LETTERA APERTA AI “POPULISTI”.

bandieraeuropeaGentili signori – non possiamo chiamarVi Camerati di trincea o compagni di lotta perché la maggior parte (anzi direi tutti) non lo siete – nel momento in cui le coste italiane, e cioé la frontiera meridionale di quell’abominio chiamato Unione Europea si sta letteralmente liquefacendo sotto la spinta inarrestabile di immigrazione clandestina dai lidi del continente nero (solo oggi 4.000 ma lo stesso ministro dell’interno Alfano ammette che ci sono 400.000 persone nei campi di raccolta in Libia ma anche in Egitto, in maggioranza Siriani, Palestinesi, Etiopi, Eritrei, Senegalesi, Nigeriani e di altri Paesi del Centro Africa, che sono in attesa di partire con i barconi gestiti dai trafficanti di esseri umani) Voi siete tutti presi a fare la corsa alla seggiola parlamentare europea, istituzione che altri non é che la promanazione inutile dell’inutilità di questa eurolandia che non é proprio il paese dei balocchi ma sta diventando da culla della Civiltà la pattumiera dell’umanità.

Divenite realisti,ed invece di fare la faccia feroce per poi mettervi in doppiopetto in attesa del permesso di entrare nei “salotti buoni” secondo il diktat del mostro usuraio apolide, utilizzate le Vostre risorse e le Vostre militanze per l’unica causa rivoluzionaria rimasta che é anzitutto la delegittimazione del perverso gioco “democratico” del votificio e organizzarsi seriamente per ributtare a mare gli occupanti atlantici (con qualunque mezzo necessario) che da oltre settanta anni ormai ci stanno opprimendo con la loro farisaica ipocrisia e doppiezza morale ed etica.

Voi non servite altro – da poveri illusi e sciocchi – che a permettere a questo “sistema” di continuare a fregiarsi della parola “libertà” solo perché consente agli “impresentabili populisti” comunque di partecipare alla tavola dei bari per giocare un poker già perduto; già perché anche se “vincerete” con qualche buona percentuale e una discreta pattuglia di uomini e donne a Strasburgo cosa farete !? Cosa Vi faranno fare !?

So già che non risponderete perché presi dalla fregola e perché ci ritenete solo dei fuoriosi donchisciotte ma il problema é tutto Vostro dal momento che i poveri “fessi” cristi che vi faranno gonfiare il petto per qualche giorno dopo la fine di maggio saranno gli stessi che proveranno a farvi la pelle appena si accorgeranno che siete tanto fumo e poco arrosto perché una cosa é certa ormai; l’Europa morirà soffocata dai lacci dell’usura e dalla marea umana di diseredati lanciatici contro dai registi della globalizzazione che se la ridono delle Vs. urla populiste antieuropee; loro hanno solo paura del Socialismo Nazionale, e quello -che vi piaccia o no – Noi lo rappresentiamo nella purezza dell’atto di astensione in attesa del tempo che verrà della lotta di sopravvivenza.

Ad Maiora !

Lupo Alfa SN

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Articoli e contrassegnata con , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

9 risposte a LETTERA APERTA AI “POPULISTI”.

  1. WERWOLF ha detto:

    Al di la del fatto con lo sbarramento al 4% culo che abbiano chi lo supera mettera al massimo 2 pupazzi…che conteranno come il 2 di coppe quando briscola è bastoni…..mentre per gli sfigati che raggiungeranno 1% avranno speso una marea di denaro per non fare nulla e sfiancato la militanza per un mese…..vuotando le loro tasche tra colla auto per affissioni di aria fritta…tale energie economiche e fisiche andrebbero utilizzate per il radicamento territoriale come ripetiamo oramai da anni…per costituire la vera ROCCAFORTE del futuro ma questo non lo capiranno mai…perche i vertici (comincio a pensarlo seriamente) che siano collusi con il “sistema”! IN ALTO I CUORI ED AVANTI CON IL SOCIALISMO NAZIONALE!

  2. Stelvio Dal Piaz ha detto:

    La democrazia è una prassi di governo che, attraverso le elezioni, fa sognare, per una notte di essere arrivati al potere. Il risveglio, poi, è frustrazione, la stessa che prova chi ha giocato la schedina e non ha vinto. Ma come il gioco d’azzardo, anche il momento elettorale, finisce per provocare dipedenza Per adesso il servizio sanitario non ha ancora previsto una terapia assistita. Sono malati e non lo sanno. Forse la lettura ripetuta all’infinito della legge elettorale potrebbe essere una terapia almeno pwer coloro che corrono verso il nulla da anni. In alto i cuori !

  3. Alter ha detto:

    Sogno che il 51% degli Italiani, degli aventi diritto al voto, eserciti il sacrosanto Dirittodovere di NON VOTARE.
    Sogno che il Movimento Astensionista, diventi il primo “partito” Italiano.

    Pd, Fi, anfibi ed ortotteri vari (a questo punto minoranza composta da camarille minoritarie di mangiapane a tradimento) manderanno a Brucsella le solite 70 inutili comparse.
    Un paio di mesetti di “non lavoro” delle solite, assolutamente inconcludenti comparse, dei settanta Birilli a testa cava itaglioti, renderanno chiaro a chi ha commesso l’errore sistemico di votarli, che non è piu’ il caso di affidare la propria vita a dei manigoldi compulsivi come “Lorsignori”.

    51% di Astensione, e “Lorsignori” sono fottuti.
    Solo un sogno di Primavera?
    Vedremo.

  4. Donne Socialiste Nazionali USN ha detto:

    Ottimo che nell’articolo vengano ben individuati gli artefici della deriva socio-politico-umanitaria inerente i flussi migratori, ovvero: “i registi della globalizzazione” e “i trafficanti di esseri umani”.
    I media al contrario ci propongono la questione in maniera costantemente fuorviata modulando l’informazione su di una piattaforma di falso “buonismo”, che in realtà cela l’inquietante compromesso stipulato con i diktat mondialisti che auspicano l’applicazione del famigerato “piano kalergi” quale strategia di distruzione delle identità nazionali ed europee (intanto stanno partendo con l’Italia quale terra di confine marittimo).
    Sperano di innescare una lotta tra popolazioni, tra ospitati ed ospitanti, entrambi esasperati dalla carenza di opportunità e di risorse, sulle cui ceneri costruire la stabilità dell’èlite filo-liberista.
    Che la smettano le nostre istituzioni di invocare l’“accoglienza a tutti i costi” in un momento nel quale l’Italia sta versando in una crisi economica profonda.
    Perché nessuno denuncia la verità? Perché mai i servizi segreti internazionali dell’intero Occidente non si sono mai preoccupati di stroncare il racket del traffico di esseri umani?
    Le migliaia di profughi già raccolti nei campi della Libia sono Siriani, Palestinesi, Etiopi, Eritrei, Senegalesi, Nigeriani, e l’unico approccio che possiamo osservare da parte dei governi (compreso quello italiano) è quello di trattare la questione sotto la mera etichetta del “tema immigrazione”.
    Nessuno parla delle Cause Prime di quegli esodi. Proveremo noi ad indicarne qualcuna:
    – Perché le organizzazioni internazionali non hanno mai fermato la mano sanguinaria d’israele che sta tormentando il Popolo Palestinese sin da prima del 1948?
    – Perché l’occidente, i filo-atlantici e i sionisti stanno perseverando nell’armare le milizie mercenarie che hanno destabilizzato la Siria
    – Perché le tante “potenze” internazionali (in primis la francia) non stanno cessando di fomentare e armare quelle guerre civili nei Paesi africani che celano l’esigenza di confiscare terreni, a costo di trucidare popolazioni, così da predarne il ricchissimo sottosuolo fonte di quelle polveri minerarie utili al profitto del mercato della tecnologia capitalista e mondialista?

    Questi sono soltanto alcuni degli esempi, alcune delle Cause e l’“europa tecnocratica”, con le sue ingannevoli elezioni verso un parlamento europeo inefficace in quanto svuotato di funzioni, è complice di tutto questo scempio.

    Donne Socialiste Nazionali USN

  5. wids72 ha detto:

    Solo noi socialisti nazionali riusciamo a cogliere le sottigliezze subdole di questo sistema volto all’inesorabile decadenza insieme ad intere generazioni di popolazioni e civiltà e strenuamente continuiamo con la nostra battaglia culturale di radicamento sul territorio nazionale…L’unico monito per la prossime elezioni europee, Astensione attiva!!!!!in alto i cuori!!!!!

  6. Alter ha detto:

    Pentagon e White House; un grosso problema per la pace nel Mediterraneo ed in Europa.
    Gli itaglioti (cosi’ come gli europoidi che non sono meno rincoglioniti dei primi) non ci fanno caso, ma gli Usa hanno creato una cintura di nazioni destabilizzate attorno all’Europa…

    La cintura di fuoco, la striscia delle nazioni rese zombie, và dalla Libia all’Egitto, dal Libano alla Siria, fino all’Ucraina.
    Ma l’obiettivo grosso, la finalità ultima, e’ la separazione traumatica della Russia dall’Europa; la ricostituzione di una innaturale, antistorica cortina di contrapposizione bellica ed economica con Mosca.
    I Pazzoidi di Pentagon e White House, vogliono separare artificialmente quelle che per naturale evidenza geopolitica sono un unico continente: Europa e Russia.

    Un’Europa in contrasto con la Russia ad est e con il bacino del Mediterraneo a sud, e’ la migliore delle opzioni possibili nel caricatore del Pentagono, per il mantenimento dell’Europa entro i recinti della supremazia Usa che si basa sulla versione aggiornata della vecchia, mortifera Dottrina Monroe e del Corollario Roosevelt.

    La destabilizzazione dei paesi confinanti a sud e ad est dell’Europa, ha portato alla frantumazione dei confini e delle sovranita’ nazionali relative.
    Ovvio che in una situazione del genere, esplodano i flussi migratori di coloro i quali fuggono in massa dal Nord Africa, (e presto dall’Ukraina), dai paesi bersaglio delle guerre e rivolte di “liberazione” ordite dall’occidente Usa, verso l’occidente Europa.
    Il tutto alla faccia dei microbici partitocrati renzialfanici, ed alla lillipuzziana missione mare nostrum, pardon “Our sea”…

    Attacco all’euromoneta, attraverso l’arma della svalutazione costante del dollaro…
    Attacco all’Europa attraverso l’arma della destabilizzazione costante dei paesi meriterranei rivieraschi e della partnership con la Russia di Putin…
    Attacco all’Europa attraverso lo scatenamento dell’immigrazione di massa delle popolazioni africane rese nomadi dalla distruzione dei relativi focolari nazionali…

    Ce ne sarebbe a sufficenza per scatenare una democratica guerra di liberazione dell’intero continente Europa contro le pesantissime intromissioni trans-atlantiche del Presidente massone di turno e della Banker fraternity di Washington, che oramai durano da un secolo.
    Ovviamente non se ne farà nulla, ovviamente tutto resterà esattamente cosi’, perchè massoni sono anche i politicanti europoidi, ed appartenenti alla Bankers fraternity sono anche i finanzieri europei.

    Come nel 1919, come nel 1922, come nel 1933, il Nemico è disperatamente nudo.
    Chiari i suoi connotati, chiari i suoi fini, chiarissime le sue strategie ed i suoi metodi malsani.

    Ma l’Europa di oggi è cieca come una talpa: priva di occhi.
    Priva delle Pupille, dei Due Uomini, i due Statisti, i due Capi che settanta anni fà si sacrificarono generosamente, disperatamente, per salvarla.

    Tra un paio di settimane sarà 25 aprile.
    Ancora una volta gli schiavi suoneranno e balleranno in onore degli Usurai loro padroni e signori.

  7. Sangue e Terra ha detto:

  8. Alter ha detto:

    A margine di uno dei soliti summit della cupola usuraia internazionale, il burocrate finanziario Padoan ha partorito una incredibile considerazione lapalissiana: questa “Europa” non puo’ reggere il peso dei milioni di disoccupati prodotti dalla sua interminabile crisi sistemica.

    La confraternita dei grassi vampiri della Bce inizia a percepire che la pacchia è finita: le loro scorte di prelibato sangue europeo si sono esaurite.
    I “donatori” si sono ribellati.
    Gli usurai rinchiusi nella Torre d’oro, non possono piu’ nascondere l’entità del loro crimine genocida.
    Da almeno cinque anni, milioni di europei sanno che la Confraternita Finanziaria Usuraia dei banchieri privati, non è piu’ in grado di controllare il Golem che ha creato.

    La Confraternita Finanziaria Usuraia (quasi ridotta in fin di vita dalla Rivoluzione culturale, sociale ed economica italotedesca del ’22 e ’33) non regge piu’.
    Ma stavolta l’attacco non viene dall’esterno.
    A differenza del ’22 e ’33, stavolta non ci sono due geniali personalità europee a scardinare il meccanismo usuraio.
    Stavolta il meccanismo usuraio si è inchiodato da solo.

    I servi sciocchi, i partitocrati itaglioti, (le faine antifasciste “demokratikamente” vendutesi all’Usura finanziaria internazionale), cercano di correre ai ripari, blaterando di “europadeipopoli”.
    Troppo tardi, tempo scaduto.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...