LA CAMPAGNA DI LOTTA CONTRO IL VOTIFICIO PARTITOCRATICO.

COMUNICATO STAMPA

Inizia la nostra campagna di lotta contro il votificio partitocratico e mettiamo a disposizione di tutti una serie di manifesti stampabili (che troverete al link sotto segnalato)  utili ad esprimere con efficacia la volontà della nostra organizzazione politica di muoversi quale avanguardia dell’insofferenza dell’intera Comunità Nazionale contro una casta vergognosa di ladri e sanguisughe del nostro Popolo.

PAGINA DI PROPAGANDA

E’ chiaro ed evidente che verranno lanciati strali contro di noi da ogni dove ma non ce ne preoccupiamo consci che una ribellione civile deve innanzitutto nascere dalla consapevolezza che non c’é più nulla da “riformare” ma c’é tutta la necessità di “rivoltare” uno statu quo delirante ed offensivo per la dignità di ogni cittadino onesto e pericolosamente avviato alla macellazione sociale da un governo anti nazionale non legittimato e da una “classe dirigente partitica” nominata da cupole mafiose serve dell’usura internazionale.

Sappiamo di dover temere serie rappresaglie (non va dimenticata che analoga campagna astensionistica fu il vero detonatore che spinse il sistema in passato ad accanirsi giudiziariamente contro il movimento politico Ordine Nuovo con accuse infamanti e trame oscure) ma ne va della vita di ogni Italiano ancora degno di chiamarsi tale e della Comunità nazionale intera.

Non entriamo nel merito dei singoli personaggi ma lanciamo il j’accuse totale ad un sistema di democrazia assembleare che ha rivelato ora per intero tutta la sua mefistofelica potenza distruttiva creata volutamente per portare una oligarchia senza Patria a sconquassare fin dalle fondamenta il principio etico del “bene comune”, unico baluardo da sempre contro la malvagità della massificazione collettivistica pauperistica e dell’egoismo predatorio profittevole capitalista.

Il nostro progetto politico é ben chiaro e dinamicamente proiettato ad una rinascita dell’umanesimo del lavoro a favore dell’individuo che si riconosce nei Valori comunitaristi rappresentati dalla collaborazione tra ogni categoria produttiva e – perciò – elevandosi, a divenire parte partecipata e consapevole del benessere della propria “Gens” in cui ritrova il principio trascendente dell’appartenenza identitaria ad una Stirpe frutto di millenni di Storia, Tradizione, Sangue e Suolo vissuta nella proiezione infinita di un destino imperituro metafisico e non finalizzata esclusivamente al proprio particolare ed alla propria meschina sopravvivenza fisica paragonabile al misero battito d’ali di una farfalla morente nell’ampiezza imperiosa del creato cosmico.

Ma perché ogni individuo recuperi il senso spirituale dell’essere contro la protervia animalesca dell’avere a cui ogni Uomo Libero deve aspirare, occorre prima di tutto una svolta immediata e pratica in attesa di ritrovare lo slancio ideale che fece grande Roma e che vivrà nella capacità progettuale di una nuova italica Civiltà, di una nuova Europa dei Popoli a cui ridonare questa Civiltà.

Occorre spezzare il circuito blasfemo della religione olocaustica del “vitello d’oro” che pregiudica con Caino ogni fratellanza, per ridare senso alla vita di appartenenza alla Fede del Sangue che unisce chi ha un Cuore ed un’Anima in un unico simbiotico abbraccio con l’ordine naturale dell’esistenza.

Non importa chi ne beneficierà da qui alle prossime generazioni; l’importante é iniziare a porre i gladi sulla bilancia della Storia.

Il Presidente U.S.N. – RSI

M.C.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Comunicati e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.