L’ULTIMO ASSALTO E’ COMINCIATO.

corretti_nLasciamo per un attimo la febbrile attività circense nella quale si stanno dilettando gli impuniti pagliacci del teatrino politico nazionale e ci soffermiamo su qualcosa di autenticamente (nel senso platonico del termine) politico, se non altro per ridare dignità ad un termine ormai sputtanato e reso ignobile da una marmaglia eterogenea di grassatori, magnaccia e mignotte. Per riconsegnare dignità alla Politica, intesa nella sua vera e nobile accezione, in verità basterebbe ben poco. Non mi si prenda per matto o non si creda che sia entrato in possesso della mitica lampada di Aladino: non è così ! Diciamo piuttosto che la lampada di Aladino altro non è che un filmato di appena dieci minuti scaricabile da “youtube”, nel quale un certo Josè Mujica, presidente della Repubblica dell’Uruguay, uomo sconosciuto al grande pubblico (e come potrebbe essere diversamente !), in un discorso tenuto di recente ad un G20, ha tracciato con disarmante e limpida chiarezza quello che dovrebbe essere l’impegno di ogni soggetto che viene chiamato a governare la cosa pubblica.Mi sono chiesto e mi chiedo se l’italiano medio, quello dell’happy hour e del leasing facile, quello che tuona al bar soluzioni messianiche con lo spritz in mano e poi sparisce nella bruma circense del voto con il rivoluzionario gesto di una X al pagliaccio più di moda, conosce l’uomo di cui si sta parlando. Sicuramente nessuno sa chi sia e tanto meno avranno avuto modo di apprezzarne le parole, un po’ perchè i media di regime si guardano bene dal focalizzare le loro attenzioni su persone scomode, un po’ perchè Mujica è tutto meno che
l’uomo roboante e ridondante che in qualche modo riesce a farsi sentire.

Ad ogni modo basta dire che “Pepe” Mujica è il presidente contadino che vive tranquillamente nella sua fattoria e che lascia nelle casse dello stato gran parte del suo appanaggio mensile previsto per la carica che ricopre. Non è ricco, anzi non lo è affatto, ha fatto quindici anni di galera ai tempi della dittatura filoamericana ed ha un passato di attivista nel movimento nazionalista Tupamaros. Dunque uno che ha vissuto la vita del combattente a tutto tondo e che, giunto all’età di quasi ottanta anni, avrtebbe potuto benissimo tirare i remi in barca e godersi una bella pensione.

Invece no. Invece di fare convegni e scrivere libri, Mujica fa il presidente della sua gente. E lo fa cercando di risolvere i problemi tipici di un paese sudamericano che per decenni ha conosciuto l’imperialismo yankee. Ed è con quello spirito che si è presentato ad un G20 e in dieci minuti ha lasciato attonito il parterre che aveva davanti. Ma cosa avrà mai detto sto buon “cristo” di tanto speciale ?
Come avrà fatto a strappare applausi e a finire su “youtube” in giro per il mondo, salvo essere oscurato dai media planetari ? Che soluzioni avrà mai proposto per la crisi globale che investe il pianeta ? Niente di speciale ! Non ha fatto polemiche nei confronti di altri governi (ed alcuni da censurare ce ne sarebbero eccome !), non ha criticato o parlato male di nessuno, niente di tutto questo ! Egli altro non ha fatto che un discorso semplice semplice, di lapalissiana evidenza, dimostrando a chi lo ascoltava che le teorie politiche dei soloni accademici di mezzo mondo (da Yale a Stanford o da Milano a Parigi) sono aria fritta, meri esercizi alchemici ad uso di chi governa con rapace indifferenza le sorti dell’intera Umanità.

In poche parole ed in buona sostanza “Pepe” Mujica ha candidamente fatto capire che il mondo sta finendo nel baratro a causa di un modello di sviluppo che altro non è se non una condanna a morte differita nel tempo per l’intero genere umano. Il modello del capitalismo finanziario, che non guarda più nemmeno alla produzione di cose reali per l’uso comune, ma che ha eretto il moloch del denaro come fine ultimo cui giungere, ovvero l’unica cartina di tornasole del benessere degli uomini, costi quel che costi.

Ebbene quel modello palesemente destinato al fallimento per l’impossibilità materiale che la sua dirompente forza distruttrice sia sostenibile dal pianeta e dai suoi abitanti. Ecco cosa ha detto un vero ed ottimo uomo politico come è Mujica: lo ha detto in parole semplici e senza proclami altisonanti, ma con misurata serenità e severo contegno. Lo ha detto come Uomo pensando ad altri uomini come lui e non come banchiere o presidente di multinazionale che parla al popolino: mentre parlava non parlava dallo scranno di una poltrona del FMI o della BCE, ma dallo stesso livello di chi le scelte dei potenti le deve poi sentire sulla propria pelle.

Ebbene, le sue parole sono le nostre parole. Sono anni che denunciamo, dal modesto angolo in cui ci tengono relegati, l’impossibilità di continuare a percorrere la strada della globalizzazione economica e della crescita infinita; la crescita infinita non può non scontrarsi con l’ovvietà rappresentata dalla finitezza delle risorse a disposizione e dal sempre maggior numero di esseri umani che pretendono standard di benessere sempre più alti che il sistema tende a produrre. Ed è per questo, per questa materiale impossibilità, che il sistema cleptocratico del liberismo di ultima generazione è giunto a partorire il suo mostro finale, ovvero la finanziarizzazione artificiale di ogni attività e di ogni forma di risorsa concreta. Attraverso questo sistema di speculazione selvaggia trasnazionale e assolutamente alchemica, le elitès usurocratiche del pianeta stanno compiendo l’ultimo assalto alla diligenza: l’assalto all’Umanità stessa.

Questo è quello che Mujica ha detto ad una platea plaudente ma confinata in una sala di un G20; questo è quello che in tanti dicono ma poi lasciano andare le parole al vento; questo è quello che noi diciamo dalle nostre catacombe, memori di un insegnamento che altri, in tempi non sospetti, ci hanno lasciato in eredità.
CON UNA SOSTANZIALE DIFFERENZA RISPETTO A CHI PARLA E BASTA: LORO
SONO DISARMATI DI FRONTE AL NEMICO VERSO IL QUALE DA TEMPO SI SONO
ARRESI E VENDUTI; NOI, ANCORA, CONTRO QUEL NEMICO SIAMO IN ARMI E
SAPPIAMO BENE CHI E’, DOVE SI ANNIDA E COME SI COMPORTA !

Fernando Volpi

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Articoli e contrassegnata con , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

8 risposte a L’ULTIMO ASSALTO E’ COMINCIATO.

  1. Ardito Sepolcrista1919 ha detto:
  2. Lupo di Selva ha detto:

    FINALMENTE HO TROVATO UNO SPAZIO DOVE SI AFFRONTANO TEMI CONCRETI E CORAGGIOSI. IN QUESTO CASO LEGGO CON PIACERE IL RICHIAMO A JOSE’ MUJICA, RAPPRESENTANTE DI UN PAESE (COME ALTRI NELL’AMERICA LATINA E NEL MEDIORIENTE) NEL QUALE VIENE DIFESO A DENTI STRETTI IL SENSO DELLA NAZIONE E DEL POPOLO.

  3. Avanguardia ha detto:

    Avevo letto un articolo a riguardo.
    http://www.ariannaeditrice.it/articolo.php?id_articolo=44731

    In Uruguay votare è stato utile, in Italia invece … GRrrrrrrrrrrrrrr

  4. lupoalfa ha detto:

    Ringrazio Ardito Sepolcrista per il memo ed ora lo abbiamo messo come link anche nel testo

  5. lupoalfa ha detto:

    @Lupo di Selva: Tra Lupi ci si intende …no.. !?

  6. Stelvio Dal Piaz ha detto:

    Un’altra Italia, un’altra Europa, Un altro mondo si possono costruire. Basta abbattere il mostro dell’ipercapitalismo finanziario che strangola i popoli attraverso l’usura e distrugge le nazioni attraverso la moneta debito. L’alternativa non può essere che il movimento socialista nazionale. Noi il messaggio l’abbiamo lanciato convinti che il riscatto dovrà trovare la scintilla della ribellione proprio in Italia. A morte il capitalismo liberaldemocratico e tutti i suoi profeti !

  7. WERWOLF ha detto:

    Mujca vive con 785 dollari al mese mentre glie ne spetterebbero come Presidente 12 Mila……il resto lo dona….al popolo…..ha ospitato i senza tetto nella casa presidenziale………purtroppo si parla poco di lui…STIMA totale….e w il sud america che si sta risvegliando……e sta dando lezioni al mondo occidentale! AVANTI VERSO IL SOCIALISMO NAZIONALE!

  8. Valter Melchiorri ha detto:

    Un grande extraterrestre che vive sul nostro pianeta…..grande stima al Presidente Josè Muijca.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...