CORTI CIRCUITI ANTI-ITALICI

stirpeIl fosco avvenire per l’Italia è certamente colpa dell’occupante che da decenni ormai controlla pesantemente i destini politici e militari della nostra Nazione; negli ultimi tempi però assistiamo ad un “decadimento mentale e politico” da parte dei cittadini che non ha nessuna giustificazione e che ci permette tranquillamente di concludere, senza aver paura di essere smentiti, che una grossa fetta di colpa dei tragici eventi che stiamo subendo in questo momento, si può serenamente additare agli Italiani che sopportano ancora questo scempio e che tollerano le continue umiliazioni di una casta che vuole un “restyling” ancora più pericoloso dei decenni appena trascorsi. E’ paradossalmente incredibile come un intero elettorato politico “sinistrato” dopo aver fatto i “piagnini” per 20 anni (senza essersi resi conto che il loro partito era incapace di costruire una seria offerta politica, poi subito fagocitati da un bamboccione rottamatore) adesso supporti un Premier che sembra essere la “carta carbone berlusconiana leggermente modificata in salsa “obamiana” che vede nell’iper-presenzialismo mediatico la sua arma principale, nelle mirabilanti promesse di “sogni e futuro” o di “800,000 mila posti di lavoro“, nell’ottimismo degli yuppies di terza generazione, i suoi punti di forza mediatica, ossia proprio quella artiglieria politica che per 20 anni ci siamo dovuti sorbire in quell’impresentabile schieramento che era definito il centrodestra italiano. Quello che si prospetta all’orizzonte, sia a livello sociale, che statale, è quanto di più grave potesse immaginare qualsiasi analista politico indipendente. Si passa dallo sdoganamento del Precariato Universale, alle privatizzazioni selvagge, dal depauperamento cronico degli ultimi brandelli di industria italiana, fino al favoreggiamento dell’esternalizzazione lavorativa e della fuoriuscita dei cervelli italiani in favore delle Corporation Mondiali. PURA FOLLIA. Se qualcuno avesse voglia di vedere quanto è stato decantato e prodotto nella tre giorni della Leopolda 2014, fra interviste ed annunci, si renderebbe conto che quello a cui stiamo andando incontro è UNA CATASTROFE e la FINE DELLA PATRIA. Gli Italiani digeriranno senza reagire questi colpi letali, distratti e rincoglioniti dai Selfie di chi li governa.

renzidurso

Il colpevole è uno e se nessuno sarà capace di fermarlo, nè responderà alla Comunità Nazionale per gli anni a venire; quando il destino sarà compiuto (come in una sorta di tristo revival del film Idiocracy) troppi saranno i rimpianti ed i tradimenti ed allora non resterà che vagare fra le rovine di una Nazione che fu.

Matteo-Renzi-e-il-selfie-sbagliato

Se da una parte, una sinistra post-Britannia-1992 è fiera e valorosa conservatrice dello Status Quo, e sottopone la Nazione ad una sua lenta ma inesorabile deflagrazione, con l’ultimo della lista dei camerieri (quello più pericoloso perchè sponsorizzato da gente come Serra o Carrai), dall’altra abbiamo i residuati di una destra prima postfascista (senza mai peraltro averne avuto i presupposti ideologici e morali) e poi post-arcoriana, che si è sciolta come neve al sole, nello stesso momento in cui il suo padrone, preferiva tutelare i suoi destini e quelli delle sue aziende (Patto del Nazareno) e momentaneamente accantonare tutta la lista dei lacchè che improvvisamente orfani di un “contenitore dove mungere” si stanno riciclando in una penosa centrifuga politica divisa in minestroni e brodaglie di destrumaio liberale, che meriterebbero la più indegna delle terminologie politiche. Le ultime uscite provenienti dalle porno-stanze di Arcore su Unioni Gay e Ius Soli, altro che non sono l’ultimo passo verso il Partito Unico della Nazione (fintamente diviso in due tronconi) che garantirà a Renzi lunga vita e a Berlusconi un sereno tramonto politico.

SELFIE-LUXURIA-facebook

Se voltiamo lo sguardo, ed osserviamo altrove, possiamo serenamente intravedere il NULLA. Il Nulla Virtuale incarnato dal Movimento di Grillo, sempre più padronale e sempre più fattivo allo status quo (dove pensate che andranno i transfughi sinistri cacciati dal comico genovese ?) e ormai stanco e bisognoso di una scossa che mai avverrà dopo aver “minacciato” per anni una rivoluzione che non era minimamente nei programmi dei suoi ideatori; il Nulla Padano incarnato da un movimento leghista che, da una parte furbescamente attrae tutta la piccionaia neopostqualcosa-fascista con sirene identitarie, e dall’altra chiarisce immediatamente qual’è la direzione della sua bussola politica (riconfermando le velleità secessioniste), ideando una fantomatica Lega dei Popoli, (ci scappa perfino da ridere a segnalarne i contenuti), che a parte il carrozzone euroscettico lepenista e qualche occhiatina filo-russa, non può che prevedere sia alle amministrative che alle politiche un apparentamento (almeno… se non oltre) con tutto quel destrumaio sociale ex-aennino che gli permetterà di attestarsi (forse) in doppia cifra ed avere un cospicuo numero di deputati, per continuare la solita tarantella politica ormai quasi trentennale; senza tralasciare che all’orizzonte incombe sempre l’Unione di Forze con quel simpatico individuo di stanza ad Arcore che pare avere ancora molte frecce al suo arco (specie quelle finanziarie) per essere ancora l’Azionista di Maggioranza di tutto il centro destra italiano, seppur “rieditato” in salsa Salviniana. Insomma un listone padano “identitar-rivoluzionario” (e spesso Anti-Italiano) misto con della bella monnezza liberale. Legittima, ma francamente imbarazzante la posizione di tutta quella Destra Radicale che fino a ieri ululava conati rivoluzionari, e che oggi si svende al votificio dei ludi cartacei per una visibilità che strategicamente ne sancirà la sua fine politica.

italiamerda

Tutto questo, mentre la “SocialDemocrazia NazionalDemolitrice” a stelle e strisce di Renzi compierà il suo cammino indisturbata fra uno scioperetto generale dei sindacati (utile solo alla loro sopravvivenza) ed un Dudu-selfie del transgender politico di Arcore. Il tutto mentre le nostre posizioni europee ed internazionali sono giornalmente umiliate dai pagliacci al governo che altro non sanno fare che stare proni ai diktat della tecnocrazia bancaria e dell’Atlantismo Occidentale. Il tutto mentre gli interessi italiani nel mondo sono ormai devastati sia a livello industriale che a livello geopolitico, con danni all’economia nazionale di indubbio livello (vedi la nostra posizione in Libia o le stupide sanzioni contro la Russia).

dudu

Noi Socialisti Nazionali abbiamo la fiera immodestia di rappresentare ancora quegli italiani che ancora non si riconoscono in questo letamaio politico (le percentuali di astensione ci confortano), e continuiamo insistemente la nostra pervicace strada per difendere le idee del nostro Programma Politico e per segnare il solco di un cammino che (presto o tardi) dovrà obbligatoriamente vedere la riscossa della Comunità Italica.

J.G.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Commenti e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

12 risposte a CORTI CIRCUITI ANTI-ITALICI

  1. wids72 ha detto:

    Un olezzo nauseabondo emanato da questa accozzaglia gestita e alimentata dall’usura internazionale che sta programmando sistematicamente la distruzione lenta e progressiva dei popoli per l’unico governo mondiale, mentre gli italioti incuranti e intorpiditi si lasciano violentare impunemente senza colpo ferire….Vergogna!!!! Noi non ci stiamo e continuiamo a testa alta e fieri dei nostri valori!!!! In alto i cuori!!!!!

  2. Angelo ha detto:

    Ciao, non vi conosco ma condivido la vostra analisi, voglio confrontarmi con voi, datemi un numero di telefono che ci mettiamo in contatto.
    Grazie,
    Angelo

  3. Anonimo ha detto:

    Angelo….puoi scrivere tranquillamente ad una delle nostre mail o direttamente al nostro presidente. Troverai l’indirizzo nel sito web.

  4. STELVIO DAL PIAZ ha detto:

    LA “LEOPOLDA” FIORENTINA E LA PIAZZA DI ROMA SONO LE DUE FACCE DELLA STESSA MEDAGLIA . E’ UN GIOCO DELLE PARTI CHE DURA ORMAI DA TROPPO TEMPO. LA FIGURA DI MER..A LA FANNO I NEOFASCISTI ATLANTICI D’ITALIA, QUELLI CHE NOI DEFINIAMO LA “FASCISTERIA” ALLA COCA COLA CHE DOPO TANTO STARNAZZARE FINISCONO NELLE BRACCIA DI BERLUSCONI OPPURE – IN UTIMA EDIZIONE – IN QUELLE DEL LEGHISTA SALVINI. PROSIT !

  5. Alter ha detto:

    La Partitocrazia assimilazionista di ogni colore e sfumatura (partitocrati lo sono anche i leghisti ed i forzisti di quelle fantomatiche oasi di “buongoverno” nordico quali Torino, Varese, Bergamo, Milano e Venezia dimostratesi nei fatti ladrone tanto quanto la Roma superladrona), è un cadavere che cammina.
    Ma ancora non lo sa’…

    Tutti Lorsignori, affacciandosi un bel giorno al solito balcone (come i coniugi Ceausescu), si accorgeranno con meraviglia che è il loro dominio è finito.
    La loro fine politica è certa, ma a questo punto temo anche per l’incolumità fisica.

    Governi ed “Istituzioni” partitocratiche; nocive quanto arroganti e velleitarie, hanno portato la Nazione ed il Popolo Italiano al fallimento.
    Alla resa incondizionata.
    Alla rovina totale.

    Il Progetto Assimilazionista, fondato sulla demolizione della Sovranità Nazionale, è fallito.
    Da una tale immane Tragedia, non si esce con la futile manovrina finanziaria dei Leopoldiani; nè con le gite in piazza del becero parassitismo sindacale, o le marcette dei leghisti ripassati in salsa marinata francese.
    Salsa o non salsa, il puzzo della partitocrazia italiotide, è oramai insopportabile.

    Sarà inesorabilmente rivolta,
    Tutti quelli che ogni sera cantano e ballano nei talcscio’ televisivi, si romperanno l’osso del collo.

  6. Alter ha detto:

    Momenti di demagogica disperazione del regime partitocratico unico italiota:

    Il gerarca leghista Maroni e la ministra leopoldiana Guidi, sono in Usa a pietire la partecipazione statunitense al corrottissimo Expo’ milanese.
    A pochi mesi dall’inaugurazione della mostruosa Mostra, manca ancora la certezza sulla presenza del numero uno della globalizzazione forzata; gli Usa.

    Il leader leopoldiano Renzi medita la creazione del “Partitodellanazione”.
    La serpe assimilazionista partitocratica, (che ha svenduto Popolo, Lavoro, Nazione e Sovranità italiane alle capitali ed al capitale straniero), ora si mimetizza sotto la denominazione di “Partitodellanazione”.

    La serpe antinazionalista e la piovra assimilazionista in difficoltà, si mimetizzano, si celano sotto i colori di una formazione partitocratica che simula i colori della Nazione Italia.

    I borghesi destronzi; quelli che si commuovono quando la squadra dei miliardari del calcio stona l’ino di Mameli, quelli che si riconoscono nelle radici giudaikokristiane di Francisco 1° il poverello di Buenos Aires, hanno ritrovato casa.
    La commozione “nazionalista” è tanta e trabocca dai loro borghesissimi cuoricini criceti

    La Farsa continua.

  7. Maurizio Canosci ha detto:

    rappresentazione plastica degli italioti che affondano…i risultati delle amministrative a Reggio Calabria (una volta culla del sogno del “Boia chi molla !”)…..

    http://www.repubblica.it/static/speciale/2014/elezioni/comunali/reggio_di_calabria.html?ref=HREC1-5

  8. Alter ha detto:

    Giunta sciolta per infiltrazioni mafiose ieri.
    Giunta ricostituita grazie alle medesime infiltrazioni, oggi.

    Perchè la potentissima ‘Ndrangheta (che reinveste i suoi utili a Roma e Milano, come a Londra e Berlino) ha il suo reame incontrastato a Reggio; Reggio ‘Ndrangheta.

    E di sicuro alle elezioni comunali di Reggio N’drangheta, i cittadini onesti non sono andati a votare.

  9. STELVIO DAL PIAZ ha detto:

    Da Italiani di stirpe Italica, da Socialisti Nazionali, da Soldati politici quali orgogliosamente siamo, condividiamo nella forma e nella sostanza il pensiero del filofoso russo Aleksandr Dugin che orgogliosamente afferma:
    ” Io sono russo, non soltanto per le mie origini, ma per convinzione ideologiga. Questo significa che vedo nella mia nazionalità un’identità storica, culturale, metafisica e quasi religiosa. Penso che ci si debba battere anche nei periodi impossibili quando ogni speranza viene meno e tutto sembra perduto. “

  10. Patrizio Romano ha detto:

    L’ha ribloggato su Il Populista Regginoe ha commentato:
    Noi Stirpe Italica. Noi Stirpe Romana.

  11. Nerio ha detto:

    Tutto molto commovente. Ma quando si passerà all’azione? Il tempo delle parole è finito. Mi rivolgo in particolare al camerata Stelvio Dal Piaz. Aspettiamo l’ennesima tornata elettorale mentre il 51% della Borsa di Milano è passato in mano alle multinazionali estere e gli invasori afrosemiti hanno raggiunto quota 5 milioni? Aspettare significa morire.

  12. Alter ha detto:

    La consapevolezza della nostra Identità Italica ci mette al riparo da tutto quello che avverrà.
    Stiamo costruendo scudi ed armi mentali e spirituali per difenderci prima, ed attaccare poi.
    La fase di “armamento” reale, sarà semplicemente il logico, il materiale adeguamento alla Minaccia; la logica conseguenza della nostra determinazione a lottare per la nostra Indipendenza, fino alla fine, senza tragua.

    Noi Italici siamo perfettamente consapevoli della Tempesta; del conflitto multietnico, multirazziale e multireligioso in arrivo, e questa nostra consapevolezza stà già producendo determinazione, reazione, voglia di lottare.

    Il Gregge mattarellian – bergoglionico và al macello trotterellando dietro al baldacchino dei vecchi simboli di una settantennale storia fallimentare; resistenza, europeismo, globalizzazione, delocalizzazione, finanziarizzazione, accoglienza, ecumenismo e bla,e bla, e bla, tutto marciume; tutta mucillaggine.
    Tutte cose di cui non occuparci, tutte cose da osservare serenamente, mentre precipitano nel baratro.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...