PUNTO DI PARTENZA……NON D’ARRIVO !

1013037_496639920409675_1000926365_nCari Camerati, chi ha partecipato al Campo U.S.N. lo sa e chi non vi ha partecipato deve sapere; quello che é stato é da considerare il nostro punto di partenza e non certo d’arrivo. La situazione contingente é sotto gli occhi (aperti !) di tutti Noi e siamo sufficientemente disicantati per comprendere quanto l’incapacità dell’attuale regime democratico é la classica foglia di fico che non potrà coprire ancora per molto l’impudicizia del fallimento totale di quel modello di (sotto) sviluppo che ha promesso a piene mani “democrazia”, “libertà”, “benessere” mentre siamo scivolati anno dopo anno nel tunnel profondo dell’ anarchia indisciplinata, della schiavitù servile e del profondo malessere sociale ancor più che economico che pure ci sta devastando in ogni famiglia.Eppure nulla é perduto se ancora una Comunità – piccola o grande in termini quantitativi poco importa se é Nazionale e Sociale in termini strettamente qualitativi, che é ciò che più conta ! – sa ritrovarsi al di là delle meschine speculazioni di tipo elettoralistico sapendo guardare molto più avanti verso un’orizzonte di Resistenza anzitutto e di rinascita etica e spirituale della Stirpe a cui si appartiene non per genetica ma per Ideali e Volontà identitaria che é la nostra continuità storica della Tradizione degli Avi.

E’ anche per questi motivi che guardiamo con disprezzo ogni peregrino tentativo di ricostruzioni parossistiche di storie politiche putrescenti ed infette tanto da essere state causa ed effetto del male oscuro di una dispersione di energie militanti che oggi avrebbero sicuramente fatto la differenza tra la decadenza infame e la riaffermazione della Vittoria del Sangue contro l’oro !

Ma non importa, il punto di partenza é stato fissato ed il punto d’arrivo sappiamo dove é posto.

Niemals !

Nessuna Resa !

M.C.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Articoli e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

20 risposte a PUNTO DI PARTENZA……NON D’ARRIVO !

  1. lupoalfa ha detto:

    Non solo la legge per la nazionalizzazione del 2005 é bloccata in parlamento da oltre tredici anni…..ora gli usurai pretendono pure di eliminare ogni possibilità di ripristino della sovranità monetaria…..MERDACCE a cui non perdonare nulla !

    “La legge del 2005 che puntava a nazionalizzare l’azionariato della Banca d’Italia è inammissibile e va superata. Lo sostiene il presidente dell’Abi, Antonio Patuelli, nella relazione per l’assemblea annuale dell’associazione bancaria. “Siamo interessati al definitivo superamento dell’inammissibile legge italiana del 2005″, che tra l’altro potrebbe avere dubbi di costituzionalità. Si tratta della normativa, voluta dall’ex ministro dell’Economia Giulio Tremonti, che puntava a nazionalizzare l’azionariato della Banca d’Italia,” di cui auspichiamo la revisione e l’aggiornamento del vecchio impianto nato alla fine degli anni Trenta”, ha detto Patuelli.

    Sul tema dell’azionariato di Via Nazionale era intervenuto qualche settimana anche Gian Maria Gros-Pietro, presidente del consiglio di gestione di Intesa Sanpaolo, durante la relazione annuale di Banca d’Italia in rappresentanza dei partecipanti. Gros-Pietro aveva ha tra l’altro prospettato l’opportunità della rivalutazione delle quote di capitale dell’Istituto detenute da banche (e da altri soggetti) con la finalità di contribuire al loro rafforzamento patrimoniale e a migliorare l’offerta del credito.”

  2. Stelvio Dal Piaz ha detto:

    Una legge approvata dal parlamento e pubblicata sulla G.U dovrebbe entrare in vigore dal giorno dopo, salvo diversa annotazione. Ma questa legge, tutt’ora in vigore, è stata volutamente ignorata da varie legislature perchè c’è l’opposizione della lobby bancaria, La Corte Costituzionale avrebbe dovuto mettere in mora i vari governi che ne hanno disatteso l’applicazione. Ma anche la Corte è schiava dei poteri forti, così come il presidente di questa repubblica delle banane. Proviamo noi a smuovere le acque con una petizione ai sensi dell’art. 50 della Costituzione, in cui chiediamo che la legge venga applicata e che il governo si decida ad emanare i decreti attuativi, in modo da rientrare in possesso almeno del tesoro aureo della Banca d’Italia, tesoro che appartiener al popolo italiano. Ammesso che tale riserva aurea sia ancora in territorio italiano.

  3. Fernando Volpi ha detto:

    Cari Sodali…..serve un’azione dimostrativa di forte impatto. Ormai la gente ingoia tutto senza rendersi conto di nulla!!

  4. wids72 ha detto:

    Gli ultimi di ieri i primi del domani…in un moto di continuità di valori e di ideali patriottici, ci siamo sempre a denunciare in ogni tempo le truffe e le malefatte del potere usocratico mondialista!!!! In alto i cuori!!!!

  5. Concordo con Fernando , A noi, esclusi dal circuito mediatico e’ destinato solo un bacino interno di denuncia . E’ il caso di studiare ora come procurarci un altoparlante cavalcando la tigre dello stesso sistema contro cui lottiamo. Non manca ne’ intelligenza ne’ senso tattico per riuscirci e senza pagare prezzi che non possiamo consentirci. Il nostro compito ora e’ quello piu’ difficile e intendo in senso storico . Siamo obbligati a creare delle formule integralmente nuove di esistenza e di lotta . Questo mentre quella accozzaglia che conosciamo si suicida replicando 68 anni di integrale fallimento detro/terminale.

  6. Lupo di Selva Usn ha detto:

    LA POLITICA UFFICIALE E’ MORTA, SI E’ RIDOTTA SOLTANTO AD UNA PANTOMIMA RIVOLTA AI CONNIVENTI O A CHI SCEGLIE DI FARSI ANCORA INGANNARE IN NOME DI UN’ETICHETTA DENOMINATA “DEMOCRAZIA” MA CHE GROTTESCAMENTE AL “DEMOS=POPOLO” NON LASCIA DECIDERE NULLA ED AL QUALE NON GARANTISCE NEMMENO UN FUTURO.

    GLI ORDINI SULLA PELLE DELLA NOSTRA NAZIONE, LI STA DETTANDO LA PLUTOCRAZIA USUROCRATICO/FINANZIARIA A TRAZIONE ATLANTICO/SIONISTA.

  7. Luciano Franci ha detto:

    io torno al ritornello ormai vecchio ma ancora molto valido: Servono gli esempi quegli esempi esemplari che rimangono nella mente degli uomini perché fatti da uomini superiori che fanno da volano a tutte le azioni è tempo dell’eroismo è tempo delle scelte di campo è tempo perché no di rivolta ideale, il principio dell’azione può rientrare in quella disobbedienza civile che bisogna favorire e privilegiare per poi avere quegli attributi di coscienza che porterebbe ad una scelta di campo ben precisa. Cominciamo l’azione per andare oltre. Contro le plutocrazie usuraie e finanziarie acquisiamo la coscienza socialista nazionale per approdare a quel riscatto patriottico che ci compete, noi non apparteniamo a nessun spread e a nessun reting noi siamo liberi sociali nazionali fino alla vittoria sempre!!!!

  8. anonimo ha detto:

    Unione per il Socialismo Nazionale, Sinistra Nazionale, Comunità Politica d’Avanguardia, FNCRSI, Nuove Sintesi, Movimento Zero. Ho dimenticato qualche altra formazione della vostra “setta fasciocomunista”? Se l’Area vuole e vorrà contare qualcosa dovrà sbarazzarsi una volta per tutte di queste “scorie classiste paracomunistoidi” che non fanno altro che danneggiare la Destra.

  9. lupoalfa ha detto:

    anonimo……noi proprio la “destra” infingarda, ambigua, rinnegata e serva del capitale e dell’usurocrazia apolide voglimo distruggere ! Il tuo epiteto non ci distuba, anzi……detta da un’ameba come te non può solo che renderci Onore !…..Fatti na’ camomilla e taci !

  10. WERWOLF ha detto:

    TIRIAMO DIRITTO E LASCIAMO DA PARTE GLI IDROCEFALI DELLO 0,…..AVANTI DA LIBERI SOCIALI E NAZIONALI PER LA TERZA VIA!

  11. Fernando Volpi ha detto:

    Anonimo tu sei anonimo quanto lo sono i partitini d’aria fritta della tua destra. Rimani pure senza nome…..del resto è naturale vergognarsi quando in 4 si prende lo 0, 68%…..noi saremo una setta ma voi ormai siete una conventicola

  12. Stelvio Dal Piaz ha detto:

    Anonimo, ti vergogni di qualificarti ? Perchè ? abbiamo pubblicato il giornale “Italia e Popolo” del 1984 dal quale risulta quale era la nostra posizione già all’interno del vecchio Movimento Sociale. Il documento della Federazione aretina venne presentato al Congresso del partito; in esso erano già denunciate le deviazioni masso-filo atlantiche del partito in accordo con l’On.le Beppe Niccolai. In quanto a danneggiare la destra non c’è bisogno di sprecare forze ed energie: si sta suicidando da sola. Leggi la storia e fatti una cultura politica. E non aver paura di qualificarti, coniglio: noi non mangiamo i bambini!

  13. anonimo ha detto:

    Non siete di destra…E cosa siete? Di centro forse? O di sinistra? Vorrei ricordarvi che Mussolini nel parlamento italiano si sedette a Destra assieme ai Liberali che voi disprezzate tanto in opposizione a socialisti e comunisti. Mussolini era un liberal-conservatore esattamente come sarà poi il grande Giorgio Almirante.

  14. WERWOLF ha detto:

    « I nostri programmi sono decisamente rivoluzionari le nostre idee appartengono a quelle che in regime democratico si chiamerebbero “di sinistra”; le nostre istituzioni sono conseguenza diretta dei nostri programmi; il nostro ideale è lo Stato del Lavoro. Su ciò non può esserci dubbio: noi siamo i proletari in lotta, per la vita e per la morte, contro il capitalismo. Siamo i rivoluzionari alla ricerca di un ordine nuovo. Se questo è vero, rivolgersi alla borghesia agitando il pericolo rosso è un assurdo. Lo spauracchio vero, il pericolo autentico, la minaccia contro cui lottiamo senza sosta, viene da destra. A noi non interessa quindi nulla di avere alleata, contro la minaccia del pericolo rosso, la borghesia capitalista: anche nella migliore delle ipotesi non sarebbe che un’alleata infida, che tenterebbe di farci servire i suoi scopi, come ha già fatto più di una volta con un certo successo. Sprecare parole per essa è perfettamente superfluo. Anzi, è dannoso, in quanto ci fa confondere, dagli autentici rivoluzionari di qualsiasi tinta, con gli uomini della reazione di cui usiamo talvolta il linguaggio »
    (Benito Mussolini, Milano, 22 aprile 1945[1])
    SIGNOR ANONIMO RIPARTA DALL’ ABC……SE PARLA DI FASCISMO…SE PARLA DI DESTRA PARLA DI ALTRO CHE NON CI RIGUARDA!

  15. Fabio ha detto:

    Anonimo…l’ennesima vittima-burattino delle strategie di controinformazione neoatlantiche.

  16. Fernando Volpi ha detto:

    Tu anonimo hai un problema di non poco conto: sei un ignorante e parli del Fascismo e di Mussolini come si parla al bar del calciomercato estivo.

  17. Cursus Honorum ha detto:

    che un Destroide Liberale venga ad infamarci in un momento in cui sono RIDOTTI ALLO ZERO ASSOLUTO è argomento di somma soddisfazione.
    La destra italiana poltronaia ed incapace e prona del padrone, alle prossime europee sarà “spazzata via” come un lumino notturno dei lupanari che frequenta.

    PS
    si scrive ARIA…ARIA…come PETO che esce dal …non AREA.

  18. Stelvio Dal Piaz ha detto:

    Anonimo, più volte sei stato consigliato di studiare, di leggere, di farti una cultura politica che ti permetta di metterti in contraddittorio con noi senza dover passare per un analfabeta. E basta anche con il mito di un Almirante che nel suo epilogo ebbe ad affermare testualmente nell’estate del 1980 concludendo la conversazione con Daniele Protti, che lo aveva intervistato per il “Lavoro” di Genova: “Le dirò di più: io non voglio morire da fascista.Tanto che sto lavorando per individuare e fare crescere chi dovrà prendere le redini del MSI dopo di me. Giovane, nato dopo la fine della guerra. Non fascista. Non nostalgico. Che creda, come ormai credo anch’io, in queste istituzioni, in questa costituzione. Perchè solo così il MSI può avere un futuro. Altrimenti è costretto a sparire. ” Il nostro commento a queste parole è uno solo: CHE SCHIFO ! Una cosa l’aveva azzeccata il Giorgio: che il MSI, nelle mani del giovane Fininvest, sarebbe sparito. Anonimo: STUDIA !

  19. Lupo di Selva Usn ha detto:

    DEDICATO AD ANONIMO: ”IL DUCE FU COSTRETTO DAGLI EVENTI, A DOVERSI SEDERE PER UN TRATTO CON MONARCHICI, DESTRI E LIBERALI, NELLO STRENUO TENTATIVO DI CONTENERE LA LORO NEFASTA AZIONE CHE INFINE MOSTRO’ IL LORO ESSERE FASULLI, VENDUTI ED ANTITALIANI.
    NON E’ UN CASO CHE BENITO MUSSOLINI FONDO’ LA REPUBBLICA DI SALO’ ISPIRANDOLA ALLA PIÙ ALTA FORMA DI SOCIALISMO, QUELLO NAZIONALE, AD ELOGIO E SACRIFICIO … PER LA SUA PATRIA”

  20. enco ha detto:

    … non cadiamo nella trappola polemica tesaci da un anonimo, che magari tanto anonimo non è…..
    concentramoci sui passi da fare per raggiungere il punto di arrivo!
    comunque, anonimo, Noi siamo abituati così
    6. Non mancare di parola e non tradire. Non assalire alle spalle: morte e nemico si guardano in faccia.
    quando ti sarai documentato potrai alzare lo squardo…..
    Camerati, Buon Lavoro e…… IN ALTO I CUORI!!!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...