LA COGLIONITE.

CodreanuLa “coglionite“ è un neologismo che abbiamo voluto immettere nel vocabolario italico in alternativa al termine di cui si fa largo uso in questo momento per rappresentare un certo tipo di comunicazione. Si tratta del termine “ streaming “ che nel campo delle telecomunicazioni identifica un flusso di dati audio/video trasmessi da una sorgente a una o più destinazioni tramite una rete telematica. Questi dati vengono riprodotti a mano a mano che arrivano a destinazione. Siccome a nostro avviso e rispetto ai problemi che attanagliano gli italiani e alla disperazione che accompagna la vita di tante famiglia, il flusso di dati audio/video trasmessi con questo sistema, appartiene più alla categoria delle “ coglionerie “ che alle cose serie, non abbiamo trovato altro termine per farci comprendere dagli italiani.  

Anche perché – diciamocelo francamente – sia chi trasmette che chi riceve, sia chi parla che chi ascolta – consapevolmente o meno sa, che tutto questo teatrino mediatico ha origine dal verbo “ coglionare “ in cui troviamo nei rispettivi ruoli sia il “ coglionatore “ che il “ coglionato “ per cui tutto finisce per risolversi in una “ coglionatura “ generale.

Questi strumenti di comunicazione vengono presentati come una nuova forma di democrazia diretta, di democrazia trasparente, il tutto a beneficio di una massa di cittadini-sudditi che, non avendo altro da fare o essendo liberi da altre preoccupazioni, si dilettano nell’ascolto audio/video di una recita a soggetto che finisce per provocare una vera e propria patologia di natura psicologica, appunto la “ coglionite “.

Se poi riflettiamo che, i più accaniti sostenitori anzi – vorrei dire – gli iniziatori di questo tipo di comunicazione telematica sono proprio gli adepti del movimento del “ vaffanculo “ , allora la nostra teoria che l’ingresso e la frequentazione nella famosa “ aula sorda e grigia “ provoca negli individui una trasformazione antropologica fino a ridurli in androidi asessuati ebbene, questa teoria, trova nello specifico assoluta conferma.

Questi sarebbero gli innovatori e i riformatori che dovrebbero trarre dal baratro quella che una volta era la “ nazione Italia “.

Mala tempora currunt !

Con questa premessa la “ coglionite “ si trasformerà presto in una pandemia.

Stelvio Dal Piaz

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Articoli e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

5 risposte a LA COGLIONITE.

  1. Alter ha detto:

    Se nun c’hai er tattuaggio tribbale sur collo, sei nessuno…

    Il primo nemico da combattere è il borghesuccio piccolo e molle, che alberga in ciascuno di noi.
    E’ una lotta sottile che si combatte ogni mattino, appena alzati da letto; o domina l’Uomo Superiore, o spadroneggia il subdolo borghesuccio.

    E gli On. pentastellati (che sono borghesucci esattamente come gli altri itaglioti del Parlamento) hanno già fatto la fine del cotechino.
    Altro che riformatori.

    Da un po’ di tempo, nell’aula sorda e grigia, grassa, boldrinica e coglionante, gli On. pentastellati ci stanno decisamente bene.

  2. Alter ha detto:

    A proposito di Aula sorda e grigia, e di coglionati.
    Coglionati; che poi sono sempre i soliti contribuenti Pantalone.

    L’Aula s&g stà varando la nuova Legge di riforma della Cooperazione Internazionale, in un tempo relativamente breve e con modalità (a detta di alcuni deputati) non ortodosse.
    Dopo una gestazione molto lunga al Senato, ora tutto si decide in pochi giorni, (perchè le ferie incombono) alla Camera.
    Già oggi la Cooperazione Internazionale (finanziata da Pantalone, ma su cui Pantalone nulla di preciso sà) muove centinaia di milioni di euro su cui campano Partnerariati, Onlus, Ong e torri di Babele grandi e piccole facenti parte del complesso sistema della vorace Carita’ pelosa itagliotica.

    Attrice unica della nuova riforma sarà la Cassa Depositi e Prestiti, che gestisce il fondo rotativo della Cooperazione.
    Cassa Depositi e Prestiti, ora dipendente all’80% dallo Stato, ma anch’essa in via di inesorabile, assolutamente nociva, costosissima Privatizzazione.

    In poco tempo Pantalone si troverà ad aver a che fare con un Istituto non piu’ pubblico, che gestirà un Tesoro interamente pubblico, prelevato – come al solito – dalle Sue tasche.

    Nella nuova torre di Babele cooperativistica Magna Magna, entreranno anche le gloriosissime Camere di Commercio – che tanto lustro hanno sempre dato al “paese” – ed OVVIAMENTE le – potevano mai mancare? -valorosissime Associazioni degli Immigrati.

    Tutto questo – come sempre quando l’Itaglia vaneggia di globalizzazione ed assistenza alle nazioni piu’ deboli – nell’esclusivo Interesse dei bambini poveri del Mondo…

    Buon appetito allora, alla Partitocrazia ed ai ceti parassiti itagliotici che la sostengono.

  3. Stelvio Dal Piaz ha detto:

    Mentre la ” coglionite ” – come avevamo previsto – sta assumendo la forma di pandemia, il cosiddetto popolo italiota sopporta in silenzio un ministro degli interni che sta mostrando tutta la sua perversa personalità di ottuso funzionario al servizio di interessi stranieri: da un lato con il ” format ” mare nostrum favorisce l’inarrestabile invasione da parte di una moltitudine di disperati senza arte e prospettive, dall’altro sta attrezzando le cosiddette ” forze dell’ordine ” con strumenti sempre più invasivi, repressivi e letali. Ultimo strumento bombolette spray di peperoncino a lunga gittata e telecamere individuali, nella prospettiva di una rivolta generale contro un governo che non è in grado di garantire ai cittadini un minimo di sopravvivenza. Alfano, tipico personaggio, dalla fronte bassa e dallo sguardo cupo, la cui alternativa di vita è fare lo ” sbirro ” o il ” mafioso ” criminale.

  4. Alter ha detto:

    Sbirri, mafiosi e…agenti segreti, in rapida alternativa, o successione che dir si voglia; mitologici esseri uni e trini.
    Stando alle informazioni di stampa, il personaggio indagato nella vicenda del Mose è, o per meglio dire era, il responsabile dell’Aisi di Padova.
    Gli inquirenti, per potere accedere al suo computer, hanno dovuto attendere pazientemente l’ok di Roma…

    Il motto dell’Aisi è: Scientia rerum reipublicae salus.
    Ma in taluni (rarissimi) casi pare trasformarsi in: Scientia rerum Cosanostrae salus.

    Tra i compiti del Ministro degli Interni, percaso rientra anche la competenza sull’Aisi?

  5. Il popolo italiano (se mai ci fosse stato, e di cio ho FORTI DUBBI) da presunto tale (appunto), con questa nuova era tecnologica submoderna si è tramutato in un popolo (MA TALE NON È) di esseri replicanti e mutanti ci vorrebbe un solo uomo UN UOMO NUOVO che metta tutti in fila per tre questa massa INFORME di esseri “viventi”? chiamata troppo ma veramente TROPPO GENEROSAMENTE con il nome di popolo italiano.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...