GLI UNTORELLI DEL REGIME.

sn 28ottobreAbbiamo scritto recentemente, a commento di un articolo pubblicato sul nostro sito “Socialismo Nazionale”, che i sistemi liberal-demo-plutocratici non muoiono d’infarto fulminante. La loro morte, nel caso, sarebbe troppo nobile e poco sofferta. Questi regimi basati sul denaro, sullo sfruttamento e sulla corruzione, muoiono lentamente per intossicazione, per metastasi diffuse, per lenta, progressiva, insufficiente ossigenazione a livello cerebrale. Gli ultimi colpi di coda, come suol  dirsi, sono oltremodo pericolosi perché tentano di trascinare nel gorgo della loro caduta ingloriosa, quanta più gente onesta possibile, quella stessa gente che hanno ingannato e turlupinato durante tutta la loro esistenza. Storicamente questi sistemi nascono sulle macerie di nazioni che hanno perso una guerra o che sono state devastate da eventi naturali di dimensioni catastrofiche, per cui i loro popoli sono stremati, privi di difese organiche e in cui sono state depotenziate le loro virtù morali e spirituali. Sono facili prede dei primi cosiddetti “liberatori” che si presentano sulle macerie materiali e morali delle nazioni, con canti, inni, scatolette e cioccolate. Così nascono questi perversi sistemi usurocratici, sistemi attorno ai quali proliferano gli untorelli di destra, di sinistra, di centro ( tanto per parlar chiaro ! ) totalmente  privi di scrupoli, di etica e di dignità. Quando il sistema muore per insufficienza vitale, muore dello stesso male di cui è portatore genetico, muore per “decadenza”, gli untorelli cercano vigliaccamente la salvezza personale con tutti i mezzi leciti e illeciti, scannandosi tra di loro pur di evitare la ghigliottina morale che li attende implacabile, consapevoli che la ghigliottina sarà implacabile e senza appello perché manovrata dal boia che appartiene alla stirpe degli uomini che sono rimasti “in piedi in mezzo  alle macerie”.

Compresa la metafora ?  Per quanto ci riguarda, la metafora è dedicata agli untorelli della categoria “destronza”, agli “anali” di tutte le sfumature, ai “fiuggiaschi” di tutte le varie coloriture, untorelli che devono morire politicamente perché ammorbano l’aria, perché hanno infettato la cosiddetta “area”, perché adesso pur di sopravvivere si appellano alla legge di Norimberga. Vili e infami !

Devono politicamente morire insieme a tutta la loro cortigianeria i Gianfry, gli Alemanno, i Gasparri, i La Russa, le Giorge Meloni, le Perina, i Bocchino, le Alessandre Scicolone, le Isabelle Rauti, i Matteoli, i Cellai, gli Storace, i Migliori ( di cognome !), i  Luca Romagnoli, tutta gentaglia che ha iniziato la carriera politica con il “santino del Duce” in tasca, parassiti che devono essere condannati a lavori “socialmente utili” a 1.200 euro al mese come un operaio metalmeccanico o un professore della scuola statale.

Stelvio Dal Piaz

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Commenti e contrassegnata con , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

20 risposte a GLI UNTORELLI DEL REGIME.

  1. pikatrix ha detto:

    Semplicemente …… UNICO..!!!!! Grazie

  2. WERWOLF ha detto:

    …..DEVONO SOFFRIRE TUTTI COME STANNO FACENDO SOFFRIRE LA POVERA GENTE…IN ALTO I CUORI!

  3. Fernando Volpi ha detto:

    Leggerei volentieri la loro condanna cosi’ come ascolterei volentieri la sentenza decretata dal tribunale del Popolo!!

  4. Giovanni Garotti ha detto:

    Ottimo testo, pienamente condivisibile: peccato che la pagina FB riferita al Vs. movimento, sia piena (a mio giudizio) di persone non in grado di capire ciò che una persona scrive, perchè con Voi, ci sarebbe stato da fare del bene. In bocca al lupo.

  5. lupoalfa ha detto:

    Sig. Garotti, l’ho visto io molto ondivago sinceramente nei suoi commenti ai nostri post…..ma se ha qualcosa di “buono” da dirci può sempre scrivermi direttamente una mail con i suoi dati e presentandosi e con le sue eventuali proposte; socialismonazionale@gmail.com . …….VIVA I LUPI ! , sa com’é…..:D

  6. Riccardo (COMUNISTA NAZIONALE) ha detto:

    Mi permetto una variazione sul tema del pregevole articolo di Stelvio Dal Piaz:
    Perchè mai i Gianfry, gli Alemanno, i Gasparri, i La Russa, le Giorge Meloni, le Perina, i Bocchino, le Alessandre Scicolone, le Isabelle Rauti, i Matteoli, i Cellai, gli Storace, i Migliori ( di cognome !), i Luca Romagnoli, tutta gentaglia che ha iniziato la carriera politica con il “santino del Duce” in tasca, parassiti che devono essere condannati a lavori “socialmente utili”……….
    dovrebbero prendere 1.200 euro al mese con tutti i soldi che hanno lucrato? (il più delle volte ingiustamente!) Quando un operaio metalmeccanico o un professore della scuola statale o tanti altri fanno fatica a tirare avanti?
    Questa è gente che non sa neanche dove sta di casa il lavoro, e se fossero sotto padrone durerebbero non dico due giorni, ma neanche due ore.
    Andrebbero, quello sì, “rieducati attraverso il lavoro”……
    Camerati e compagni, A NOI!!!

  7. Cursus Honorum ha detto:

    Garotti…ma cosa c’entra la pagina fb…dove ci sono anche ospiti esterni.

    Il nostro è movimento serio.
    Siamo persone serie.
    Pertanto dia retta alla Presidenza e scriva a quella mail, invece di pontificare.
    ma giusto per essere chiari…NOI non siamo Liberali nè Berlusconiani.

    tutto qui.

  8. lupoalfa ha detto:

    Tra i motivi dello strappo della Pd con la L é emerso un dato significativo nel discorso alla camera dello scolaretto Alfano (sarà stato un lapsus freudiano !?); NON HANNO DIGERITO IL SI’ ALL’ONU DATO DALL’ITALIA PER IL RICONOSCIMENTO DELLO STATO PALESTINESE….!!!
    Ora é evidente che per quanto ci riguarda Monti o altri per noi tutti uguali sono e tutti a casa (anzi in campi rieducativi del lavoro !) devono andare ed é per questo che formalmente aperta la campagna elettorale dichiariamo altrettanto formalmente aperta anche la nostra campagna ASTENSIONISTICA, ma sia chiaro che non andranno dimenticate le parole declamate dal “picciotto” Alfano; la “destra” di questo “paese” é la principale alleata dei SIONISTI, per cui nessuno si lasci abbindolare dal meretricio di chi vuole un nuovo “fronte anticomunista” perché le “sirene ” le lasciamo ascoltare agli allocchi !!!

  9. Avanguardia ha detto:

    Ormai questi figuri possono sopravivere solo attaccandosi al carro di Silvio. Sono più lerci e pestilenziali del Cavaliere, perchè, oltre ad essere infinitamente più tristi e noiosi, hanno fatto da strumento dell’ antifascismo per infangarci.

  10. Stelvio Dal Piaz ha detto:

    1.200 lire al mese perchè la condanna prevede anche la confisca dei beni illecitamente acquisiti con l’attività politica. Il conto è presto fatto: censimento dei beni personali e familiari all’inizio dell’attività e valutazione dei beni patrimoniali complessivi al momento della resa dei conti. La legge esiste già e si chiama “legge sui profitti di regime” ed è stata applicata nel dopoguerra ai fascisti. La commissione incaricata della confisca dei beni venne sciolta dopo pochi mesi di attività perchè i beni recuperati non erano sufficienti a pagare il gettone di presenza dei commissari antifascisti. Questa la verità storica, anche perchè i veri profittatori del “ventennio” erano nel frattempo divenuti tutti antifascisti.

  11. Egeo Francois ha detto:

    Condivido in toto l’articolo

  12. Avanguardia ha detto:

    Quella gentaglia è stata uno strumento determinante per l’ antifascismo dichiarato per infangare le nostre idee.

  13. Riccardo (COMUNISTA NAZIONALE) ha detto:

    Egregio Stelvio, mi permetto di dissentire, 1.200 euro al mese sono comunque troppi per quella gente là, a lavorare sul serio! Dovrebbero provare cosa significa, dovrebbero provare come purtroppo è successo a tante persone, dopo una vita di lavoro trovarsi licenziati e non saper come fare per tirare avanti e mantenere la famiglia. E’ troppo comodo pontificare come hanno fatto sino ad ora e fare i finocchi con il culo degli altri. A lavorare!
    In ogni caso complimenti per l’articolo, lucido e sintetico.
    Camerati e Compagni, A NOI!!!

  14. Vincenzo ha detto:

    BISOGNA PRENDERE AD ESEMPIO.. E NATURALMENTE e FATTIVAMENTE CIO’ CHE UN CERTO GARIBALDI DISSE A SUO TEMPO..”QUI SI FA’ L’ITALIA O SI MUORE” ..O IL POPOLO REAGISCE SUL SERIO E NON CON GLI SCRITTI, CHE SERVONO MA NON SONO EFFICACI, MA CON UNA PRESA DI POSIZIONE FORTE.. CIOE’ BUTTARE FUORI A CALCI IN CULO TUTTI QUESTI PARASSITI, O E’ INUTILE CONTINUARE A PARLARE. W LA RIVOLUZIONE!
    EJA!!!!

  15. Valter Melchiorri ha detto:

    Le persone da Lei citate, che hanno sfruttato la politica per esclusivi interessi personali e parlo di tutti i partiti e movimenti che si sono succeduti dall’inizio della prima repubblica sono stati in ugual misura responsabili del decadimento morale, sociale ed economico del paese nessuno escluso. Per questi non andrei tanto per il sottile, scioglimento di partiti e sindacati con confisca di tutti i beni compreso quelli personali. Uno stampo in fronte con scritto “IO SONO UN LADRO DEL MIO POPOLO” e poi che andassero a cercarsi un lavoro.

  16. Swann socialista nazionale ha detto:

    D’accordo col grandissimo Stelvio, però ci sono operai che si fanno un mazzo e non arrivano a 900€! per questi “signori”, oltre alla confisca di TUTTI i beni personali, lavori massacranti e retribuiti a 500€, così, forse, capiranno cosa vuol dire vivere con la pensione minima dopo 40 e più anni di lavoro!

  17. nuovorisorgimentoblog ha detto:

    Naturalmente ho letto l’articolo e a votare non ci vado, però vorrei fare una considerazione approfittando di questo spazio libero:
    Uscire dall’europa e abbandonare la moneta unica comporterebbe nell’immediato enormi sacrifici, ma purtroppo nella vita nulla è gratuito e se vogliamo aspirare a tornare ad essere un popolo libero dobbiamo mettere in conto un periodo di transizione che potrebbe generare grossi tumulti popolari, per quello sarebbe opportuno abbandonare la democrazia per passare ad una dittatura (pronta a reprimere anche con la forza eventuali rigurgiti capitalisti) che però preveda la partecipazione diretta dei cittadini nelle decisioni politiche nazionali. Inoltre non dobbiamo dimenticare che qualora l’Italia smettesse di seguire supinamente le politiche della finanza mondiale, correremmo il rischio di essere oggetto di ulteriori e più pesanti attacchi di geoingegneria clandestina , quindi una delle tante cose che dovrebbe fare il prossimo governo libero e sovrano, sarebbe quella di riunire tutte le menti ibere d’Italia per capire se è possibile difendersi da questo genere di armi non convenzionali (io penso sia possibile).
    La strada è molto lunga e ci sarà da stringerei denti, ma per la Patria questo ed altro!
    Naturalmente questa è solo la mia opinione…………il mondo è bello perchè è vario.

  18. pikatrix ha detto:

    La geoingeneria prevede spargimento di sostanze sotto forma di “aerosol” “scie chimiche” sparse da aerei della aviazione militare italiana o “nato” in forma anonima … li si tira giu’ con le buone o con le cattive…

  19. Stelvio Dal Piaz ha detto:

    Italia fuori dalla NATO e NATO fuori dall’Italia. Solo attraverso questo movimento risorgimentale potremo riacquistare la sovranità malamente perduta.

  20. wids72 ha detto:

    Le idee sono chiare in quest’area di nuovo risorgimento costituito da un movimento che proclama la libertà di un popolo dallo schivismo usocratico apolide. Menti libere che si riuniscono in un unicum nazionale e che riconosce il vero “male assoluto” non nella contro parte ideologica ma in coloro che affamano il popolo con i loro accoliti. Avanti così senza indugi verso un nuovo fronte nazionale rivoluzionario di liberazione….in alto i cuori!!!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...