SOCIALISMO E NAZIONE.

sn idee chiareSocialismo e Nazione sono due parole che, anche in Europa come negli Stati Uniti, sono adesso divenute bestemmie. Ebbene, come premessa a questo intervento di ultimo e primo d’anno, noi abbiamo preso l’impegno  di  vivere e morire “bestemmiando”. Proprio perché noi siamo consapevoli che non è limitandoci ad “indignarci” che potranno cambiare le cose ; è solo con un progetto autenticamente alternativo al capitalismo finanziario che sarà possibile sconfiggere gli usurai, un progetto nazionale e socialista che sfoci in un’azione concreta di ribellione popolare.

Sappiamo che alla fine un forte intervento dei ceti popolari potrà dare alla protesta nei confronti dell’attuale regime,  quella base sociale in grado di invertire la rotta e costruire il modello di economia socializzata, unica soluzione per uscire dalla crisi economica, finanziaria e morale. L’attuale democrazia liberal-capitalista non rappresenta più niente ed è solo un apparato nelle mani dei “banksters”, è ridotta a quella che noi definiamo da sempre una “democrazia senza demos”.

Anche il rituale del voto ha perso ogni significato ed anche per questo non si va più a votare. Ed anche quelli che vanno a votare non lo fanno per scegliere i migliori, ma con l’unica speranza di eliminare i più dannosi oppure si va ha votare non per “vincere” ma per fare perdere gli altri. Già alla fine del XIX secolo i sindacalisti rivoluzionari sostenevano che il suffragio universale era una mistificazione

E questa sarebbe democrazia !  Noi siamo consapevoli che il nostro percorso politico e personale dovrà affrontare, difficoltà, pericoli, problemi, delusioni, sì anche delusioni,  soprattutto perché la mamma de’ bischeri è sempre incinta – come si dice in Toscana.  Noi rifiutiamo totalitariamente il mondo che contestiamo ma- sul piano organizzativo, culturale e istituzionale – lo conosciamo  a fondo perché è proprio attraverso il nostro studio ed i nostri approfondimenti che abbiamo con sicurezza individuato il “nemico”.

E il nemico, come tutti coloro che detengono il potere, applica alla perfezione l’antica parola d’ordine: “divide et impera”.  E chi ancora non ha compreso che, di fronte al comune nemico, tutto il resto è secondario, finisce per essere funzionale al sistema dominante.  Ma chi è il nemico ? Rubiamo ad Alain de Benoist la indicazione del nemico perché la condividiamo totalmente e senza eccezioni.

1) “Il nemico principale è il più dannoso e, soprattutto, il più potente. Oggi è rappresentato dal capitalismo e dalla società di mercato sul piano economico, dal liberalismo sul piano politico, dall’individualismo sul piano filosofico, dalla borghesia sul piano sociale e dagli Stati Uniti sul piano geopolitico. Il nemico principale occupa il centro del dispositivo. Tutti coloro che, in periferia, combattono il potere centrale dovrebbero essere solidali.  Ma non lo sono. Alcune persone sono convinte che la cosa più importante sia sapere <da dove si viene> o <da dove si parla>: sono quelle che, quando una casa brucia, ritengono sia più urgente chiedere prima i documenti a coloro che vengono a spegnere il fuoco. In nessun caso, ai loro occhi, i nemici dei loro nemici, possono essere loro amici. Io la penso esattamente al contrario ( e noi con lui ! ) : i nemici dei miei nemici non sono necessariamente  miei amici, ma sono necessariamente degli alleati. Come è noto, non sono un castrista, ma sosterrò sempre Castro nella sua lotta contro l’imperialismo americano. Come è noto, non sono cristiano, ma sosterrò sempre i cristiani ogni volta che lotteranno contro il potere del denaro. Chi ragiona diversamente, non ha il senso delle priorità né quello delle poste in gioco. A meno che non sia semplicemente un complice“. 

Non c’è altro da aggiungere se non che noi socialisti nazionali riteniamo di rappresentare la scintilla, quella scintilla che – come affermava il presidente Mao – “sarà la scintilla che incendierà la pianura“. Chi vorrà, insieme a noi “potrà soffiare sulle braci per fare crescere la fiamma“ come sostenuto dallo stesso Alain de Benoist a conclusione del suo libro.

Stelvio Dal Piaz.

– 1) “SULL’ORLO DEL BARATRO – Il fallimento annunciato del sistema denaro“ – Arianna Editrice.

Questa voce è stata pubblicata in Articoli e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

5 risposte a SOCIALISMO E NAZIONE.

  1. Avanguardia ha detto:

    Guardare avanti e mai voltarsi, mai fermarsi, verso l’ obiettivo.

  2. Lupo di Selva ha detto:

    E’ VERO, PER GLI STATI UNITI E L’EUROPA (E PER I LIBERISTI/CAPITALISTI IN GENERALE) I TERMINI SOCIALISMO, NAZIONE ED AGGIUNGEREI ANCHE IDENTITA’ E POPOLO, RAPPRESENTANO BESTEMMIE, CONCETTI DA SOFFOCARE.
    DIMENTICANO CHE IN NATURA L’ESSERE UMANO NASCE COME “ANIMALE DA BRANCO E TERRITORIALE” QUINDI, PER LA SUA AUTODEFINIZIONE, GLI RISULTA INDISPENSABILE RICONOSCERSI IN UN TERRITORIO DA CONDIVIDERE CON IL SUO “BRANCO” CHE DIVENTA LA SUA COMUNITA’ DI DESTINO, NELLA QUALE POI UN BUON SOCIALISMO DIVERREBBE GARANZIA DI GIUSTIZIA SOCIALE.
    PENSARE DI VAPORIZZARE IDENTITA’ E STORIE DI NAZIONI E DI POPOLI E’ INACCETTABILE; L’INTENTO CAPITALISTA E GLOBALIZZANTE DEL NUOVO ORDINE MONDIALE E’ UN FEROCE PROGETTO “CONTRO NATURA”.

  3. Fernando Volpi ha detto:

    Per la rinascita che auspichiamo Sono tempi bui. Come buie sono le prospettive che le elites dominanti dell’usura mondialista ci atanno preparando! Ma non ci sono alternative ad una parola, l’unica che oggi ha un senso, quella che almeno salvera’ il nostro onore di uomini! Essa si chiama LOTTA!! E LOTTA sara’!

  4. Egeo Francois ha detto:

    Il nostro nemico è quello degli anni 40 ossia la demoplutocrazia ed il bolcscevismo.
    Il NaziFascismo ha combattuto queste due mostruosità che non sono altro che le due faccie della stessa medaglia.
    Abbiamo perso contro la più grande coalizione militare della storia, ma le nostre idee sono sempre valide ed all’avanguardia.
    Dobbiamo continuare la lotta politica contro questi macellai della società.

  5. wids72 ha detto:

    Le azioni politiche predatorie del Nuovo ordine Mondiale sono in atto, il colonialismo di stampo anglossassone dell’epoca moderna. Soltanto le menti e i cuori liberi di quest’epoca riescono a percepire e ad agire conseguentemente di fronte allo sfacelo imperante della globalizzazione capitalista…In alto i cuori!!!!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.