L’ULTIMA GHIGLIOTTINA.

debitoGirando per la rete abbiamo trovato questo interessante articolo senza firma e lo riproponiamo così come é facendo una riflessione; quanto dobbiamo aspettare TUTTI per prendere la decisione finale di essere NOI a rimettere le ghigliottine in piazza !?!? Ma tutti sembrano sordi, muti e ciechi come le tre scimmiette, soprattutto i movimenti politici che forti di un consenso popolare anziché guidare la lotta accettano di essere solo i lacché al servizio dell’usura internazionale apolide.

Di nascosto, nel silenzio mediatico più omertoso, sta nascendo l’ultimo mostro partorito dall’Unione Europea: l’European Redemption Fund (sigla RF o ERF). La prima considerazione che ci sovviene a tale proposito riguarda il nome scelto per il mostro: è davvero curioso, e significativo, come questo nome faccia leva sul senso di colpa di matrice religiosa, inducendo gli stolti e i disinformati a credere che debbano “redimersi” dai loro peccati e ad accettare quindi senza discutere la punizione loro inflitta. Da questo uso, o abuso, della terminologia cattolica da parte dell’Unione Europea (cfr. “austerità”, “sacrificio”, “salvezza”, “redenzione”…), ha espressamente messo in guardia il prof. Alain Parguez in diverse occasioni [1]

Cerchiamo di capire in poche parole di che si tratta, ricorrendo alla sintesi che ne ha fatto il giornalista Paolo Barnard, che per primo ha dato notizia della cosa. [2]

L’idea del Redemption Fund è tedesca, e precisamente del Consiglio Tedesco di Esperti Economici, ed il documento che ne annuncia la nascita è ufficiale, perché è della Commissione Europea [3].

Scrive Barnard: “Ecco cosa sta per accadere: il 70% del debito pubblico italiano, più di 2 mila miliardi di euro, sarà trasferito a un fondo europeo comune, chiamato Redemption Fund (di seguitoRF), dove saranno convogliate anche tutte le eccedenze di debito pubblico degli altri Stati dell’Eurozona. Cioè: siccome il Trattato di Maastricht stabilisce che il debito pubblico degli Stati non deve essere superiore al 60% del PIL, tutto ciò che eccede questo limite nei debiti pubblici dei 17 Paesi dell’euro sarà trasferito in questo Redemption Fund.”  [2]

Saranno quindi cifre immense, che diverranno a quel punto di proprietà del RF.

Attenzione: gli Stati dell’euro trasferiranno tutte le eccedenze di debito pubblico sopra al limite del 60% sul PIL al RF, ma saranno comunque tenuti a onorare la parte del debito trasferita (cioè a ripagare interessi e scadenze).

Ma qual è lo scopo di tutto questo? In teoria, a parole, uno scopo benefico: il RF dovrebbe aiutare tutti gli Stati, e soprattutto quelli più indebitati come Italia, Grecia, Portogallo. Come? Vendendo i suoi titoli agli investitori per racimolare soldi. Con quei soldi i governi dell’Eurozona potranno finanziarsi ed onorare così il proprio debito pubblico trasferito nel RF.

E quale sarebbe il vantaggio di questo strano giochetto? Semplice: come spiega ancora Paolo Barnard, “siccome i titoli del RF saranno garantiti da tutti i 17 Paesi euro, essi saranno, agli occhi dei compratori, super sicuri, quindi gli interessi che il RF pagherà su di essi saranno molto bassi. Certamente più bassi degli interessi che Italia, Spagna, Grecia, Francia, Portogallo pagano oggi per finanziarsi coi propri titoli di Stato. E qui sta la parte vantaggiosa, cioè i 17 dell’euro si potranno finanziare e potranno finanziare i ri-pagamenti sul loro debito pubblico a tassi molto più bassi grazie a questi titoli RF.”

Quindi tutto bene, no?

NO!

Il documento della Commissione Europea che descrive questo meccanismo, infatti, specifica che l’adesione al progetto RF da parte degli Stati comporta condizioni severissime, e cioè programmi di tagli feroci alla spesa pubblica, agli stipendi, alle pensioni, all’occupazione, a tutti i servizi pubblici. La Commissione parla espressamente di “super potere d’intervento nei programmi di spesa dei governi”, in aggiunta ai poteri che già ha grazie al Fiscal Compact.

Può bastare per la nostra galleria degli orrori? Eh no, c’è di peggio.

La Germania, infatti, per garantire il ri-pagamento da parte degli Stati del suo debito, “propone” (= impone) che:

  1. a) sia trattenuta a suo vantaggio una quota del già micidiale prelievo fiscale di oggi,oppure si introducano nuove tasse, specialmente aumenti dell’IVA;
  2. b) gli Stati partecipanti promettano in pegno le loro riserve di moneta straniera e le loro riserve d’oro come garanzia sui ri-pagamenti.

Specifica ancora Barnard: “I primari trattati di Maastricht, il Fiscal Compact, il MES, l’Europact, cui si aggiungono le concessioni di spesa pubblica offerte il 3 luglio all’Italia dalla Commissione Europea e il futuro trattato per la nascita del Redemption Fund per i debiti pubblici dell’eurozona, tutti questi contengono la seguente clausola:

a patto che il Paese aderente adotti stringenti misure di aggiustamento della spesa pubblica”;

cioè, la nazione che ha ratificato o che ratificherà quegli accordi, come l’italia, dovrà impegnarsi obbligatoriamente a:

  1. a) tagliare la spesa pubblica in servizi, sanità, istruzione e infrastrutture;
  2. b) tagliare i salari pubblici e le pensioni;
  3. c) privatizzare tutto ciò che è rimasto pubblico, inclusa l’acqua e le infrastrutture vitali del paese;
  4. d) licenziare fette d’impiego pubblico, anche fra gli impieghi vitali come insegnanti, vigili del fuoco, polizia e sanitari;
  5. e) liberalizzare ogni settore dell’economia, anche quelli strategici per l’interesse pubblico;
  6. f) ridurre al minimo il welfare e gli ammortizzatori sociali.” [4]

La denuncia di Barnard si spinge oltre e coinvolge i princìpi stessi su cui si regge l’intera Eurozona: “Sono in realtà questi dogmi, Bibbia, spina dorsale, raccolti in quella clausola, che devono essere imposti a milioni di cittadini e ai loro governi, e i trattati assieme alla UE stessa e all’Eurozona sono solo il veicolo per imporli. Capite? Non il contrario. Cioè: a noi hanno raccontato che i trattati, la UE e l’eurozona sono il cuore di tutto, sono il goal finale di un grande lavoro, che sono le istituzioni cardine del futuro europeo. Ma non è vero. Il cuore di tutto, il goal ultimo, l’istituzione cardine del futuro europeo è quella clausola neoliberista e neoclassica socialmente distruttiva, che deve devastare intere società ed esautorare gli Stati per il profitto di pochi”. [4]

Barnard sintetizza il tutto con amaro sarcasmo: “per noi italiani, oltre che per molti altri, saranno ancor più miserie sociali, tagli a tutti i servizi, fallimenti di aziende come piovesse, disoccupazioni record, con i coglioni mediatici che in prima serata si chiederanno… “perché questa crisi non passa?” [2]

Fonte: http://arjelle.altervista.org/Economia/Pillole/erf.htm

[1] Ad esempio in occasione del Seminario di Milano del 12-13 maggio 2012;

(video visibili qui: http://www.youtube.com/playlist?list=PLDAD0EC5872904244)

[2] http://www.paolobarnard.info/intervento_mostra_go.php?id=703

[3] http://eur-lex.europa.eu/LexUriServ/LexUriServ.do?uri=COM:2012:0777:FIN:EN:PDF

[4] http://www.paolobarnard.info/intervento_mostra_go.php?id=704

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Articoli e contrassegnata con , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

10 risposte a L’ULTIMA GHIGLIOTTINA.

  1. lupoalfa ha detto:

    un esempio di come si fa…. ! : Tango bond, l’Argentina dribbla gli Usa e nazionalizza i titoli
    Kirchner annuncia un decreto che permette ai detentori di titoli aderenti agli swap degli scorsi anni di riportarli sotto la giurisdizione di Buenos Aires. In questo modo non varrebbe più il divieto del giudice americano di bloccare i pagamenti degli interessi, per dare la priorità agli hedge fund che non hanno accettato i concambi

  2. Alter ha detto:

    Trattasi di Racket nonetario, finanziario, internazionale.
    Un incubo secolare, cui i migliori intellettuali e statisti si opposero.

    Scrive Ezra Pound:
    L’efficenza monetaria non si misura sulla base della sua analisi “chimica”, ma dal numero dei disoccupati e delle scorte invendute.
    Mussolini ha posto l’accento sulla dimensione della qualità.
    L’usura è il cancro del Mondo, che solo il bisturi del fascismo puo’ asportare dalla vita delle Nazioni.
    E’ mostruoso o ridicolo supporre che Lloyd George o Churchill siano in grado di comprendere il Fascismo.

    Scrive Adolf Hitler:
    La lotta contro la finanza internazionale ed il capitale usuraio è diventata il punto piu’ importante del programma nazionalsocialista: la lotta della Nazione tedesca per la sua indipendenza e sovranità.

    Scrive Benito Mussolini:
    DIsciplinare le forze dell’economia e adeguarle alle necessità della Nazione.
    Consegna per l’anno XII.

    Scrive Thomas Jefferson:
    Una Nazione la cui misura di scambio è alla mercè di Forze ESTERNE alla Nazione stessa, è una Nazione in pericolo.
    E’ una Nazione senza Sovranità.
    E’ una Nazione di stupidi incompetenti, che la portano in rovina.

    La minuscola itaglietta napolitan-renziana di oggi, si trova nella infelice situazione descritta da Thomas Jefferson.

  3. Anonimo ha detto:

    Purtroppo i veri casini sono iniziati col crollo del muro di berlino e la dissoluzione dell’unione sovietica e della jugoslavia, poi l’unione europea sta dando il colpo finale, l’italia e’ diventata uno zoo di meticci imbelli! Con la 3a GM ci sarà una bella scrematura del superfluo, il NWO avanza spedito.

  4. Stelvio Dal Piaz ha detto:

    L’accelerazione del dominio assoluto da parte della demoplutocraziagiudaicomassonica è il sintomo che ai vertici è stato deciso di dare il colpo finale alla sovranità degli stati nazionali. Mala tempora currunt ! Il tutto nell’indifferenza generale delle vittime predestinate. NOI dobbiamo prepararci alla nostra Valtellina !!!!!! In alto i cuori !

  5. Alter ha detto:

    Oggi i bankster “Centrali” sono riuniti nel conclave di Jackson Hole.
    Jellen, Draghi, e gli altri oligarchi finanziari internazionali, stanno pianificando le strategie necessarie per rubare altro tempo, risorse economiche e futuro, ai popoli colpiti dal criminale potere usuraio.

    Ieri in Kurdistan il velleitario boyscout toscano, con le sue dichiarazioni interventistiche, ha deliberatamente esposto l’Italia (l’Italia, non l’Eu) alla rappresaglia dei fanatici tagliagole sauditi dell’Isis.

    I Vampiri della finanza internazionale hanno svenato l’Italia, e la tengono sotto scacco.
    Lo scemo di Firenze la rigetta nel calderone del conflitto mediorientale ordito da Pentagono, Ryhad e Tel Aviv.

    Le legnate subite in Iraq, Afghanistan, Libia, India e Russia, sono servite a nulla.
    La partitocrazia italiotide non impara.
    La partitocrazia italiotide continua a mettere in pericolo l’Italia.

  6. Alter ha detto:

    Adel Smith il crociato coranico, è spirato; riposi in pace.
    Ma il fanatismo religioso di ogni colore e forma è vivo e vegeto, e devasta il Mondo.

    Torah, Bibbia e Corano trasformano l’Uomo in nano.

  7. Anonimo ha detto:

    Ordo ab chao

  8. Alter ha detto:

    Massoneria; la Quarta Chiesa.
    Chiesa di rito britannico, dilagata nel mondo lungo la rotta delle navi corsare di Sua Pirateria.
    Ritualmente oscura, fanaticamente misterica come le sorelle gemelle.

  9. Stelvio Dal Piaz ha detto:

    ” UN POPOLO FORTE NON TEME LA VERITA’: LA ESIGE ! B. MUSSOLINI

  10. Alter ha detto:

    Proposta per gli admin:

    Perchè non inserire uno spazio (controllato, a prova di provocazione) in cui inserire le “Varie ed Eventuali”; le considerazioni, le proposte, le analisi e le notizie utili?
    Uno spazio in cui sia possibile per i partecipanti, (senza occupare tread specifici con il rischio di andare fuori tema, o peggio, offendere la sensibilità altrui) inserire valutazioni di vario tipo?

    Uno spazio “Sentinella”.
    Perchè il Nemico progetta, pianifica, agisce incessantemente.
    E la Nostra Opposizione al Nemico, ai Nemici (opposizione per il momento concettuale, in attesa della inevitabile fase operativa che già si staglia all’orizzonte della Storia d’Italia) e la denuncia dei crimini e dei progetti criminali futuri, deve essere il piu’ possibile simultanea, puntuale, addirittura anticipatrice.
    Perchè gli eventi si anticipano, si determinano, o si subiscono passivamente.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...