E’ IL TEMPO DEI MORI…

muhammadaliSembra che l’Italia, tra le Nazioni Europee abbia il dono discutibile di arrivare costantemente in ritardo circa la soluzione di problemi essenziali  e la cosa come intuibile , impone un prezzo. Non tanto alla fauna felicemente spaparanzata a Montecitorio tra velluti e ori, ma al Popolo, come di consueto. Ci riferiamo  alla reazione isterico-identitaria che riguarda il neo Ministro della Repubblica Cécile Kyenge Kashetu  la cittadina Italo-Congolese di 49 anni alla quale e’ ora affidato il destino di una vertenza essenziale in Italia che concerne qualche milione di immigrati clandestini e una volonta’ popolare incontestabile che vorrebbe respingerli. Importante una premessa: a questo punto , l’apparato Statale  che ha inflitto agli Italiani in 18 mesi ben tre micro Coup d’Etat potrebbe nominare Batman agli  affari  esteri senza provocare in noi alcuna sorpresa degna di nota. La prassi plebiscitaria che tanto ci hanno sventolato sotto il naso per quasi sette decenni e’ stata ripetutamente e deliberatamente violata, pertanto e’ chiaro che ogni rimostranza, indipendentemente dalla sua provenienza, impatta nel muro di gomma di una casta politica che decide autonomamente circa il nostro destino e mobilita mercenari  anti-sommossa o sbirraglia informatica ogni qualvolta da qualche assembramento virtuale o meno, peraltro spesso modesto e innocuo, si alza una flebile voce di dissenso.

Tornando al nostro Ministro per l’Integrazione, il suo compito, oltre ad una funzione puramente cosmetica che soddisfi  le fobie di un sinistrame sinistrato con in testa il Presidente della Camera, sara’ quello di spingere sull’acceleratore della integrazione a tutti i costi  e quindi all’assimilazione di centinaia di migliaia di Stranieri nel serbatoio di carne votante del quale hanno vitale bisogno perche’ il loro atavico appetito venga soddisfatto.

Perchè, e sia ben chiaro a chi legge, l’umanitario in questa charade indecente pro-negritudine non c’entra un fico!

Nessuno si interessa alle reali condizioni di vita di questo esercito malfunzionante di diseredati professionali, di questi questuanti sistematici e che vivano in dieci in un cubicolo da angiporto in condizioni igienico sanitarie settecentesche, che lavorino saltuariamente ma per 12 ore di fila a condizioni sicurezza zero magari per qualche cosca nostrana pronta a sparargli nella nuca e a gettarli in una discarica in caso di problemi…di questi piccoli dettagli non frega nulla a nessuno. Che a migliaia finiscano a cosce scoperte vicino ad un raccordo, vendendo la propria carne al chilo, a nessuno importa. Quello che importa è che siano integrati e che , come tali , tali, si uniscano ai milioni di disoccupati autoctoni e che tutti, senza distinzione,  con la loro carta di “identità” si presentino ai seggi quando necessario, in una babele etnica da Mad Max a basso costo.

Nel frattempo, piu’ a Nord , l’impero della assimilazione coloniale e cioe’ il Regno di Sua Maesta’ Britannica, dichiara attraverso il suo Premier Cameron (che non e’ esattamente un colonnello delle S.S.) il fallimento integrale dell’esperimento Multiculturale, e dove, notizia di oggi, alle elezioni amministrative di medio termine nè escono vincitori gli Euroscettici dell’UKIP di Nigel Farage,fautori di un programma in cui uno dei punti chiave è la battaglia all’immigrazione clandestina, segnale evidente che Albione è poco interessata all’integrazione europea.

Quella di Cameron è una dichiarazione di portata storica che segna un mutamento di strategia in una Nazione che nella sua capitale come nelle sue citta’ piu’ importanti ,ha constatato, dati alla mano  che gli Inglesi sono diventati una minoranza. Inglesi peraltro  famosi per il proprio pragmatismo e che nella solita eccezione di un ristretto numero di caucasici puri al potere effettivo, rinchiusi nei loro Gentleman’s Club di Mayfair e di Saint James  hanno compreso che una industria morente sostituita come arma di profitto dalle transazioni in Stock, non richiede manodopera e che non affiderebbero mai  neanche un Taxi ad un Jamaicano.

Inversione di tendenza quindi , in Svezia , Norvegia e di recente anche in Spagana e Grecia e altrove. Gli unici che pianificano un progressivo suicidio etnico senza ritorno sono gli italiani, o meglio , chi ha il potere di accendere la miccia di una polveriera etnica.

Questo e’ il tempo della signora Kienge Kashetu, vittima forse anche lei di un equovoco o piu’ credibilmente… di una strategia sgangherata. Lei che si e’ lasciata alle spalle il Congo delle anse dei fiumi gonfie di diamanti , un sottosuolo tra i piu’ ricchi al mondo , le riserve immense off shore di greggio a Kabinda ma anche la bidonville di Kinshasa con i suoi cinque milioni di disperati che da qualche parte devono pure andare.

Sara’ dimenticata la Signora quando non servira’ più, lei e la interminabile fila di incapaci, guitti e cialtroni che deve essere fermata prima che trasformino la Nazione in un rottame o peggio ….. in una inutile e remota memoria.

Claudio Modola

Reparto USN Keller

Questa voce è stata pubblicata in Commenti e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

6 risposte a E’ IL TEMPO DEI MORI…

  1. Avanguardia ha detto:

    In altri paesi europei stanno temendo il multiculturalismo e l’ immigrazione, sapete perchè secondo me? Se devono realizzare il mondo gay e il totalitarismo del politicamente corretto, gli immigrati, in particolare quelli musulmani, ma non solo, sono un grosso ostacolo. Hanno visto che gli stranieri a parte qualche ricco integrato le robe gay e il politicamente corretto se lo mettono in culo. In Francia, Gran Bretagna, Nord Europa, fioriscono tra i cittadini di origine straniera i simpatizzanti di Hitler e gli anti-giudaici, sono più tra loro che tra gli europei autoctoni quasi quasi. In Francia sono i negozi di stranieri a vendere i protocolli dei savi di sion, testi revisionisti. Devono, gli euro-politicanti, prendere provvedimenti per non distruggere il sogno del politicamente corretto.

  2. Luca ( Milano ) socialista ha detto:

    MASSIMO DISENSO verso chi vuole utilizzare l’ipocrisia per il diritto di cittadinanza agli extracomunitari.Solo una ricerca di voti della sinistra radicachic ( benestante) una falsa sinistra .
    Parliamo chiaro, essere italiani vol dire amare l italia volere il suo bene rispettarla ecc.
    Sarò contestato. …. ma un italiano e un italiano quindi un bianco mediterraneo europeo. Chi lo bene nel beneficio di tutti ea testa alta

  3. Luca ( Milano ) socialista ha detto:

    MASSIMO DISSENSO verso chi vuole utilizzare l’ipocrisia per il diritto di cittadinanza agli extracomunitari.Solo una ricerca di voti della sinistra radicachic ( benestante) una falsa sinistra .
    Parliamo chiaro, essere italiani vol dire amare l italia volere il suo bene rispettarla ecc.
    Sarò contestato. …. ma un italiano e un italiano quindi un bianco mediterraneo europeo. Chi lo bene nel beneficio di tutti ea testa alta

  4. Stelvio Dal Piaz ha detto:

    Condivido l’analisi ma attraverso il super mario calcistico faranno digerire agli italioti qualsiasi minestrone culturale. Non facciamo molto affidamento su questo popolino lobotomizzato e ridotto a plebaglia vociante che non sa più cosa vuole ma lo vuole subito. La situazione è culturalmente disastrosa e disastrata. Questa la realtà di un paese senz’anima ! Comunque noi socialisti nazionali abbiamo il dovere morale di non mollare perchè sono le minoranze alla lunga a fare la Storia.

  5. giessenne ha detto:

    Davvero un ottimo articolo!

  6. Gustavo Gesualdo ha detto:

    Stoccolma in fiamme, soldati sgozzati a Londra e Parigi:
    la mancata, indesiderata e non voluta integrazione attraverso il multiculturalismo è fallita.
    E questo fallimento politico, di governo e di indirizzo politico provoca violenza.
    Chi paga per questi errori madornali?
    http://www.ilcittadinox.com/blog/terrorismo-islamista-da-organizzato-a-individuale.html
    Gustavo Gesualdo
    alias Il Cittadino X

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.