L’ORO E’ DEGLI ITALIANI; GIU’ LE MANI LADRI !

corridoniSiccome in questo periodo non si fa che parlar d’altro di “legge elettorale”, noi che dei ludi cartacei ce ne freghiamo perché sappiamo che é un gioco al tavolo dei bari (con i soliti fessi, gli italioti, che si fanno abbindolare !), preferiamo parlare di cose serie che interessano invece gli Italiani (i pochi rimasti dell’antica Stirpe).

Apprendiamo da fonti giornalistiche reperibili in rete che nei prossimi giorni la camera dei deputati (quella in cui siedono i cosiddetti “onorevoli”) é chiamata a dare il proprio parere definitivo al d.l. Letta/Saccomanni emanato al consiglio dei ministri dello scorso 27 novembre; tale d.l. si propone di modificare l’assetto dei proprietari della Banca d’Italia (che di fatto é gia “privata” in mano alle banche italiane a loro volta a capitale privato) con una ulteriore sterzata liberalcapitalista con cui spartire ulteriormente le quote dell’Istituto, una volta di proprietà degli Italiani attraverso il Ministero del Tesoro, che potranno essere acquisite fino ad un massimo del 5% per ogni soggetto operatore del mercato finanziario globale.

Questo d.l. ha anche- e soprattutto – il compito di togliere di mezzo una volte per tutte l’esistente normativa di legge nr. 262/2005 – MAI APPLICATA OPERATIVAMENTE ! – che prevedeva viceversa il ritorno della sovranità nazionale sulla banca d’emissione.

E sotto sotto si intravede anche lo scippo che verrà perpretato ai danni delle riserve auree nazionali che diverranno oggetto di saccheggio proprio dai nuovi…..”investitori”…….!

Alla faccia della favola “dell’oro di Dongo” che evidentemente non é mai stato preso da alcun gerarca fascista (come confermò pure sottotono una commissione di inchiesta specificatamente istituita nel dopoguerra) ma invece era sempre e solo ben custodito nell’Istituzione Nazionale di una Banca che prima era effettivamente “D’ITALIA” e che ora per mano dei soliti noti verrà definitivamente RUBATO.

Altro che “assalto al parlamento”, lurida inutile bettola di manigoldi; sarà meglio iniziare a pensare invece come Popolo a mettersi a difesa dei forzieri di Palazzo Koch contro i ladri apolidi ed usurai !

Maurizio Canosci

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Articoli e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

7 risposte a L’ORO E’ DEGLI ITALIANI; GIU’ LE MANI LADRI !

  1. Menefrego ha detto:

    Nn credo che gli italiani, popolo d’imbelli meticci voltagabbana, faranno mai qualcosa. Popolo di storicamente servi dell’invasore di turno. I giudei faranno carne di porco, del resto questo sono gli italioti e se lo meritano.

  2. Luigi Maria Ventola ha detto:

    Davanti al continuo scempio offerto dai ladri che occupano illegittimamente le istituzioni, mi sento nauseato e disarmato. Che cosa potrebbero fare quei cittadini che vorrebbero mettere fine a queste vergogne? Non vedo nessun “uomo” all’orizzonte, capace di mettere insieme queste forze sane per dare una spallata a questo regime di servi e di ladri. Qualcuno ha un suggerimento? E comunque, quand’anche esistesse questo personaggio, dovremmo fare sempre i conti con i nostri “colonizzatori” che certamente non starebbero a guardare dato che, grazie ai badogliani, hanno potuto installare 131 basi militari sul sacro suolo della nostra Patria. Come li potremmo neutralizzare? Credo che la situazione non sia più revrsibile, almeno in tempi brevi.
    Saluti cordiali e che Dio ci metta una pezza.

  3. Stelvio Dal Piaz ha detto:

    Come sempre, l’operazione che prevede il saccheggio del forziere della B.d’Italia ( d’Italia per modo di dire e consuetudine ! ) viene operato per il ” bene del popolo italiano “; la menzogna di Stato è ormai una consuetudine. Teniamo presenti i nomi dei parlamentari che approveranno questo ennesimo furto: si tratta di ALTO TRADIMENTO !

  4. alessio cascetti ha detto:

    Con un popolo così asservito come quello italiota sarebbe come rubare caramelle a dei bambini.Comunque sia è giusto così.Un popolo si merita il governo che ha.Mi sembra che dalle nostre sponde, non si sia capito quale dovrebbe essere il metodo di lotta da adottare,o mi sbaglio?

  5. WERWOLF ha detto:

    Luigi Maria Ventola abbiamo cacciato Francesi ed Austriaci…possiamo cacciare anche gli americani di sistemi per farli tornare a casa loro ce ne sarebbero diversi….alleanze geopolitiche con i popoli del mediterraneo ed europei…..Russia Ungheria e del medio oriente…Iran Siria per non parlare dei sud americani Bolivia Venezuela Argentina….(che si sono liberati anche loro dal giogo americano)…..ed anche in europa cresce anche se le testate ufficiali non ne parlano un’antiamericanismo….sempre crescente…..importante e che gli umini e donne italiani ed italiane…non caccino..il padrone odierno per averne un’altro…ma cominci a ragionare da popolo……ITALICO……che condivida per quanto ci riguarda il cammino e il progetto politico Socialista Nazionale…..chi se la sente trova una trince nella quale poter aderire e portare la sua pietra al cantiere…nulla è perduto!

  6. alessio cascetti ha detto:

    Non siamo capaci nemmeno di farci rispettare da immigrati romeni, albanesi,nigeriani,cinesi etc etc……e vogliamo cacciare gli americani?.Con la scusa del pericolo rosso, i governi della prima repubblica, compreso anche il movimento sociale italiano, ci hanno venduto e legato ai destini degli stati uniti d’america.Ora ci siamo accorti che i russi di Putin non mangiano i bambini, ma bensì li proteggono dalla depravazione dei pedofili.Ci siamo resi conto ,che la russia è l’unico baluardo in difesa dell’identità nazionale dei popoli contro il progetto multirazziale degli yankee.I camerati che dissentivano dalla linea atlantista dell’M S I avevano ragione, la terza via era quella politicamente e moralmente più giusta.La maggior parte degli italiani non sa nemmeno di essere sotto scacco degli usa, perchè il problema non li tocca, inoltre il 60 70 per cento della popolazione vive economicamente molto bene e sembra non preoccuparsi dei fratelli in difficoltà.Il sistema democratico sa benissimo che la percentuale non si deve alzare, perchè questo per loro significherebbe la fine del giocattolo , nel quale sguazza beatamente quel 60 70 per cento.Il problema non sono quell’accozzaglia di traditori che risiedono al parlamento, il problema sono gli italioti che ce li mettono, il problema sono quelle 5 associazioni a delinquere di stampo mafioso di livello internazionale in combutta con lo stato. Iproblemi sono molti, anzi troppi…….

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...