8 SETTEMBRE; A CHI CI HA VOLUTO MALE E CE NE VUOLE FAREMO ANCORA PIU’ MALE. PARTE IL TESSERAMENTO PER IL 2013.

Come ogni anno a far data dalla data infausta del tradimento badogliano il Socialismo Nazionale rivendica l’orgoglio dell’Onore e della Dignità di chi non ha ceduto servilmente alle lusinghe del Nemico ed anzi ha combattuto per evitare l’invasione atlantica che da oltre sessant’anni ci opprime con la sua arroganza ed il suo tragico “stile di vita”…..; avanti per la Liberazione Nazionale !
Le modalità di tesseramento sono sempre le medesime delle precedenti e vi invitiamo a verificarle sulla pagina tesseramento di questo sito che é la voce ufficiale dell’organizzazione politica.
Si prega a chi rinnoverà ed a chi aderirà per la prima volta di indicare sempre sul bonifico o versamento c/c postale la causale “tesseramento 2013”.
Grazie
Il Presidente pro-tempore USN-RSI Maurizio Canosci
________________________________________________________________________________
8 SETTEMBRE1943: FINIS ITALIAE. Come al solito gli italioti di tutte le varie parrocchie si apprestano a festeggiare l’uscita dell’Italia dalla storia. Noi abbruniamo le insegne nel ricordo dei Caduti della Repubblica Sociale Italiana che seppero riscattare l’ONORE di una intera nazione nel momento più tragico della Storia patria. E il ricordo, ci sia consentito, va soprattutto ai Fascisti, ai vecchi squadristi e ai giovani forgiati nelle organizzazione della Gioventù Italiana del Littorio che per primi  rialzarono il tricolore gettato nel fango dai traditori e intorno a questo nucleo di <irriducibili> si ricostituirono le istituzioni statuali sia civili che militari. I concetti di ONORE e FEDELTA’ non sono soggetti a canoni interpretativi. Appartengono al campo dei valori assoluti e atemporali. Riprendiamo dal libro di Giuseppe Parlato “Fascisti senza Mussolini” la seguente annotazione, significativa della capacità reattiva del Fascismo: “A proposito delle strutture politiche e istituzionali riattivate dalla RSI – molte delle quali peraltro non erano state smantellate, verificandosi quindi una continuità tra il 25 luglio e l’8 settembre – occorre ricordare che gli organismi sindacali, previdenziali e assistenziali dipendenti dal partito, così come quelli femminili e giovanili, tornarono rapidamente in funzione nel breve volgere di un mese sotto la guida di Pavolini, mentre le strutture dello Stato ripresero a funzionare sotto l’egida della RSI qualche tempo più tardi. Si delineava così quel <doppio fascismo>, uno legato fortemente al partito e l’altro più legato allo Stato, che costituirà il motivo conduttore  della Repubblica Sociale.”
Le riaperte Federazioni Fasciste e le Caserme della Milizia divennero i luoghi logistici e di riferimento per la riorganizzazione delle strutture stuatuali sia civili che militari. Già nel mese di ottobre la Federazione di Roma contava 35.000 iscritti e quella di Milano oltre 20.000. E come non riicordare i 500.000 volontari che risposero all’appello di Mussolini e che si batterono fino all’ultimo pagando un prezzo altissimo di sangue e di sacrificio. Questi e solo questi sono i punti di riferimento per la rinascita dell’Italia.  Agli altri, a tutti gli altri, ai <cagoia> di turno lasciamo la festa della vergogna.
Stelvio Dal Piaz
Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Comunicati e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

7 risposte a 8 SETTEMBRE; A CHI CI HA VOLUTO MALE E CE NE VUOLE FAREMO ANCORA PIU’ MALE. PARTE IL TESSERAMENTO PER IL 2013.

  1. WERWOLF ha detto:

    Onore alla Repubblica Sociale Italiana e alla sua bandiera! LIBERI SOCIALI NAZIONALI NELLA CONTINUITA’ IDEALE!

  2. WERWOLF ha detto:

    IO NON PISCIO SUL MIO ONORE…..SARO’ ANCORA UNA VOLTA CON I CAMERATI DI USN….PER RINNOVARE LA BATTAGLIA DEL SANGUE CONTRO L’ORO! IN ALTO I CUORI!

  3. Fernando volpi ha detto:

    La coerenza ci impone di rivendicare con onore l’appartenenza ad una ben precisa parte! E ripartendo dal sacrificio e dall’abnegazione degli uomini RSI continuare la ricostruzione di un paese devastato dall’ignominia!!

  4. Dario Signori ha detto:

    Iddio, che accendi ogni fiamma e fermi ogni cuore,
    rinnova ogni giorno la passione mia per l’Italia.

    Rendimi sempre più degno dei nostri morti, affinché
    loro stessi, i più forti, rispondano ai vivi:
    “Presente”!

    Nutrisci il mio spirito della tua saggezza
    e il mio moschetto della tua volontà.

    Fa più aguzzo il mio sguardo e più sicuro il mio piede
    sui valichi sacri della Patria,

    sulle strade, sulle coste, nelle foreste
    e sulla quarta sponda, che già fu di Roma.

    Quando il futuro soldato mi marcia accanto nei ranghi,
    ch’io senta battere il suo cuore fedele.

    Quando passano i gagliardetti e le bandiere,
    che tutti i volti si riconoscano in quello della Patria,

    la Patria che faremo più grande
    portando ognuno la sua pietra al cantiere.

    Oh Signore! Fa della tua Croce l’insegna che precede
    il labaro della mia legione.

    E salva l’Italia, l’Italia nel Duce,
    sempre e nell’ora di nostra bella morte.

    E salva l’Italia, del Duce, nel Duce,
    sempre e nell’ora di nostra bella morte.

    Così sia. Così sia.

  5. Roberto Alessio ha detto:

    8 settembre. La vergogna del tradimento non cancella il coraggio di chi si oppose alla barbarie degli invasori atlantici. Rispetto per i martiri della RSI, combattenti fedeli all’ideale di libertà. socialismo e amor patrio

  6. gold account ha detto:

    Soffiano venti guerra nel Mediterraneo. Ci avevano detto che con il crollo del Muro di Berlino si sarebbe finalmente realizzato un mondo di pace e di distensione internazionale. A ventidue anni da quell’evento registriamo, purtroppo, che sta avvenendo il contrario. Serbia, Iraq, Afghanistan. Oggi la Libia. Naturalmente sono tutte guerre fatte “a fin di bene”, per esportare la democrazia, per cacciare odiosi tiranni. Non ci piacciano né le dittature, né i tiranni, ma non riteniamo che la strada giusta per liberarsene sia la guerra. Abbiamo visto infatti che al posto dei tiranni ne subentrano altri (magari più servizievoli nei confronti delle potenze occidentali) e che nonostante vengano chiamate “interventi umanitari”, i morti si contano nell’ordine di centinaia di migliaia. Sono due le costanti di questi “interventi umanitari”. La prima sono le menzogne costruite per farli accettare dall’opinione pubblica. Valgano, per tutte, le armi di distruzioni di massa in possesso di Saddam Hussein, elemento decisivo per dare avvio ai bombardamenti. Come tutti ormai sanno, non solo quelle armi non sono mai state trovate, ma non c’erano e tutta l’operazione era stata costruita dal Dipartimento di Stato Usa. La seconda è l’ipocrisia: si dice che occorre fermare Gheddafi poiché usa metodi brutali – ed è vero – per piegare chi si ribella al suo regime. Ma come mai non si interviene in egual misura, per esempio, contro il governo di Israele che da 50 anni non rispetta le risoluzioni dell’Onu e ha segregato un intero popolo – quello palestinese – in una prigione a cielo aperto?

  7. Eolo ha detto:

    Onore a tutti Camerati caduti e a tutti quelli che hanno sofferto nelle loro carni per l’Ideale di libertà. Detto ciò, l’8 settembre non potrà mai essere riscattato. Il disonore generato dal tradimento verso i camerati tedeschi coprirà d’onta il popolo Italiano per secoli. Dopo quasi 3 lustri il termine badogliano rima ancora con Italiano. Il fascismo, pur essendo stato il male minore per l’Italia del 900, ha fallito in tutti i campi: dov´erano i fascisti il 25 luglio? con quale volontà si batterono per impedire che i barbari anglosassoni invadessero la Patria? Come fu possibile convivere per anni con una dinastia di sciagurati e di mezze seghe? Le risposte vanno cercate nel dilettantismo con cui Mussolini e il suo regime hanno governato per oltre un ventennio gettando le basi di quello che poi è successo. Che Iddio ci conceda un giorno di far nuovamente parte della nobiltà dei Popoli.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...