LA REPUBBLICA FONDATA SULLA MENZOGNA !

gianiL’evoluzione delle vicende politiche italiane di questi ultimi giorni potrebbe benissimo diventare argomento di studio in qualche scuola di specializzazione di psichiatria. Se da tempo non avevamo più dubbi sul fatto che gli eredi di Enrico Berlinguer sarebbero diventati dei democristiani della peggior specie, è altrettanto vero che mai e poi mai avremmo creduto di dover essere noi a ricordare quanto stiamo per dire. Ma andiamo con ordine. Il riferimento alla branca della medicina che si occupa dello studio delle patologie mentali è dovuto se si analizza il comportamento di soggetti come Renzi,  Enrico Letta e Alfano. Il primo – inutile nasconderci dietro un dito – è a tutti gli effetti un bugiardo patentato, uno che oggi ti stringe la mano e dopo un’ora te lo ritrovi alle spalle a brache calate, pronto alla più schifosa delle pratiche umane. E che dire di Enrico Letta ? Un presidente del consiglio che prepara un programma di rilancio della politica di governo e poi neanche lo legge in famiglia. Infine l’alleato di destra di un governo di sinistra (?) che esclude categoricamente ipotesi di governi al di fuori del parlamento, salvo poi essere folgorato dal nuovo uomo della provvidenza arrivato con la piena dell’Arno. Il tutto nel giro di 24 ore: roba da manicomio.  Che dovrebbe pensare una persona di medio intelletto ? O qui sono tutti dei pazzi, oppure c’è un disegno ben più sopraffino che vuole un cambio veloce per Palazzo Chigi, senza troppi balletti parlamentari, di fatto ritenuti inutili e stancanti. 

Ed è qui che viene il bello della connotazione psichiatrica che sta assumendo l’intera vicenda. Ma dobbiamo essere proprio noi a dover ricordare all’ex uomo del kgb quirinalizzato che l’Italia non è una repubblica presidenziale e neanche semi presidenziale ma parlamentare ? Che il suo stesso partito per molto ma molto di meno attivo’ la procedura di impeachnent nei confronti del picconatore Cossiga,  poi costretto a dimettersi con sei mesi di anticipo sulla scadenza naturale del mandato ? 

Se dobbiamo essere noi a ricordare queste cose e a dover ricordare che la costituzione non è una braciola di maiale da fare alla griglia vuol dire che il ricorso agli studi psichiatrici sarebbe più che giustificabile. Ma non per essere applicati al nostro caso umano, la cui coerenza è specchiata, bensì per le massime cariche di una repubblica fondata sulla menzogna e sulla doppiezza. 

Fernando Volpi

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Articoli e contrassegnata con , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

7 risposte a LA REPUBBLICA FONDATA SULLA MENZOGNA !

  1. Stelvio Dal Piaz ha detto:

    Rimane in effetti molto difficile riuscire a ridurre ad un fatto “politico” quanto sta accadendo in questi giorni. Ripeto, noi eretici, non siamo assolurtamente innamorati di queste stanche liturgie democratiche; ma proprio per effetto di questa nostra “eresia” orgogliosamente sempre manifestata, siamo stati emarginati ed additati come gli eredi del “male assoluto”. Ma le “vestali” dei sacri palazzi sono forse in letargo ? Anche perchè quella che noi avevamo da tempo prefigurato, e cioè una democrazia senza “demos”, adesso è un fatto conclamato; ma non solo: sono i comportamenti personali di questi manipolatori della verità che suggeriscono terapie a livello psichiatrico e, per alcuni, addirittura con internamento in strutture protette. Quindi: non più “consultazioni”, ma un consulto tra specialisti della scienza psichitrica.

  2. Rudolf05 ha detto:

    A mio modesto parere, il problema principale della vicenda pseudo-politica italiota-che non mi appassiona menomamente, peraltro- è che nulla stupisce ed indigna più. Vuoi per l’ottantennale lavaggio della mente, vuoi per un’alimentazione sterilizzata dai nutrienti, vuoi per il bombardamento climatico clandestino quotidiano, vuoi anche per la classica ignavia degli italioti. Sin quando non verrà superato l’argine definitivo e vanamente rinforzato per decenni, non succederà nulla di eclatante. Ma un attimo dopo, sarà rivolta.

  3. Cursus Honorum ha detto:

    Sono 69 anni che “ce la menano” con la Costituzione che NON RISPETTANO.

    Sarebbe anche l’ora di abolire sia la costituzione che loro…

    Cameriei al servizio dei tecnocrati europei che stanno facendo diventare l’EVROPA un enorme Konzetration Kamp.

  4. wids72 ha detto:

    Uso spesso una definizione altisonante appropriata per questa classe politica che vivacchia e non governa la massa informe italiota: “è un emanazione organica gassosa” che provoca un olezzo nauseabondo ma le menti e le coscienze degli italioti sono tanto intorpidite da non accorgersene…Noi da tempo predichiamo l’insorgenza continuiamo a farlo senza posa finchè il seme sparso genererà il suo frutto…in alto i cuori!!!!!

  5. Daniela Roccella Usn ha detto:

    …renzi è impresentabile…personalmente non lo legittimerò mai come mio primo ministro…
    Gran parte della stessa sinistra lo guarda con perplessità, ma vedrete che alla fine gli andrà dietro e si compatterà a causa delle famigerate reti clientelari che si sostanziano in una sorta di castello di carte: “a levarne una…cadrebbero tutte”…
    renzi: progressista? moderato? Ormai le categorie citate risultano sincretizzate in quel macigno denominato “liberismo capitalista”…
    renzi: che tanto piace a destra…tanto che molti si sono recati alle primarie per votarlo…
    renzi: esecutore della definitiva demolizione delle “sinistre” in nome della fine di un reale bipolarismo che i poteri forti vogliono far convergere in un oligarchia al loro servizio…e lui ha eseguito.

  6. luiginox ha detto:

    concordo pienamente con l’articolo di volpi.l’unica inesattezza,per quel che ho saputo da mie fonti,è sulla definizione del maggiordomo della massoneria che sta al quirinale:non era uomo del kgb ma un infiltrato cia nell,ex pci.

  7. Daniele ha detto:

    Renzi è sponsorizzato e finanziato da ambienti americani neo con e da quelli israeliani. Farà la stessa politica filoUE, a favore dei poteri forti internazionali, di macelleria sociale e di sudditanza verso interessi apatridi e antinazionali. Nulla di nuovo. Diciamo per usare un paragone: cambia il timoniere ma la rotta della nave è sempre la stessa, alla deriva con un “inchino” previsto verso l’UE di Lisbona e Maastricht

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...