ITALIA. UNA NAZIONE DIROTTATA

europee astensione 2014Non è norma quando si sale su un aereo andare a chiedere le referenze ai piloti, ma quantomeno si tende a fidarsi a prescindere confidando nella professionalità delle persone che si sono fatte carico della vita dei passeggeri. Il paragone “aeronautico” viene immediato come sillogismo mentale per definire lo stato della nostra Nazione che ormai si può definire “dirottata”. Da molti anni alla guida del nostro Paese si sono susseguiti vari personaggi a nostro giudizio assai discutibili (ed usiamo un eufemismo) mentre per i cittadini elettori erano solo individui a cui dare fiducia senza fronzoli con una semplice X sul simbolo elettorale, magari decisa il giorno prima o addirittura in quello stesso momento (come talune analisi elettorali evidenziano spesso). Sicuramente noi Socialisti Nazionali apparteniamo alla categoria degli Apoti, ovvero quella di chi vuole vederci chiaro analizzando le capacità dei politici (ed anche le loro debolezze) proprio perché sentiamo come nostro dovere il controllare chi si prende carico del nostro futuro. Siamo consci di essere una minoranza ed ai governanti al soldo di Bruxelles va bene così.

Peraltro la qualità mediocre della classe politica italiana è dimostrata dal fatto che il politicante medio appare come un’ape laboriosa durante la campagna elettorale con prolissi comizi e ripetute presenze mediatiche in televisione dove è disposto a fare marketing della peggior specie; tale laboriosità svanisce improvvisamente nei mesi successivi al voto sia esso eletto nella coalizione di governo sia esso all’opposizione.

Ma chi guida (e dirotta) veramente l’aereo Italia ?

Prima di capire chi tiene la cloche è importante affermare quella che è diventata una certezza… stiamo precipitando!

La nostra economia come quella degli altri paesi occidentali si è sempre sostenuta grazie agli scambi commerciali interni e con l’estero. Piccole e medie imprese private, cresciute di anno in anno all’interno dei nostri confini dando lavoro a milioni di italiani, da tempo sono in difficoltà e costrette addirittura a chiudere non essendo competitive con le altre collocate in paesi dell’Est Europa o in Asia dove il costo del lavoro si riduce notevolmente rispetto al nostro. Tutto questo è cominciato con la firma del Trattato di Maastricht nel 1992 e quello successivo di Lisbona entrato in vigore nel 2009.

Cosa è successo da allora?

Delocalizzazioni del prodotto manufatturiero verso lidi fiscali più convenienti per le aziende (specialmente le Multinazionali), lasciando i dipendenti in Italia (in special modo gli operai) abbandonati al loro destino. Chi ha permesso tutto ciò ha nome e cognome, servi di potere sovranazionali che hanno svenduto il patrimonio pubblico e partecipazioni strategiche di aziende di Stato. Uno su tutti Romano Prodi che segnò il solco da seguire e riuscì a privatizzare l’IRI (Istituto per la Ricostruzione Industriale, nato nel 1933 e affossato nel 2002) liquidandola a gruppi di privati italiani ed europei. Negli anni a venire si sono susseguiti altri personaggi a capo dei governi come Amato, Ciampi, Berlusconi, Dini, Prodi, D’Alema, Monti, Letta…che altro non hanno fatto che seguire la “via maestra”.

Adesso è il turno del Sindaco rottamatore di Firenze, artefice di un vero e proprio golpe interno al suo partito legittimato dalle primarie degli iscritti. Ebbene cosa ha in programma di fare il nuovo Capo di Governo: (S)vendere le ultime partecipazioni statali strategiche SNAM , ENI , ENEL , FINMECCANICA; partecipazioni che tuttora generano introiti nelle casse dello Stato; tale opera di privatizzazione, richiesta a gran voce da Olly Rehn e tutta la Banda Bassotti, non fa altro che continuare l’opera del precedente governo Letta, incassando circa 12 miliardi di euro per far fronte al debito pubblico che ha superato abbondantemente i 2000 miliardi e genera di soli interessi 80 miliardi di euro annui. Anche chi non è dotato di nozioni economiche riesce a capire che i 12 miliardi rappresentano una cifra irrisoria e la semplice scusa del debito è un escamotage per favorire i soliti gruppi finanziari privati nella corsa ai gioielli di Stato.

Ma allora chi ci governa veramente?

Quello che è certo è chi “non” ci governa in modo diretto. Credere ancora che i vari Monti, Letta, Renzi (…) operino per il bene dell’Italia è una fantasia!

Questi tecnocrati sono solo degli esecutori fallimentari con il compito di liquidare al più altro prezzo possibile tutta la stiva…prima che l’aereo si schianti al suolo.

C.S.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Commenti e contrassegnata con , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

8 risposte a ITALIA. UNA NAZIONE DIROTTATA

  1. Luigi Maria Ventola ha detto:

    Purtroppo gl’Italiani sono in catalessi e si sveglieranno quando l’aereo Italia si schianterà, ma sarà troppo tardi.

  2. Cursus Honorum ha detto:

    Il paragone del “dirottamento” calza a pennello…e la data dell’inizio è chiara:
    30 aprile 1945.

  3. Stelvio Dal Piaz ha detto:

    Sono anni che noi veniamo descritti come le “cassandre” della situazione; purtroppo noi siamo quelli che sono stati abituati a fare analisi politiche e trarne le conclusioni; purtroppo noi siamo quelli che conoscono la Storia e da questa conoscenza traggono progetti e proposte alternative; purtroppo noi siamo quelli che partono dalla individuazione del “nemico” per proporre gli antidoti; purtroppo noi siamo quelli che si sentono ancora stramaledettamente orgogliosi di essere ITALIANI. Per questo abbiamo la presenzione di saper leggere il presente e prevedere anche il futuro di questo paese che si chiama ancora Italia. Ma proprio per tutto questo noi siamo quelli che stanno soffrendo maledettamente nel momento stesso in cui la massa degli “italioti” si lascia trascinare nel baratro della definitiva uscita dalla storia del paese Italia come Stato e come Nazione. Ma stessa sorte è prevista per l’Europa intera. Solo riportando il ” SACRO” sull’altare dei Padri l’Italia e l’Europa si potranno salvare, su quell’altare in cui la barbarie ho collocato la nuova divinità: il mercato ! Siamo sempre a: o Roma o Cartagine !

  4. Alter ha detto:

    Da piu’ di dieci anni, alcuni “Piloti” (in realtà grassi borghesi, avventurieri privi di brevetto aeronautico) che rispondono ai nomi di Silvio, Giorgio, Romano, Mario, Enrico ed ora anche del piccolo Matteo, portano pericolosamente in giro per i cieli europei una comitiva di sempliciotti turisti itaglioti.
    Sempliciotti turisti itaglioti convinti (con la frode di una ingannevole pubblicità televisiva) di aver vinto un viaggio premio, un viaggio di piacere a spasso per gli amichevoli cieli di una ospitalissima Europa.

    Da terra, gli Ultimi Italiani rimasti con cervello, cuore, fegato e buon senso intatti, osservano l’aereo dei turisti peninsulari, svolazzare pericolosamente a destra e a sinistra, in alto ed in basso in mezzo alla tempesta.
    Il destino dell’Aereo piu’ stupido del Mondo è irrimediabilmente segnato: finirà con lo schiantarsi al suolo.
    Agli Ultimi Italiani rimasti, spetterà il compito di seppellire i resti dei poveri patetici turisti creduloni, e ricostruire dalle fondamenta una Nuova Italia.

    Buona Fortuna Carissimi Italiani.

  5. Lupo di Selva Usn ha detto:

    NOI, DA ESULI IN PATRIA, NON LEGITTIMIAMO QUESTA ENNESIMA “MESSA IN SCENA DI GOVERNO” CHE CI STANNO PROPONENDO DAVANTI AGLI OCCHI; TRATTASI DI NUOVI ZOCCOLI DI POTERE CHE HANNO FINALITA’ DI INDEBOLIRE QUELLI PRECEDENTI (NON DI CERTO MIGLIORI) CHE EVIDENTEMENTE AVEVANO ESAURITO IL COMPITO CHE ERA STATO LORO COMMISSIONATO.
    I NUOVI ARRIVATI CI AMMORBERANNO DI TERMINI COME: “NUOVO” “PROGRESSO” “CAMBIAMENTO” “OPPORTUNO”, MA CONTINUERA’ A MANCARE IL PROGETTO, L’IDEA DI PAESE, IL CONCETTO DI PATRIA E DELLA STORIA DALLA QUALE SI PROVIENE, LA DIREZIONE VERSO LA QUALE SI DEVE O SI VUOLE ANDARE.
    RENZI, I SUOI MANDANTI E I SUOI PRESCELTI: NON MI RAPPRESENTANO!

  6. lupoalfa ha detto:

    Segnalo un articolo interessante apparso su “Il Giornale”……che anche se riguarda Kiev in realtà offre una visione geostrategica più ampia…..e noi siamo pur sempre “la portaerei naturale” nel mar Mediterraneo……
    http://www.ilgiornale.it/news/esteri/e-tutto-manovrato-994003.html

  7. wids72 ha detto:

    L’ipocrisia e la vergogna di questi giorni frenetici di pseudo”consultazioni” non hanno fine. Il teatrino psudo politico orchestrato dalle oligarchie sovranazionali lascia un vuoto nell’animo di chi crede nella patria e nei valori di una nazione. Noi andiamo oltre lo steccato di uno scenario disegnato da attori esterni che hanno nel loro dna il profitto e l’ingordigia predatoria capitalista….siamo gli ultimi di ieri e i primi del domani….in alto i cuori!!! a tutti

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...