorativo la strategia sarà quella di mettere in contrasto “PADRI E FIGLI” nell’ottica della “sopravvivenza della specie.” Il discorso è purtroppo certamente anche antropologico, essendo oggi il modello LiberalCapitalista in completa implosione, la torta da dividere sarà minore e gli “individui-cittadini” non potranno che scontrarsi tra di loro come nella Jungla.

La Globalizzazione Totale

Nonostante, appunto, la crisi inappellabile del modello turbocapitalista e globalizzante, l’intento degli Autocrati è quello di persistere nella ricerca della Metropoli Globale, nell’Eden Digitale (tra l’altro tanto caro a Grillo), e quindi con la conseguente decisione di partire con l’innesto mentale di alcune “finezze mentali” fin dall’età scolare. Notate questo passaggio in totale contraddizione: “riteniamo strategica la promozione della mobilità degli studenti, estendendo a tutti la possibilità di studiare e fare esperienza lavorativa all’estero, per poi tornare nel nostro Paese e far fruttare le conoscenze apprese. Vi cito l’esempio del progetto Angels. Il nome, da solo, dice tutto: 5,3 milioni di Euro, ripartiti in tre annualità, con tre obiettivi principali: Anzitutto, far sperimentare agli studenti metodi di ricerca e insegnamento propri di altri sistemi educativi e sviluppati da centri di eccellenza internazionale (…) Per quanto riguarda l’università il nostro progetto è, si fa per dire, “semplice”: prima di tutto, vogliamo azzerare la “fuga dei cervelli” dal Paese, partendo dal momento in cui quei cervelli si stanno formando.”(!!????)

E’ lo stesso Monti che certifica ed ufficializza la professione del “Precario a tempo indeterminato” e della cancellazione delle tutele lavorative: “Con la riforma abbiamo migliorato la qualità dell’occupazione per liberare tanti giovani dal labirinto della precarietà attraverso la definizione di un percorso professionale che consentisse loro di intravedere un futuro lavorativo e, magari, la possibilità di migliorare la loro posizione sociale. Il Ministro Fornero ha sintetizzato perfettamente il concetto. Si tratta – e sto citando – “di scommettere sul genio italiano, lavorando per ampliare gli spazi di tutti i giovani e le giovani donne”. (…)  Abbiamo creato le condizioni per rendere effettivo e conveniente questo percorso ai lavoratori e alle imprese. Ai primi cerchiamo di garantire tempi ridotti di transizione tra scuola e lavoro e tra disoccupazione e occupazione. La transizione, nel mercato del lavoro che abbiamo creato, dev’essere sempre da un’attività a un’altra. È il solo modo per far sì che il lavoratore si arricchisca durante il cammino e il tessuto imprenditoriale non disperda nulla – anzi, si avvantaggi – di questo miglioramento. Al tempo stesso, siamo intervenuti con la radicale modifica del sistema degli ammortizzatori sociali. La direzione è, nuovamente, quella della creazione di un modello di tutele più universalistico e più finalizzato all’occupazione.

Anno 2013. L’inizio della fine.

La conclusione mette i brividi: “Anche io ho un sogno e vorrei condividerlo con voi… il mio desiderio è che il 2013 sia l’anno degli investimenti in capitale umano. L’anno nel quale tutto il Paese si mobilita per combattere la crisi economica scommettendo sui propri giovani e sulle loro competenze e i loro talenti. L’anno nel quale, nonostante la crisi, le imprese fanno uno sforzo particolare per immettere il maggior numero possibile di giovani lungo il percorso di inserimento lavorativo tracciato dalla riforma del mercato del lavoro…Perché se lo Stato da solo non può risolvere ogni problema, ciò non significa che non possano riuscirci gli italiani – soprattutto quelli più giovani – se sapremo affrontare uniti i problemi che abbiamo di fronte...”

Grazie Mario. Buona Idea.

Visto che sono gli Italiani a dover risolvere i problemi la prima cosa da fare sarebbe CACCIARE I MERCANTI DAL TEMPIO.

E intanto la “COSA BIANCA ATLANTISTA” emette i suoi primi vagiti

Speriamo che GOD DON’T SAVE THE QUEEN…

J.G.

Questa voce è stata pubblicata in Commenti e contrassegnata con , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

7 risposte a MOSTRUOSITA’ DEI TEMPI NOSTRI…

  1. Fernando volpi ha detto:

    Ottimo…..ottimo!! Credo che l’idea di una raccolta fondi per il figlio di Angelo Di Carlo si debba fare in qualche modo!!

  2. Egeo Francois ha detto:

    Questi porci se ne andranno solo se presi a cannonate.
    organizziamo,magari a Norimberga, una grande riunione di tutti i Nazifascisti Europei e tracciare il programma per riprendere la lotta.
    Se le cose continueranno così sarà la fine della nostra civiltà e della razza Ariana.
    questi sono potentissimi e non si arrenderanno mai.

  3. lupoalfa ha detto:

    Egeo ti ho già richiamato una volta; intanto il termine “nazifascista” é un termine usato dal Nemico e che non ci identifica assolutamente…..perché é dispregiativo ed inoltre la “razza Ariana” é qualcosa di più simile alle americanate dell’Illinois piuttosto che alla Stirpe indoeuropea in cui ci identifichiamo. Capisci ammè !!!!!!!!

  4. Cursus Honorum ha detto:

    Egeo ma perchè invece di fare discorsi suprematisti non ti concentri su quello che c’è scritto sull’articolo ?

  5. mario cal ha detto:

    questo è un articolo,assieme a tanti altri che dovrebbe essere fotocopiato e fatto leggere a molta gente,nostri conoscenti,che ignorano questa ,per noi, chiara situazione. non esistono altre possibilità di diffondere,oltre al popolo di internet,queste idee criminali. nel mio piccolo io cerco di spiegare a molta gente che conosco,anche di passaggio,questa situazione e mi sembra di avere avuto alcune soddisfazioni. curiamo la gente a noi vicina ed allarghiamo il campo a molti insoddisfatti. è una goccia, ma crea sempre un solco.

  6. FERNANDO VOLPI ha detto:

    Ma perchè il sig. Egeo ogni volta che viene ripreso poi non risponde? Vorrei tanto capire chi è questo soggetto!!!

  7. wids72 ha detto:

    Ottima analisi che descrive il valore infimo dei tecnocrati i quali dietro uno sprezzante democraticismo d’accatto, figlio di quest’epoca di disvalore, altro non perseguono gli obiettivi del potere oligarchico globalista, la crescita zero, povertà di massa, non solo materiale, ma anche spirituale!!!! a questo dobbiamo opporci e da più di tre anni molti di noi si impegnano in tal senso…In alto i cuori!!!!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.