COMUNICATO XXIII.XII.2014. RUTILIO SERMONTI NON SI TOCCA

sermonti

Le notizie della cronaca giudiziaria di questi giorni si stanno occupando di fantozziani remake della Strategia della Tensione. A noi non interessano le sorti di sfigati golpisti da operetta virtuale. Non ci interessa nemmeno il fatto piuttosto grave che (come al solito) i soldi dei contribuenti vengano impiegati incredibilmente dietro fantomatici fuorilegge da commedia all’Italiana, in stile Totò e Peppino De Filippo. Ma a noi una cosa è certamente chiara: una persona limpida e onesta che ha fatto della moralità e della rettitudine il cardine della sua intera vita, ossia un uomo che ha lottato (e sta lottando) tutta la sua vita in maniera impeccabile per le sue idee, non deve essere infangato da questi squallidi bricoterroristi da supermercato, nè dalla giustizia italiana che dovrebbe occuparsi dei VERI DELINQUENTI (italiani ed extracomunitari) che tutti i giorni solcano il territorio e le istituzioni della nostra disastrata Nazione. RUTILIO NON SI TOCCA.  PUNTO.

Ufficio Politico U.S.N.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Comunicati e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

12 risposte a COMUNICATO XXIII.XII.2014. RUTILIO SERMONTI NON SI TOCCA

  1. Massimo Piana ha detto:

    Rutilio Sermonti ci ha insegnato cosa significhi avere dignità e Onore. Essere fedeli ad una Idea, Amare la propria Terra e dare un significato alla parola Patria. Saremo pronti a difenderlo dal fango che questa misera e meschina democrazia cerca di buttargli addosso.
    PER SEMPRE CON RUTILIO!!!!

  2. STELVIO DAL PIAZ ha detto:

    Solidarietà, piena, personale, cameratesca al grande Leone che ha da sempre combattuto la sua battaglia Ideale alla luce del sole, faccia al vento contro tutte le canaglie di dentro e di fuori. Il regime corrotto e servile nato dalla sconfitta ha perso anche il senso del ridicolo nel perseguitare un UOMO della cultura e dello spessore morale come Rutilio. Anche le zecche reclamano evidentemente il loro momento di notorietà. Meraviglia che uomini in divisa si abbassino al ruolo di spioni nei confronti di un UOMO di fronte al quale non dovrebbero che mettersi sugli attenti. Ma, il seme di “badoglio”, continua a dare i suoi malefici frutti. Nonostante tutto: In alto i cuori !

  3. Rudolf05 ha detto:

    Il sistema putrescente di ‘occupazione democratica’ dà i suoi colpi di coda. La farsa grottesca che ci accompagna da 70 anni tenta di infangare e perseguitare chiunque gli giunga scomodo, o meglio, sia scomodo ai propri padroni. Le finalità sono chiare: blaterare di anti-fa e nazzzismo per decapitare anche quella farsa di libertà di manifestare che dopo la pluridecennale occupazione coi suoi frutti avvelenati, il Mancino ed i destri amici suoi, rimane. Ma hanno sbagliato i conti. NON passeranno!

  4. Alter ha detto:

    Non ho avuto il piacere di conoscerlo.
    Ma, già il definire il Sig. Rutilio Sermonti un “neofascista”, mostra il livello di pressapochezza con cui i maccheronici “Midia” itagliotici stanno ricamando la farsesca commedia imbastita contro di Lui.

    Il Suo grande delitto, il suo orrendo crimine – annusando le quattro righe divulgate a fotocopiatrici unificate dalla stampa itagliota – parrebbe essere quello di aver immaginato una Costituzione differente.
    Una Costituzione diversa da quella che (non piu’ tardi di ieri) un coetaneo di Rutilio; il Presidente della Repubblica, ha descritto come permeata di ” PASSI FALSI”.
    In una Nazione normale, una Costituzione caratterizzata da “PASSI FALSI”, come denunciato dal suo stesso Capo di Stato, è cosa da bocciare, invalidare, annullare immediatamente, e riscrivere con urgenza estrema.

    Ed un Uomo come Rutilio Sermonti, che si sarebbe dedicato alla correzione di una simile Costituzione infarcita “PASSI FALSI” sarebbe casomai Persona da ringraziare, da abbracciare con commozione; non da arrestare.

    Ma la repubblichetta capovolta, invertita e pervertita della partitocrazia ladra delle Ricchezze d’Italia, ed assassina del Futuro degli Italiani, è capace di tutto.
    Anche di mettere in galera un disinteressato Padre Costituzionalista come Rutilio Sermonti.

  5. STELVIO DAL PIAZ ha detto:

    Nuova cronaca, vecchia storia: quando il regime servile e corrotto nato dalla sconfitta della Patria si trova ad affogare nel fango che ha generato, movimenta i ” servizi ” e ritira fuori gli ” opposti estremisti ” . Qualcuno è ancora disposto ad abboccare ? Vergogna !

  6. Luca Ricci ha detto:

    Che infamità!!! Solidarietà a Rutilio Sermonti!

  7. Alessandro Pizi ha detto:

    Solidarieta’ a Rutilio Sermonti!

  8. Alter ha detto:

    La republichetta infame, imprigiona gli Spiriti Liberi.
    Rutilio Sermonti; un signore novantenne ed invalido, e’ stato incatenato ed incarcerato.

    E che fine hanno fatto i Diritti Umani tanto strombazzati dalle “Istituzioni Democratiche”; dai napolitani commossi, dai boldrini e dai grassi?
    Quelli che la repubblichina sicaria diffonde ai quattro venti quando c’e’ da attaccare diplomaticamente, economicamente e militarmente – aggredendole alle spalle – le altre Nazioni (vedi Iran, vedi Iraq, vedi Afghanistan, vedi Libia e vedi Siria e Russia) accusandole di violazione dei medesimi?
    Il rispetto dei quali, la repubblichina infetta, “stranamente” non si azzarda ad esigere dall’India, dal Qatar, dall’Arabia Saudita, dal Kuwait, dal Bahrein, da Tel Aviv, o dal Kossovo?

    Ipocrisia allo stato puro; mille pesi e mille misure diverse, a seconda delle infami convenienze contingenti.
    Questa è la repubblichina infetta.

  9. Patrizio Romano ha detto:

    L’ha ribloggato su Il Populista Regginoe ha commentato:
    Non toccate Rutilio Sermonti.

  10. Solitorompiscatole ha detto:

    Chi ha letto, anche superficialmente, i sui scritti, ed ha ascoltato i suoi discorsi, come me, non può che provare la massima repulsione per il vergognoso trattamento al quale viene sottoposta questa stupenda figura di Italiano Vero, Milite indomabile, Fecondo Scrittore, Idealista Coraggioso ed Innovativo, Esempio di Disinteresse e Rettitudine. IL NOSTRO ONORE SI CHIAMA FEDELTA’.

  11. Alter ha detto:

    Al di là della vicenda umana dei personaggi carcerieri e carcerati (ad esclusione del grande Rutilio), di questa sconclusionata vicenda italiotide, appare sempre piu’ chiaro l’orizzonte degli eventi futuri che segneranno l’inevitabile rinascita della Nazione Italia.

    Rinascita della Nazione Italia, che si concretizzerà dopo la completa Autodistruzione della repubblichina del 2 giugno.
    Autodistruzione che i solerti gnomi partitocratici napolitanberluscorenziani, stanno entusiasticamente implementando a tappe forzate:
    Nuovo Presidente “superpartes”
    Riabilitazione del Cavalier Banana.
    Riproposizione dei solito vecchiume, dei soliti marcescenti vecchi temi di fine secolo scorso, riforme costituzionali, privatizzazioni, europeismo fideistico, definitiva cessione della sovranità nazionale, leggi ad personam, presidenzialismo, federalismo, immigrazione, finanziamento pubblico, riforma delle pensioni, riforma del lavoro, riforma della P.A. riforma della magistratura, riforma elettorale, etc, etc. etc, etc.
    Esattamente tutto il logoro ciarpame demagogico d sempre, che gli Italiani non sono piu’ disposti a rivivere.

    Spazzate via le ceneri della repubblichetta infame, ecco che finalmente – e dopo settant’anni di ferma attesa – si edificherà la Nazione Italia.

    Quel che gli Uomini Liberi – gli Italiani Risorti, possono oggi fare, è agevolare la caduta del regime infame.
    Quel che gli Uomini Liberi – gli Italiani Risorti – possono fare, singolarmente ed in gruppo, è amplificare, incanalare le onde del maremoto, dello Tsunami storico che, inesorabile, flagella quel che resta del relitto della infame repubblichetta alla deriva.

    Strategie politiche, comunicazionali, culturali, sociali, operative intelligenti; chirurgicamente efficaci contro il cancro mafioso partitocratico centrodestrosinistro.

    I patetici proclami “facebucchiani”, che dirottano i soliti 4 patetici lobotomizzati di destra sulle solite “Gladio”, trasformandoli in zombie radiocomandati dalla sala operazioni del Viminale, li lasciamo volentieri a Lorsignori.

  12. Eugenio ha detto:

    Ci vorrebbero1000 Sermonti e magari riusciamo a scardinare questo sistema di corrotti e corrotto.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...