CINEMA.

338145_347989715314285_522027507_oChi non ricorda la famosa frase del film”Il Gladiatore”, quando Massimo Decimo Meridio, Generale delle Legioni di Roma (romanzato e non storico) grida “al mio comando scatenate l’inferno !!!” ?

Ebbene a leggere i resoconti provenienti da Arcore ieri sera pare che più o meno i cosiddetti “falchi” del pdl abbiano fatto uso di questa metafora cinematrografica adulando il loro cavaliere al grido “ad un tuo comando siamo pronti a lasciare il governo !”. Con buona pace delle cosiddette “colombe ministeriali” che invece insistono per evitare “danni alle categorie del paese…….” (!?). Insieme beatamente a precipitare comunque nel “cupio dissolvi” del proprio Trimalcione incuranti di quali siano le reali necessità di quel “popolo” che richiamano pure nella loro dicitura politica (anche se a breve risusciteranno quella specie di slogan da tifoseria pallonara (il doppio senso é voluto !), “forza italia”……

Intanto il PD vive continuamente la sua fibrillazione tra fame di potere ed atavico senso dell’ “anti…” a prescindere che lo ha ghettizzatto innanzitutto sul piano dell’iniziativa “sociale” che dimostra come la sinistra italiana é rimasta all’età della pietra in senso politico e non ne é più uscita se non grazie al fatto di mettersi al servizio dello straniero (prima l’internazionale dei soviet e successivamente all’atlantismo eurocratico) sempre per evidente ambizione della “nomenklatura”  e mai a favore dei bisogni della Comunità Nazionale.

Alla cosiddetta parola “destra” si possono coniugare invece i latrati di certi innominabili che cercano di rifarsi la verginità riprendendo parole d’ordine mai pronunciate da Fiuggi in poi (specialmente da ministri dei governi berlusconi o governatori di regione),  come “sovranità”, “identità nazionale”, “socialità”, “dignità etica” e con esse in realtà rincorrendo chimere elettoralistiche inutili e fuorvianti.

Eppure non tutto é “CINEMA” ! Stiamo leggendo interessanti analisi a cui in prima battuta possiamo rispondere in termini positivi di accoglimento al dialogo  in cui riscontriamo finalmente molte delle istanze che proponiamo da tempo in termini progettuali di reale alternativa all’attuale sistema in decadenza. Se chi le indica non si fermerà a semplici enunciazioni di principio possiamo tranquillamene e serenamente dire sin da questo momento che la nostra disponibilità di massima c’é, altrimenti e comunque continueremo la nostra marcia legionaria di riconquista della difesa ad oltranza della Comunità Nazionale contro ogni Nemico “di dentro e di fuori”, senza se e senza ma.

Maurizio Canosci

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Comunicati e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

6 risposte a CINEMA.

  1. Paolo Giuseppe Giordani ha detto:

    Nel nostro Paese cresciuto a “carota e bastone” purtroppo sono terminati gli ortaggi…

  2. Longino ha detto:

    Mai con i traditori!!!

  3. Fernando Volpi ha detto:

    Riappropriarsi della Sovranità Nazionale è il nuovo limes lungo il quale attendiamo le folte legioni degli sciancati destri e sinistri di questo immondezzaio che si chiama Repubblica Italiana.

  4. wids72 ha detto:

    Lo scenario desolante che gli uomini liberi sono costretti ad assistere esalta ancor di più l’animo proprio a denunciare instancabilmente questa perversione democraticista da operetta provinciale con ogni tipo di lotta culturale a disposizione; mai domi a questo indegno spettacolo corriamo infuocati dei nostri valori lungo le vie del nostro pensiero millenario!!!!

  5. Stelvio Dal Piaz ha detto:

    Mentre in Italia ci stiamo baloccando sulla eventuale sorte del Berlusconi, il vicino oriente e tutto il bacino del mediterraneo stanno per deflagare su pressione della solita plutocrazia american-sionista. Lo schifo è l’informazione drogata gestita da pennivendoli servili e vigliacchi. Siamo ancora ansiosi si sapere dove sono le famose armi di distruzione di massa di Saddam, mentre i giornali italiani sono già sicuri che Assad ha usato le armi chimiche contro la popolazione. Vergogna ! l popolo bue è già impegnato nel campionato di calcio che adesso avrà come giudice di ultima istanza la signora Kienge di nazionalità congolese stipendiata da noi con lo scopo di insegnarci come dobbiamo fare il tifo calcistico e quali parole o altri segnali fonetici potremo utilizzare negli stadi senza incorrere nel reato di razzismo. Questa è la fotografia della “repubblica nata dalla resistenza”. Noi siamo in trincea e continuaiamo la nostra marcia legionaria. In alto i cuori !

  6. Le note circa possibili crisi di un governo fantoccio di una Repubblica bananiera da avanspettacolo come questa , vengono diffuse da noi con l’identico spirito che caratterizza la curiosita’ divertita che si prova in un giardino zoologico alla vista di un primate reso folle dalla cattivita’ e deforme per un guasto genetico. Il problema consiste semmai nelle conseguenze tangibili che la mala gestione di uno Stato infliggono al nostro popolo , il quale , come gia’ accennato in precedenti occasioni , e’ tutt’altro che innocente. I colpi di coda di un ex pianista da crociera , arrichitosi a colpi di tette, coscie , corruzione e informazione deviata dal muro del pianto non dovrebbero godere di alcuna esposizione se non fosse proprio per la legittimazione ventennale garantita a questo guitto, da milioni di Italiani . Un fenomeno antropologico isomma la cui agonia , le possibili evoluzioni istituzionali , non cambieranno di una virgola l’assetto del sistema. Questa e’ una storia di Contante , di denaro la cui attuale scarsa circolazione intacca marginalmente gli utili di una associazione a delinquere che un Popolo ha piazzato legittimamente al quadro di comando. La nostra Resistenza fortunatamente si esprime a ben altri livelli anche se a volte siamo costretti a trattare queste flatulenze della Storia.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...