SOCIALISMO NAZIONALE ITALICO

socnaz italicoNOI SIAMO STUFI DELL’ANTI-ITALIANITA’ APOLIDE. Per questo lavoriamo per un Socialismo Nazionale Italico, ossia per un nuovo Rinascimento italiano, inteso come rinascita culturale, sociale ed economica della civiltà italica, devastata dalla barbarie liberista e schiacciata dalla globalizzazione livellatrice. Attraverso il Socialismo Nazionale Italico, l’Italia potrà riscoprire i valori che l’hanno fatta grande: l’arte, il sapere, l’amore per la vita, in uno Stato che sappia riequilibrare le differenze sociali e dia al popolo la possibilità di svilupparsi in tal senso, attraverso una giusta redistribuzione della ricchezza (che assicuri ad ogni famiglia un’esistenza libera e dignitosa) da attuare attraverso la conquista della sovranità monetaria, la nazionalizzazione dei comparti strategici e la socializzazione dell’economia.

Un percorso che prevede la riscoperta di un rapporto privilegiato tra il Centro e le mille e una città, così come ci insegna la tradizione di Roma (unico faro di una civiltà millenaria), liberamente amministrate dai rappresentanti dei propri cittadini (chiamati e obbligati alla “buona gestio”); solo così l’Italia potrà liberarsi di quei carrozzoni burocratici, che dilapidano denaro pubblico che sono le Regioni; vero e epicentro di un sistema di corruzione trasversale.

Il socialismo italico ritiene, francescanamente, il territorio parte viva della nazione e la sua difesa diviene quindi scelta irrinunciabile. Le forze della natura, sole, vento, acque ecc. possono, inoltre, contribuire alla realizzazione dell’indipendenza energetica italiana, rappresentando un’inesauribile fonte di energie pulite e rinnovabili.

Il socialismo italico, sottolinea come oggi il colonialismo non sempre prevarica con armi ed eserciti, ma il suo riferimento è spesso più che geografico culturale. Quindi l’identità italiana deve essere difesa anche su questo piano opponendo a modelli ideologici e culturali estranei alla nostra tradizione, modelli legati alla trimillenaria tradizione italica.

Un’Italia che a livello geopolitico si lasci alle spalle l’Europa bancaria/finanziaria germanocentrica e sappia riscoprire la propria mediterraneità, spaziando tra Vicino Oriente e Africa, quale alleato autorevole di quei popoli che vogliono riappropriarsi delle proprie ricchezze e risorse, e riconquistare la propria reale sovranità nazionale: monetaria, militare, economica e culturale.

Per questo lotteremo. Questo NOI VOGLIAMO.

Eriprando Della Torre Valsàssina

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Attualità Politica e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

19 risposte a SOCIALISMO NAZIONALE ITALICO

  1. Fernando Volpi ha detto:

    Avanti. Fermarsi sarebbe un errore di cui dovremmo rispondere ai nostri figli e nipoti.

  2. wids72 ha detto:

    Uniti nel comune intento nella risorgenza nazionale!!!! In alto i cuori

  3. Alter ha detto:

    Non l’ennesimo modello alternativo, non una toppa sullo sbrego.
    In questi decenni di decadenza nazionale progressivamente accelerata, ne abbiamo visti enunciati troppi, e nessuno efficacemente realizzato.

    Non l’ennesima ammucchiata clientelare del solito borghesissimo piccolo mondo decomposto odierno; per l’occasione infiocchettato con un nuovo nastrino rosa.

    Non l’anacronistica difesa di “entità” economiche religiose amorali, di “radici” ammuffite, che hanno già abbondantemente dimostrato di essere nemiche della Nazione Italia.

    Dovrà essere Altro.
    Altro: dovrà essere una Impresa ideata e compiuta da Italiani, e dedicata unicamente all’Italia.
    Chi non ci stà, dovrà essere trattato da avversario.
    Chi ostacola, trattato da nemico.

  4. STELVIO DAL PIAZ ha detto:

    Viva l’ERESIA, viva la RIVOLUZIONE; ignoriamo la massa degli stolti che segue passivamente il pifferaio fiorentino; gli stolti non hanno più luce neglio occhi, non hanno più sogni nel cuore, non hanno sangue nelle vene. Sono dei vili contenti di sguazzare nella loro meschinità.
    NOI tiriamo diritto ” contro i nemici di dentro e di fuori ” !

  5. Alfredo Ibba ha detto:

    Tutto condivisibile. Il problema è che viviamo nel contesto che è e non come deve essere. Dobbiamo, lo dico a chiunque odi questa società del diritto al voto, degli smart phones, della robotica, del transumanismo, dei call centers, dei grattacieli anonimi, dei movimenti di capitali, della giudeizzazione generale dell’ essere umani e via dicendo, adoperarci come possiamo, nel nostro piccolo, per distruggere la gabbia, sperando nell’ aiuto delle catastrofi naturali. Poi cosa verrà dopo lo vedremo.

  6. Salvatore Gaudino ha detto:

    All’indomani dell’Unità d’Italia,Massimo D’azeglio ebbe a dire:”abbiamo fatto l’Italia,ora dobbiamo fare gli italiani”…Purtroppo questa frase è,quanto mai,di attualità,ed io non nutro molta fiducia in un popolo che da italiota è divenuto italidiota,invigliacchito dal relativismo e dall’individualismo borghese che tanto contrasta con i sani principi del Nazionalsocialismo.

  7. Alter ha detto:

    Si và avanti.
    Perchè questo è appena l’inizio.

    L’Italia ed il Mondo sono esattamente allo stesso punto di un secolo fà: nel 1914, e gli sconvolgimenti epocali sono appena iniziati.
    E’ tutto ancora da distruggere, è tutto ancora da ricostruire.

    La mandria borghese peninsulare verrà bovinamente, suinamente coinvolta nel dramma generale. Subirà tali e tante disavventure da uscirne totalmente trasformata.
    In salami e cotechini, si spera.

    Perchè Stavolta non dovranno soccombere i Migliori; gli Eroici, i Generosi, gli Arditi, gli Altruisti.
    Stavolta la selezione, secondo Legge di Natura, dovrà agire sulla parte corrotta.
    A scomparire dovranno essere i Peggiori.

  8. Alter ha detto:

    A proposito di “Peggiori”.
    A proposito dei suppostoni di “Frontex Plus”, somministrati al contribuente italiano selvaggiamente sodomizzato dai padoani, dai renzucci, dagli alfanoidi e dai pinottidi:
    Nell’Operazione “Mare Monstrum”, vengono usati anche I SOMMERGIBILI…

    Questo Stato Fallimentare di cose obsolete e decadenti, usa una intera Flotta militare per raccogliere gente disperata (lo pretendono in primis la Vestale Lauretta e San Francisco Bergoglio; il poverello di Buenos Aires) che potrebbe essere dignitosamente imbarcata su un paio di Traghetti.

    Un paio di Traghetti Moderni (ce ne sono tanti sottoutilizzati) inseriti in una regolare, ordinata, disciplinata, programmata, seria, economica, sicura, legale, umanitaria, civilissima Linea di Navigazione.
    Linea di Navigazione sulla rotta Libya – Italya.

    Eh si.
    Ma quanta Gente: scafisti, politici, militari, pacifisti, oennegisti, appaltatori, industriali, commercianti, giornalisti e preti, smetterebbero improvvisamente di lucrarci, di specularci economicamente, politicamente, professionalmente e cristianamente sopra?

    Effettivamente Trrroooppo crudele!
    Non si puo’.

  9. Alter ha detto:

    30 euro al giorno per il Sig. Migrante.
    30 euro al giorno per chi ospita il Sig. Migrante.

    Per il Regime partitocratico fondato sulla rapina del Contribuente e sulla Spesa improduttiva, il “problema” del Sig. Migrante si risolve con una spesa quotidiana di 60 euro.
    In questo caso le risorse si trovano, e molto velocemente.

    Ma per un Italiano disoccupato, giovane o vecchio che sia, il Regime partitocratico fondato sulla Rapina del Contribuente e sulla Spesa improduttiva, non stanzia un singolo euro.

    Questo è un Regime razzista.

  10. Salvatore Gaudino ha detto:

    Magari fosse solo un regime razzista in senso darwiniano:Questo “regime”,non solo calato dall’estero ma anche accettato supinamente dalla pletora dei giudaici “80 euristi”,che ne hanno decretato il successo alle scorse europee,ha creato una terza classe di aspiranti lavoratori,veri futuri scimpanzuomini,o marchionnisti,che non godranno di alcuna parvenza di tutela,a differenza degli ipergarantiti “statali”…Inutile addossare la responsabilità di un popolo belante ai suoi pastori:ognuno ha ciò che merita!!!…In tale stato di cose(parlare di regime vorrebbe dire riconoscere,sia pur negativamente,una forma di governo che non è tale),i disoccupati vengono considerati come naturali scorie dell’individualismo borghese…

  11. Alter ha detto:

    Questo è uno Stato fallimentare di Cose obsolete.
    Agonia entropica allo stato puro.

    La Bestia, sorta dagli abissi dell’abiezione il 25 aprile 1945, resiste: si aggrappa con gli artigli alla carne degli Italiani.
    Ma la sua fine è INEVITABILE.
    Non è il 2014?, sarà il 2015.
    Non sarà il 2015? sarà il 2016.
    Gli Italiani sanno attendere.

    Giorgio, il superpensionato del Quirinale è obsoleto.
    Matteo il finto “Giovane”, in realtà arnese del sistema partitocratico parassitario di sempre (non ha Lavorato un singolo giorno della sua vita) è obsoleto.
    Entrambi rappresentano la straconosciuta, decrepita realtà partitocratica declinante, crepuscolare di sempre.
    Prossima la sua data di scadenza.

    E’ Tutto Finito.
    A dicembre il superpensionato del Quirinale molla.
    Ad aprile il finto giovane è costretto a mollare; si torna alle urne.

    Prenderà il 40% del 50% degli aventi diritto?
    Vittoria di Pirro, come quella del 2014.
    Non potrò agire, non governerà; ricadrà nelle contraddizioni di sempre.

    Questa è una Agonia lentissima, ma inesorabile.

    A NOI il compito di sorvegliare che la Bestia Immonda, immobilizzata nel pantano, impazzita di terrore e rabbia, non commetta ulteriori crimini contro l’Italia e gli Italiani prima di schiattare.

  12. Crociato ha detto:

    E intanto a Venezia il fondatore del PD sposa l’amerikano per la felicita’ dell’italyota medio e teleromanzato.

  13. Alter ha detto:

    E’ molle borghesia itagliotide allo sfascio.
    Dei cui antichi valori borghesi, è rimasto NULLA.

    Ora la massa itagliota borghese agonizza colle pezze ar culo su instagram.
    A condividere momenti eccezionali, (assolutamente indimenticabili), come il tatuaggio tribale nuovo, la fila interminabile di bottiglie vuote allineate sul tavolo, le tette rifatte, il sedere sbiancato e l’anello al naso.

    E con l’anello al naso viene trascinata al macello sociale.

    Gli è stato detto che sono tutti uguali.
    Uomini e donne, e uonne e duomini, bianchi, gialli e neri; tutti cittadini del Mondo.
    Tutte fratelle, tutti sorelli, tutti buoni; tutti “United States of Europe”.
    Che le Nazioni non esistono piu’ e nemmeno i Popoli, e tantomeno la famiglia “tradizionale”; figurarsi Patria, Sangue e Stirpe.

    Tutti uguali, tutte progressive, tutti tolleranti, tutte realizzate, tutti meravigliosamente democratici.
    Pero’ in questo novello Paradiso terrestre, Qualcuno stà Sopra.
    E tutti gli altri (tutti loro) SOTTO.

    Qualcuno stà Sopra, sulla Torre d’Avorio, tra le nuvole dorate, in pieno sole; mentre giu’, su tutti loro, indistintamente piove Merda.

    E questa Elite, questo Olimpo comanda.
    E ordina, sempre sorridendo amabilmente “on line”, dall’altra parte della Manica, o dell’Atlantico, o del Mediterraneo.
    O piu’ caporalmente, ma sempre criminalmente, da quella cloaca a cielo aperto, in cui è stato trasformato Il BiondoTevere.

  14. Ereticamente ha detto:

    “Classe dirigente d’imbroglioni,sfruttatori senza senso del domani,senza voglia di sporcarsi mai le mani,ideologi cresciuti alla Bocconi… Il vostro liberismo mi ha ammazzato,di ogni mio sogno derubato…Ma no,io non ci sto,io non mi arrendero’. E grido finche’ vi vedro’ pagare,maiali senza il minimo pudore… Ho chiuso con la societa’ civile,e con i vostri furbi giochi di parole che alla fine resta sempre tutto uguale,e aspettero’ seduto in riva al fiume,fino a che non vi vedro’ cadere giu’ e non tornare piu’ “. Dedico questa poesia di Eugenio Finardi,Cadere-Sognare a tutti i Camerati e Compagni. Eja!!! P.S. Se fosse possibile,sarebbe interessante postarla qui direttamente.Grazie.

  15. Alter ha detto:

    Bella la musica di Finardi.
    Poi purtroppo interviene Barnard.

    E parla di “neonazismo finanziario” tedesco che, secondo lui, riprenderebbe le idee economiche di Funk e Schacht.
    Crudelissime idee finanziarie “neonaziste”, da cui dipenderebbero tutte le attuali sofferenze italiane. Perchè i Tedeschi sono sempre brutti e cattivi, e ci godono un sacco a far soffrire gli altri; soprattutto quelli che li hanno battuti al mondiale di calcio.

    Pero’ riconosce che questa odiosissima Germania “neonazista”, và verso l’abbassamento dell’età pensionistica e la crescita dei salari.
    Mentre l’itaglietta “antinazista” fà tutto il contrario.

    Magari in Italia ci fosse qualcuno che studiasse e riprendesse le visioni economiche di Schacht!
    Queste le sue gravissime colpe “naziste”.
    *Aggiramento del (mortale) Trattato di Versailles: con questo capo di accusa, venne inutilmente processato a Norimberga.
    *Annullamento del Debito estero.
    *Nazionalizzazione delle grandi imprese.
    *Annullamento dell’Inflazione.
    *Pareggio di bilancio.
    *Lotta al tirannico monopolio finanziario Sterlina/Dollaro nei commerci internazionali.
    *Creazione di un sistema concorrente al cartello finanziario angloamericano, fondato sullo scambio diretto o “Baratto”: materie prime pagate con prodotti finiti tedeschi.
    Petrolio in cambio di camion, trattori e navi di superiore qualità tedesca.
    E’ cosi’ che negli anni trenta nasce il “Made in Germany”.

    Ed e’ su condizioni di assedio economico e finanziario simili, che l’Italia del Ventennio del Fascio impara a progettare e costruire il necessario alla Sua sopravvivenza; nonostante l’iniquo assedio societario degli imperi coloniali anglofrancesi.

    Magari in Italia (al posto dei ciampi, dei padoaschioppa, dei monti, tremonti e padoani), ci fosse stato il “nazista” SCHACHT!

  16. Ereticamente ha detto:

    Sabato prossimo 4 ottobre,a Ostia,varie comunita’ antagoniste d’area si incontreranno e si confronteranno sul tema: “Fortezza Europa 2014”. L’Unione per il Socialismo Nazionale sara’ presente? Ereticamente,eja!!!

  17. Alter ha detto:

    A proposito di Apolidi, di Migrantes, di Globalizzazione.

    Ebola è sbarcata negli States.
    Miss Eby ha preso un biglietto aereo, ed è atterrata nella terra delle Grandi Opportunità.
    La Terra Benedetta in cui ogni migrante puo’ sperare di far Fortuna…

    Miss Eby è una ragazza decisa, piena di risorse e di buona volontà; effettivamente l’ambiente ristretto e provinciale delle foreste africane la ghettizzava, non le rendeva giustizia.

    Ora Eby è a Dallas, Texas.
    Da li’ saprà farsi strada ovunque nella meravigliosa Terra delle Grandi Opportunità.
    E poi chissà, da li’ una bella Tournè in Europa.

    Sarà un successo internazionale.

  18. Alter ha detto:

    Ebola si sposta velocemente, ha raggiunto la Spagna.

    La leggerezza con la quale l’occidente ha gestito i rientri in patria dei soggetti infetti ed i normali voli di linea dalle zone a rischio, ha dell’incredibile.

    Fortunatamente in Italia simili incidenti non possono accadere, qui a controllare la situazione c’e’ la Ministra Lorenzin.

  19. Patrizio Romano ha detto:

    L’ha ribloggato su Il Populista Regginoe ha commentato:
    Italia Terra di italiani.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...