ARSENICO E VECCHI MERLETTI.

invasoriIn un clima di caccia alle streghe degno del miglior periodo inquisitorio e nel momento in cui emerge in tutta la sua dirompente quanto scontata realtà la pervicace abitudine del fratello maggiore d’oltreoceano di spiare financo i sussurri del talamo di ministri e grand commis d’etat europei, le candide valutazioni di uomini al di fuori di ogni sospetto rendono giustizia a chi ancora crede che la verità non sia solo una diversa sfaccettatura della menzogna e viceversa. Ci riferiamo a quanto sostenuto in un suo recente articolo dal professor Kees Van Der Pijl, docente di Relazioni internazionali all’Università del Sussex, comparso su uno degli ultimi numeri della rivista Geopolitica.

Nell’analizzare le correlazioni tra l’attuale crisi finanziaria e le tensioni in atto per l’edificazione del nuovo ordine globale, il cattedratico olandese ha inteso evidenziare come << nei primi anni ’90 il complesso militare-industriale statunitense è stato riorganizzato in modo da renderlo dipendente dagli investimenti bancari, accrescendo l’interconnessione tra la finanza internazionale e l’attivismo militare nel processo di globalizzazione neoliberista>> (1). Il che, detto in poche parole, sta a confermare quanto sempre sostenuto da molti analisti meno in vista (Noi !) e cioè che il modello socio-economico ultra liberista di stampo anglosassone che ha nella direttrice Londra-New York-Washington il suo asse portante (con propaggine verso Tel Aviv), altro non è se non una economia permanente di guerra. E’ questo un sistema che trova nella guerra la sua ragion d’essere e di esistere: i conflitti e le tensioni sono il motore di questo modello di economia.

Parlavamo di clima da caccia alle streghe, di cui la recente norma varata dal Parlamento italiano sul negazionismo dell’Olocausto ebraico, è un emblema nemmeno troppo nascosto. Ma non possiamo non pensare che di questo passo le intercettazioni della NSA verranno rese quasi inutili dal reato di vilipendio nei confronti di chi negli ultimi 70 anni, grazie ad una iconografia cinematografica ed a kapò pennivendoli sparsi in tutto il mondo, si è autoproclamato messianico salvatore delle sorti umane, prima combattendo contro il mostro fascista e nazionalsocialista ed oggi contro il barbaro e non ben identificato “terrorismo”.

Se sarà così – e c’è da credere che siamo sulla strada giusta – anche uomini come Van der Pijl, nemmeno lontanamente tacciabili di simpatie croceuncinate, verranno messi a tacere o, secondo la migliore tradizione della regola del “caos organizzato”, rappresenteranno le poche voci dissonanti democraticamente ben accette da far passare per pazzi allorquando il loro peso mediatico dovesse superare il limite di guardia.

Già, perchè se un cattedratico nordeuropeo che insegna in Inghilterra si spinge a dichiarare che << …con la vittoria elettorale in Israele dell’ex capo terrorista dell’Irgun, Menachem Begin, nel 1977, si è avuta una considerevole spinta alla componente militare del governo globale occidentale>> (2), egli forse passa inosservato o al più viene tollerato in nome dell’aurea regola della libertà di opinione; ma se la stessa cosa dovesse venir fuori dalla bocca di chi scrive su questo blog le cose cambiano e pure di molto. Allora si mette in moto il ragionamento per cui si arriva ad inculcare negli ammassi neuronali centrifugati dell’uomo medio che è giustificabile che da diecimila chilometri di distanza ci sia qualcuno che ti registra e ti ascolta nelle tue telefonate o nei tuoi messaggi di posta elettronica e che tutto questo avviene solo per il tuo bene! E c’è da giurare che se questa versione viene ben dosata e correttamente annacquata, il tutto finirà per sciogliersi nell’immondo pitale dell’informazione pilotata, dove tutto alla fine torna limpido e cristallino o semplicemente dimenticato.

FV

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Articoli e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

6 risposte a ARSENICO E VECCHI MERLETTI.

  1. Lupo di Selva Usn ha detto:

    Nella diabolica perversione della strategia politico/finanziaria/usuraia di cui è intriso il potere capitalista mondiale, tutto è basato sullo spionaggio; tutto si muove intorno a giochi di ricatto, di corruzioni, di connivenze, di baratti o di tempistiche da cogliere sagacemente per arrivare ad acquisire nuovi spazi di potere per mezzo di mazzette e di micro o macro finanziamenti .

  2. RICCARDO ha detto:

    L’articolo di Lupoalfa è impeccabile, ed individua la caratteristica fondamentale di questa cancrena rappresentata dall’apolide ed oligarchico capitalismo contemporaneo: la sua ontologica natura guerrafondaia.Già nel lontano 1913 Rosa Luxemburg, ne “L’accumulazione del Capitale”, delineava il militarismo come necessità obbligata per l’espansione imperialistica del grande capitale,che deve costantemente individuare nuove terre da conquistare e sfruttare per mantenersi in vita.L’espansione parossistica dell’apparato militare nella società capitalistica per antonomasia, gli U.S.A., comporta l’affermarsi di un ordine economico-politico, quello dell’industria bellica,che assume ,come dire, una mutazione genetica, in quanto non è più il mezzo per lo sfruttamento capitalistico ma diventa il fine della politica portata avanti dai governi americani.

    Il fatto che USN da anni sostenga tale tesi, oggi finalmente accolta anche da esponenti del mondo “liberale”, non fa che confermare la natura autenticamente rivoluzionaria di questo movimento, fortemente avversato perché, in un mondo di conformismo e di ortodossie ideologiche,ha il coraggio di parlare chiaro e senza fronzoli sulla miserabile implosione del sistema liberal-capitalistico ,facendo altresi’ nomi e cognomi di chi siano i nemici da combattere. E questa caratteristica,cari amici, è un peccato mortale che non ci perdoneranno mai
    Un’ultima osservazione sulla indecente vicenda dello spionaggio da parte dei banditi a stelle e strisce: il comportamento grottesco dei governi di questo continente di fronte a questa vergogna la dice lunga sulla progressiva disintegrazione della civiltà europea. NON CI AVRETE MAI!

  3. Stelvio Dal Piaz ha detto:

    Nel complesso delle “indignate” reazioni a livello europeo sulle intercettazioni a stelle e striscie, ancora una volta si è notata la debole e servile protesta da parte dell’italietta” resistenziale. Ma tutto ciò è anche giustificato dal fatto che forse la classe politica italiana non è stata veramente intercettata, come sostenuto dalla radicale Bonino, perchè in effetti i nostri servizi lavorano ormai a tempo pieno per gli american-sionisti (anche se pagati da noi ! ). E poi, a passare le “veline riservate” al padrone, ci pensa il Vaticano, come avvenuto in tempo di guerra.

  4. wids72 ha detto:

    La storia, come ho avuto più volte modo di affermare, dovrebbe essere scritta dall’uomo stesso attraverso le sue azioni e conquiste intellettuali, morali, etiche e sociali nel rispetto e nella rivendicazione della sua libertà individuale ed estrinsecata nella comunità e tutto in ogni tempo e in ogni contesto nazionale. Purtroppo, siamo in un tempo in cui questa naturalità del progredire umano è stato violentato da quell’ingordigia egoistica predatoria dai signori oscuri del denaro, i quali, nascondendosi sotto le mentite spoglie democraticiste, facendosi oligarchia demoplutocratica e strateghi dei destini dei popoli in nome di dio mammona…Noi, fregiandosi dell’emblema di comunità di libero pensiero e azione, strenuamente, continuiamo quest’opera di perseguimento della verità consapevoli che la vittoria è nel continuare ad aver fede…in alto i cuori!!!!

  5. Anonimo ha detto:

    Bravo Stelvio come sempre.
    Bisognerebbe chiedere agli “innominabili”, stando le nuove norme in materia di codice penale credo sia il solo modo di appellarli senza incorrere nella repressione, cosa ci sia dietro di vero e non di falso a tutto questo tran tran alquanto sospetto. Forse qualcosa o qualcuno da togliersi dai piedi come successe una decina di anni fa ma con metodologie più raffinate? Chi gestisce veramente wikileaks and Co.? Aerei che sovrastano i cieli di una potenza che guarda allo scudo stellare senza che nessuno ne sappia niente, notizie top secret che fuoriescono dai meandri senza che nessun 007, 8, 9……. etc. sappia da dove! Stessa copione e stesso regista da infimo premio oscare? Mah, mistero della fede! Chi ha notizie fresche in merito ci tenga aggiornati. Grazie
    In hoc signo vinces!

  6. Anonimo ha detto:

    Beh non dimentichiamo le stragi di italiotica memoria, e forse il quadro perde i connotati di oscura definizione.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...