VERGOGNA !

smarcoLa razza dei “badogliani” è ancora al potere. Ne abbiamo riprova ogni qualvolta il paese Italia sia coinvolto in questioni internazionali. L’ennesima brutta figura è di questi giorni e così i due “marò” saranno riconsegnati alle autorità indiane dopo che la stessa Procura militare italiana li aveva accusati di reati gravissimi. Peggio di così non so che cosa si potesse pensare per mettere in cattiva luce i nostri due militari. Quello che non è tollerabile è che il ministro degli esteri e quello della difesa (che per di più è un ammiraglio !) restino ancora al loro posto. Ma non succederà nulla: continueranno a rappresentare l’Italia dell’8 settembre 1943.

Tutta la vicenda è stata compromessa fin dall’inizio per cui occorre risalire anche alle  gravi responsabilità del precedente ministro della difesa e degli esteri, due autentici “cagoia” del governo Berlusconi. In un paese serio si sarebbe già aperta un’inchiesta per stabilire le responsabilità dei vari ministeri che hanno autorizzato il loro imbarco nelle navi mercantili e le regole d’ingaggio.  Ma anche tutti gli “italioti” che calpestano il suolo di questa terra di zombi si devono vergognare perché non ci sarà alcuna reazione popolare e i due militari saranno affidati alla “clemenza” della corte indiana.

Io voglio ricordare agli immemori – da vecchio volontario della R.S.I. – che con gli indiani avevamo già un vecchio conto da saldare perché, non solo le truppe “marocchine” si dettero al saccheggio e allo stupro delle nostre donne, ma anche i “ gurka”  dell’8° Armata inglese. Noi non dimentichiamo e lo vogliamo ricordare per memoria storica anche come Socialisti Nazionali. Adesso siamo in attesa di vedere se c’è ancora qualche militare gallonato che organizza un gesto di protesta per dimostrare che sotto la divisa delle FF.AA. italiane c’è anche “ l’uomo”. Per parte mia prendo l’impegno che se il caso vorrà farmi incontrare il ministro degli esteri o il ministro della difesa in carica gli sputerò in faccia.

 Stelvio  Dal Piaz

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Articoli e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

14 risposte a VERGOGNA !

  1. pierleone ha detto:

    ” IO, ALBINO DEIDDA, NUOTATORE PARACADUTISTA GUASTATORE ,
    APPARTENENTE ALLA DECIMA MAS , 91enne SI MA NON RINCOGLIONITO,
    MBVM , DICO A VOI FRATELLI PRIGIONIERI IN INDIA, NON MOLLATE MAI
    CHE TANTO PIU’ BUIO DI MEZZANOTTE NON VIENE.
    SE AVESSI 50 ANNI DI MENO AVREI TROVATO ALTRI FRATELLI
    NUOTATORI PARACADUTISTI PER RIPORTARVI A CASA CON O SENZA CONSENSO ALCUNO.
    DECIMA!! “

    Di questi Uomini ha bisogno il paese, non dei buffoni che governano…

  2. aurora proelium ha detto:

    E’ stato fatto, e purtroppo si continua tutt’ora a fare, di tutto per screditare la nostra Italia a livello internazionale. Due militari sballottati come palline da ping pong, parole date e poi prontamente rimangiate. Ma alla sera, con la minestra fumante nel piatto, a pochi italiani interessa la cosa,
    Risvegliati Italia!

  3. federiko ha detto:

    L’ennesima vergogna di un paese allo sfascio! Spero che il popolo italiano inizi a meditare! Purtroppo ne dubito fortemente!

  4. Valter Melchiorri ha detto:

    Una Vergogna che rimarrà negli annali della Repubblica, per l’ennesima volta ci siamo dimostrati al mondo interno per quello che siamo……”INFAMI”.

  5. il socialista ha detto:

    l’Italia è diventata una pietosa barzelletta, che invece di far ridere fa vomitare!

  6. Daniela Roccella Usn ha detto:

    …sembra che la “riconsegna” dei due militari italiani nelle mani delle autorità indiane, sia dipesa da questioni opportunistiche dettate dal voler salvaguardare un affare economico da sette miliardi di euro (che peraltro non verranno di certo destinati ad opere di giustizia sociale….bensì rimarranno “Alti” ed inseriti nel circuito finanziario europeo)………
    I due militari ormai erano presenti sul suolo patrio…..Le istituzioni italiane avrebbero dovuto trattenerli e “con serietà e correttezza” pretendere a gran voce che venissero giudicati da un tribunale terzo internazionale…in quanto l’incidente è avvenuto in “acque internazionali e non indiane”……

  7. Egeo Francois ha detto:

    Questa classe politica vergongosa ha un altra volta umilato la nostra patria.
    Gli interessi plutocratici hanno prevalso sulla salvezza dei nostri Marinai e sulla credibilità dell’Italia.
    Se io fossi stato il capo della Nazione Italiana dieci minuti dopo l’arresto dei nostri Militari avrei ordinato alla flotta di partire e liberare i nostri.
    Il valore dell’esercito italiano è molto più grande di quello indiano.
    Per un azione di forza sarebbero bastati i para’ della folgore e alcune unità della Marina Militare.
    Ma pur troppo al governo abbiamo i successoridi badoglio e non del Duce e le cose vanno così
    Cari camerati auguriamoci che il sistema imploda.
    Sento l’ora della riscossa sempre più vicina.

  8. Anonimo ha detto:

    I ”gurka” non erano indiani ma nepalesi.

  9. lupoalfa ha detto:

    Anonimo, ti ringraziamo per la precisazione ma precisazione per precisazione, e per corretteza e completezza:
    Gurkha o Gorkha o Ghurka (Nepalese: गोर्खा) sono un popolo del Nepal e dell’India Settentrionale, che prende il nome dal guru-guerriero hindu dell’VIII secolo Gorakhnath. Il suo discepolo Bappa Rawal, principe Shailadhish, fondò la Casa di Mewar in Rajasthan. Successivamente i discendenti di Bappa Rawal si spostarono ancora più a est e fondarono la casa di Gorkha, che divenne Regno del Nepal. Il Distretto di Gorkha è uno dei 75 distretti del moderno Nepal.

    I Gurkha sono meglio conosciuti per la loro storia nei reggimenti Gorkha dell’Esercito indiano, nella Brigata Gurkha del British Army e nell’Esercito nepalese.

  10. Anonimo ha detto:

    Se proprio dovevamo sacrificare un marinaio , potevamo dargli un comandante : il comandante Schettino! Viva l’Italia…vera!

  11. PT ha detto:

    Se proprio dovevamo sacrificare un marinaio, potevamo dargli un comandante : il comandante Schettino! Viva l’Italia…vera!

  12. Stelvio Dal Piaz ha detto:

    I Gurka erano inquadrati nell’8a ‘armata e vestivano la divisa inglese. All’epoca nessuna distinzione tra India e Nepal e gli stessi di etnia indiana avevano assunto le usanza gurka. Stessi episodi di stupro si sono verificati da parte degli indiani reclutati dai tedeschi nei campi di concentramento dei prigionieri di guerra, soprattutto in Francia verso la fine della guerra. Il ritualismo dello stupro fa parte della loro “cultura” come evidenziato anche da episodi recenti. Pur non volendo fare di ogni erba un fascio resta il fatto che la nostra diplomazia ha dimostrato ancora una volta l’istinto servile che la ispira e la domina. Nell’episodio dei “due marò ” la stessa Corte indiana aveva difficoltà a stilare i capi di accusa. A ciò ha pensato la procura militare italiana che ha servito in un piatto d’argento i gravissimi capi di imputazione contestati in occasione del loro deferimento giudiziario. Un vero capolovoro !

  13. Fabio ha detto:

    Vergogna! Vergogna! Vergogna! Questa è gente che venderebbe la propria madre al mercante di turno. Dovrebbero essere processati se non per tradimento per ignavia. In mezzo a tutto sto bordello poche parole risuonano nella mia testa e sono solo quelle dei due soldati il cui onore e spirito di abnegazione è e rimane un esempio per tutti.

  14. patriotarosso2013 ha detto:

    Sinceramente mi sorprende una tale posizione da parte dell’USN: se i due militari hanno commesso un reato, è normale che siano consegnati alle autorità indiane per essere processati. L’assurdo è che invece di affrontare un processo a testa alta,siano fuggiti con la scusa delle elezioni,atto che avrebbero potuto svolgere presso l’ambasciata. E poi ricordiamoci che non sono al servizio di un governo popolare, ma sono solo dei contractors, pronti a difendere gli interessi altrui. Non sono militari di leva ma volontari che percepiscono un lauto stipendio. Le forze armate italiane se fossero coerenti con il loro giuramento dovrebbero incominciare a buttare a mare,con l’aiuto del popolo, gli invasori yankeee e tutti i collaborazionisti filostatunitensi e filosionisti!
    Hasta siempre!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...