ASTENSIONISMO ATTIVO.

Von SalomonQui di seguito diamo indicazioni per come procedere per chi vorrà praticare l’ ASTENSIONISMO ATTIVO. E’ una procedura legale che però necessita di forza d’animo e di non essere isolati per cui é consigliata soprattutto a quei raggruppamenti territoriali che riescono ad organizzarsi. Non l’imponiamo obbligatoriamente a nessuno ma chi potrà farlo lo faccia. Per tutti coloro che non ne hanno la possibilità naturalmente la via più semplice rimane il NON VOTO.

M.C.

Procedura Astensionismo Attivo

Premesso che l’obiettivo non è più solo delegittimare il Sistema tramite il NON VOTO, ma è diventato ostacolare con ogni mezzo legale le votazioni dell’Usura (italiane e/o europee), elenchiamo di seguito le istruzioni per svolgere l’Astensionismo Attivo:

1) Coloro che sono interessati a questa forma di lotta devono recarsi al seggio per le votazioni con documento e tessera elettorale.

2) Devono farsi accompagnare, mai essere da soli, gli accompagnatori svolgeranno anche il ruolo di testimoni.

3) Una volta recati al seggio bisogna consegnare il documento e la tessera elettorale.

4) Ci si deve accertare che sia avvenuta la registrazione dell’avente diritto al voto e che sia stata timbrata la tessera elettorale. Si deve chiedere testualmente: “Sono stato registrato ?”

5) Solo dopo aver avuto conferma della registrazione si dirà: “Rifiuto le schede per protesta e voglio che sia messo a verbale il motivo del mio rifiuto”.

6) In caso di ostacolo da parte degli addetti ai lavori, si ricorderà all’intero seggio che il “rifiuto delle schede” è previsto dal D.P.R. 30 marzo 1957 n. 361 art. 104 comma 5. Il presidente del seggio a questo punto se non è a conoscenza di tale legge cercherà di intimidirvi, non fate nessun passo indietro, ricordate che è previsto dalla legge e che chiunque ostacola questa procedura è punibile legalmente. Nel frattempo fate che i vostri Testimoni, che hanno il dovere di intervenire, si dichiarino comunicando al seggio che anche loro hanno già fatto questa procedura. Arriverà a questo punto la Forza Pubblica, che si informerà su ciò che sta accadendo e dovrà accertarsi che la procedura non sia ostacolata. Se la Forza Pubblica, nella peggiore delle ipotesi, non è informata sul “rifiuto delle schede” e vi ostacola allora, sicuri della vostra ragione, non abbandonate la postazione e fate intervenire i Testimoni. Chiamate voi stessi, insieme ai Testimoni, il 112 o 113 per denunciare sul posto cosa sta accadendo. La procedura non può essere ostacolata da nessuno. Il seggio si bloccherà fino a quando la procedura non sarà terminata.

7) Una volta accettata l’Astensione Attiva dovà essere scritta nero su bianco, di solito nel registro c’è un campo “Annotazioni” dove viene scritto il rifiuto delle schede con il motivo. Ricordatevi di pretendere che venga scritto il motivo, es.: “Mi rifiuto di legittimare l’Europa dell’Usura.” Non scendete a compromessi con chi pensa di prendervi in giro appuntando tale motivo su un pezzo di carta. Il motivo va scritto nel registro ufficiale, i pezzi di carta volanti non hanno alcun valore.

Anche in questo caso potrebbero esserci dei problemi e si potrebbe ribloccare il seggio. A voi non interessa per quanti minuti si blocchi, sia pure un’ora, uscirete dal seggio solo quando la procedura sarà stata svolta interamente. Rinfrescate la memoria di chi vi ostacola citando il D.P.R. 30 marzo 1957 n. 361 art. 104 comma 5:

“Il segretario dell’Ufficio elettorale che rifiuta di inserire nel processo verbale o di allegarvi proteste o reclami di elettori è punito con la reclusione da sei mesi a tre anni e con la multa sino a lire 4.000.000.”

8) Usciti dal seggio sarete cortesi con chiunque vi chieda cosa avete fatto, gli spiegherete l’Astensionismo Attivo.

 Un nostro militante che in precedenti elezioni ha seguiti la procedura dice: “Per esperienza personale non ho avuto problemi, il seggio era a conoscenza della procedura, ma si è comunque bloccato quando ho insistito per far scrivere il motivo del rifiuto. Il presidente del seggio è andato a cercare la legge e ha dovuto scriverlo. Una mezz’ora buona è stato il tempo totale dedicato allo svolgimento dell’Astensione Attiva. Nessuno mi ha denunciato. Nessuno mi ha arrestato. Nessuno mi ha intimidito. Alcuni cittadini mi hanno chiesto cosa avevo fatto e ho spiegato loro l’Astensionismo Attivo.
Diversamente è andata a persone che si sono presentate SOLE e NON DETERMINATE. Li hanno intimiditi e fatti tornare a casa senza aver fatto l’Astensionismo Attivo.”

Questo non è tollerabile.
Da qui la necessità di organizzarsi con Nuclei di Accompagnatori/Testimoni. Muoversi in gruppo dà sicurezza e impedisce intimidazioni.
Si Sottolinea il valore PROPAGANDISTICO del Nucleo che entra nel seggio e interviene se c’è la necessità.
Immaginiamo i militanti di un nostro  Raggruppamento che si organizzano e si accompagnano a vicenda nei vari seggi.
Immaginiamo che facciano la stessa cosa i vari raggruppamenti sparsi sul territorio nazionale.
Anche un piccolo gruppo di 10 persone che si muove il giorno delle elezioni per fare Astensionismo Attivo può avere il suo peso.
Se le 10 persone appartengono allo stesso seggio, entrando insieme, uno dopo l’altro, creerebbero un bel disagio e farebbero PROPAGANDA LOCALE.
Se i 10 militanti invece, appartengono a seggi diversi, si muoveranno insieme nei 10 seggi, a costo di girare tutta la città ! Faranno PROPAGANDA TERRITORIALE.
Immaginiamo di raggiungere un numero a 3 cifre per i componenti di un Nucleo, il sabotaggio del seggio è assicurato !
Immaginiamo infine di sentire al telegiornale, durante l’ora di pranzo del giorno delle votazioni, che si è bloccato un seggio per l’Astensionismo Attivo.
La reazione a catena sarebbe inevitabile.

Tutto questo forse non averrà ma senza Immaginazione siamo solo morti viventi in un mondo virtuale.

P.S.
Se bloccheremo anche un solo seggio festeggeremo con una bella Birra Autarchica di un nostro Camerata !

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Comunicati e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

17 risposte a ASTENSIONISMO ATTIVO.

  1. Alter ha detto:

    Prepararsi accuratamente come per un combattimento; perchè l’Astensionismo Attivo è un nobile combattimento.

    In caso contrario, se Italiani isolati in un mare di tremebondi borghesucci itaglioti transumanti al seggio, ripiegare sull’Astensionismo Passivo.

    Ostacolare il sistema partitocratico mafioso delegittimandolo.
    Questo il nostro Impegno.

  2. Fernando Volpi ha detto:

    Ciò che conta sopra ogni cosa è delegittimare il sistema. ZERO VOTO.
    O ASTENSIONE ATTIVA O NON VOTO!!!!

  3. Alter ha detto:

    Sono giornate caotiche…
    La repubblichina cialtrona e colabrodo, è impegnata su tutti i fronti, e su tutti i fronti, fà immancabilmente acqua…
    Analizziamo velocemente le principali aree di crisi sistemica della repubblichina sfascista:

    *Sopravvivenza del raccogliticcio governo cialtrone del cialtronesco venditore toscano di pentolame senza manico ne’ coperchio.
    *Sostituzione del pensionato napoletano, provvisoriamente parcheggiato sul colle Quirino.
    *Elezioni europee.
    *Vicenda dei due Maro’.

    Piu’ altre cosucce da nulla come:
    *Deflazione.
    *Delocalizzazione industriale.
    *Debito pubblico ridotto a strame di stalla.
    *Disoccupazione.
    *Deindustrializzazione.
    *Denatalità.
    *Corruzione incontrollata.
    *Ruberie a statuto speciale.
    *Immigrazione incontrollata.

    A volte mi domando:
    Se fosse ancora Vivo S.E. il Duce?
    Se fossero ancora vivi gli Arditi del Piave?
    Se fossero ancora vivi i Legionari Fiumani ed il loro Cesare, il magnifico arcangelo nazionalista Gabriele D’Annunzio?
    Come si comporterebbero oggi?

    E mi rispondo:
    Come minimo occuperebbero l’Altare della Patria.
    Come minimo occuperebbero il Sacrario di re di Puglia.
    Come minimo occuperebbero il Sacrario di Asiago.
    Come minimo occuperebbero il Sacrario di Monte Grappa.

    Perchè Queste sono tutte INDUBITABILMENTE Terre Italiane.
    Perchè Queste sono zone Off Limits, Terre Italiane interdette alla repubblichetta itagliota del menga.

  4. Fernando Volpi ha detto:

    Pensiamo seriamente a qualche azione dimostrativa estremamente eclatante. Quando poi ci chiederanno il perché l’abbiamo fatta risponderemo.

  5. Lupo di Selva Usn ha detto:

    IO SONO PER LA TOTALE DELEGITTIMAZIONE DEI SEGGI ELETTORALI; OCCORRE NON PRESENTARSI AL VOTO.
    MEGLIO UTILIZZARE QUELLE GIORNATE PER GODERSI IL SOLE, GLI AFFETTI, LA NATURA, PER LEGGERE UNA DI QUELLE “LETTURE BELLE, CULTURALMENTE SELVAGGE ED ERETICHE”; OPPURE PER RENDERSI UTILI OVE C’E’ BISOGNO.
    IL MIO NON VUOLE ESSERE BUONISMO, PARLO SEMPLICEMENTE DI “VITA”, “VITA ANCORA POSSIBILE”.

  6. Donne Socialiste Nazionali USN ha detto:

    Occorre disertare i seggi.
    Soltanto realizzando una potente e roboante astensione di massa, si costringe il “sistema” a ridare ossigeno ai Popoli, in quanto le plutocrazie non riescono più a tenere il polso della situazione. Non si ritroverebbero né soggetti “individuabili” dietro sigle o bandiere, né masse disperate sulle quali far piovere la violenza delle repressione civile per mano delle loro gendarmerie.
    I plutocrati si renderebbero finalmente conto che ha preso posizione una collettività estremamente consapevole che non risponderà più alle loro diaboliche logiche del profitto e che dimostrerà sempre più di saper compiere precise Scelte per il Bene proprio e degli Ultimi.
    A supporto di quanto espresso offriamo le parole di Berto Ricci, ancor oggi così genialmente attuali:
    “Viene, dopo le finte battaglie, il giorno in cui c’è da fare sul serio, e si ristabiliscono di colpo le gerarchie naturali: avanti gli ultimi, i dimenticati, i malvisti, i derisi. Essi ebbero la fortuna di non fare carriera, anzi di non volerla fare, di non smarrire le proprie virtù nel frastuono degli elogi mentiti e dei battimano convenzionali. Essi ebbero la fortuna di assaporare amarezze sane, ire sane, conoscere lunghi silenzi, sacrifici ostinati e senza lacrime, solitudini di pietra, amicizie non sottoposte all’utile e non imperniate sull’intrigo”

  7. Alter ha detto:

    Comunicazione elettorale per il grilli che zompano in questo illuminato luogo di rara Saggezza Italiana.

    Pare, (lo affermano i guru delle analisi elettorali) che l’Astensione non danneggi il partito ortottero.
    Pare che ad aumento del livello di Astensione Nazionale, corrisponda il miglioramento del risultato elettorale del partito di Beppe l’ortottero.

    Contenti Noi Italiani Astensionisti per un massiccio risultato elettorale del partito del NON VOTO, e contenti pure gli ortotteri.
    Noi Italiani Astensionisti saremo il primo partito d’Italia.
    Gli ortotteri il secondo.

    Il mio augurio è che gli Italiani possano godersi la soave melodia delle disperate lamentazioni dei partitocrati peninsulari eurotrombati.

  8. WERWOLF ha detto:

    ESSENDO ALL’ESTERO E DOVENDO RECARMI ALL’AMBASCIATA….NON VOTERO’….CONDIVIDO A PIENO LA STRATEGIA….

  9. Andrea ha detto:

    bello , mi piace questa decisione , ma che purtroppo sul mio territorio sono l’unico di USN , se no lo farei volentieri al 100%

  10. Alter ha detto:

    Agenda personale:
    Contattare qualche amico o conoscente che abbia gestito la burocrazia di un seggio elettorale.
    E farsi raccontare la storiella…

  11. Cursus Honorum ha detto:

    ottimo alter.

  12. Alter ha detto:

    Grazie Cursus.

    Oggi ho ascoltato l’uomo di Arcore catechizzare le sue truppe cammellate.
    Secondo lui gli Italiani che intendono esercitare il NON VOTO sono un bel 50%.
    Mica male.

    Papi ha quindi chiesto ai suoi discepoli un impegno speciale: documentare urbi ed orbi le meravigliose “realizzazioni” del ventennio berlusconiano…
    Stiamo a posto:
    Con un po’ di fortuna, l’intervento dei nipotini e delle nipotine di Papi, farà salire ulteriormente la percentuale degli Italiani determinati a NON VOTARE.

  13. Misterkappa ha detto:

    Bel post, mi piace! :)

  14. Alberto ha detto:

    Saluto \ò volevo capire se ai fini dei rimborsi elettorali di tutti i “listati”, recarsi comunque al seggio comporta la “spartizione” del malloppo fra tutti i “concorrenti” o , in forma di Astensionismo Attivo i “denari” restano in ” cassa pubblica ” e lor signori si “battono sui denti” e niente rimborsi ? Mi risulta che il sol fatto di recarsi all’ “urna”, comporta portargli “rimborsi in denari ” , comunque . Ne sapete di più a riguardo ? Grazie \ò A Noi \ò

  15. MASSIMO NATELLA ha detto:

    IO SONO SOLO SUL MIO TERRITORIO, MA LA MIA AZIONE CI SARA’, VOLEVO CHIEDERVI, ANDARE DA SOLO E UN PROBLEMA??? NN X NIENTE,MA A PARTE LA MIA RAGAZZA CHE NN E RESIDENTE NEL MIO COMUNE IO NN POSSO PORTARE NESSUNO,CHIEDEVO QUESTO LEI PUO’ ENTRARE NEL SEGGIO NN ESSENDO RESIDENTE NELLO STESSO….GRAZIE

  16. DBSN ha detto:

    Ovviamente nel seggio puoi farti accompagnare da chiunque.
    La tua raggazza, come chiunque altro vorrà accompagnarti, può entrare.
    Gli accompagnatori svolgono il ruolo di testimone e devono darti supporto in caso di problemi.
    Non è indispensabile ma è opportuno fare gruppo.
    Se per qualunque motivo non si trovano compagni di lotta, andare da soli non è assolutamente un problema.
    L’importante è sabotare le elezioni del Padronato Capitalista Bancario Europeo.

  17. paolettiemilio ha detto:

    CONFERMO QUNTO SOPRA……ANCHE IN UN PICCOLO COMUNE DELLA ROSSA TOSCANA NON CI SONO STATI PROBLEMI….NON DEMONIZIAMO LA PROCEDURA, FUNZIONA …… MA PROPRIO PER VQUESTO MI SA CHE POCO CONTI SE NON A FARE TOTALE CON L’ANONIMO ASTENSIONISMO…….VENGONO PUBBLICATI I DATI NEL DETTAGLIO?????

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...