IN RICORDO DEL COMANDANTE.

sn chavez2Oggi ricade il secondo anniversario della scomparsa del Comandante Hugo Chavez. La sua persona non solo ha rappresentato un forte punto di riferimento per la riscossa sudamericana dall’imperialismo Yankee, ma ha fatto molto di più. Chavez ha riacceso le speranze nei cuori di tutte le nuove generazioni ”nazional-rivoluzionarie”, che aldilà delle immani difficoltà non si sono mai arrese, né intendono arrendersi alla logica dell’attuale sistema mondialista e schiavista.  Egli ha illuminato il cammino e la via da seguire ancora oggi come ieri.  Egli ha dimostrato ancora una volta, di fronte alla storia e al mondo che la dottrina del Socialismo Nazionale, aldilà di tutte le sue possibili sfaccettature, rimane oggi più che mai l’unica alternativa valida e realizzabile di fronte ai due sistemi fallimentari e ormai superati del ”liberal-capitalismo” da un lato e del ”marxismo leninismo” dall’altro. 

I nostri programmi politici sono molto più attuali di quelli progressisti o reazionari delle sinistre e delle destre italiane;  la ”Rivoluzione Bolivariana” concepita e realizzata in questi anni dal Venezuela di Chavez ha confermato le nostre tesi.

Con il Comandante Hugo Chavez, ricordiamo tutti i caduti delle Rivoluzioni Nazionali, e nel loro nome, nella loro memoria, Noi oggi rilanciamo la nostra battaglia sociale per la difesa della comunità nazionale, la battaglia degli Uomini Liberi, l’eterna lotta del Sangue contro l’oro. ONORE AL COMANDANTE HUGO CHAVEZ!!
G.C.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Comunicati e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

7 risposte a IN RICORDO DEL COMANDANTE.

  1. Alter ha detto:

    Yankeesion opera cosi’ da piu’ di un secolo:
    Attraverso l’eliminazione fisica degli avversari; dei Capi di governo delle Nazioni indipendenti del Mondo.
    Capi e Nazioni sovrane; considerati “ostacoli da rimuovere” sul cammino globale della bestia massonica di Capitol Hill.
    Capi da “rimuovere”; Nazioni sovrane da ridurre in Colonie subordinate alle strategie economico-politico-militari di White House, Pentagon e Wall Street.

    Due, ed indimenticabili, I Giganti che per primi si opposero alla bestia massonica: Benito Mussolini e Adolf Hitler.
    Giganti che hanno indicato La Strada a tutti gli altri Patrioti indipendentisti.
    Nasser, per primo, trasse da essi strategie per le proprie ispirazioni indipendentiste.

    Saddam, Arafat, Chavez, Gheddafi: questi i nomi dei Patrioti nazionalisti indipendentisti, eliminati fisicamente nel secondo dopoguerra.
    Putin, Assad, Maduro: questi i nomi di quelli posizionati sulla micidiale linea di fuoco di un quadruplo, criminale attacco mediatico, politico, economico, militare.

    La Caratteristica fondamentale di tutti questi Patrioti era, ed è la fiera, instancabile opposizione alla dominazione, allo Staus Quo massonico sionista del “Falso Occidente” usuraio transatlantico.
    In Italia, al momento non si scorge ancora la presenza di una simile Personalità patriottica unificante.

    NOI esistiamo ed agiamo per questo Fine Ultimo: contribuire a determinare la Nascita, o meglio la Rinascita, di una simile Personalità patriottica.

  2. luiginox ha detto:

    per opporsi all’impero che parassita il globo terracqueo occorrono grandi leader ed una potenza militare che intimorisca.nel caso di putin questi requisiti sono presenti.negli altri casi gli usa hanno giocato come fa la gatta col topolino.in semplici termini per contrastare vigorosamente i plutogiudaicomassoni devi avere armi nucleari , vettori transcontinentali e due attributi così.

  3. Alessandro Pizi ha detto:

    Chávez: Con la forza della verità, che è la più grande forza, insieme con amore, dignità e morale, sconfiggerà abusi imperiali. PRESENTE!

  4. STELVIO DAL PIAZ ha detto:

    Beati i popoli che hanno condottieri coraggiosi !

  5. Salutiamo Sempre La Vittoria ha detto:

    Onore al Comandante Hugo Chavez
    Presente!
    Onore al Socialista Hugo Chavez
    Presente!
    Onore al Compagno Camerata Hugo Chavez
    Presente! Presente! Presente!

  6. stinchione ha detto:

    RICORDIAMO SEMPRE CHE LA SOCIETA’ SI ADEGUA SEMPRE ALLA POLITICA DI CHI DETIENE CON DETERMINAZIONE SOLO POCHE LEVE DEL POTERE. LA DIMOSTRAZIONE è DATA OGGI PROPRIO DAL POTERE USURAIO CHE COMANDA NELLE VARIE UNITà LINGUISTICHE ( non più Stati) DELLA IPOTETICA UNIONE EUROPEA ATTRAVERSO ALCUNI PALESI BURATTINI AI QUALI DIFFICILMENTE QUALCUNO OSA OPPORRE UNA QUALSIVOGLIA FORMA DI CONTRASTO. E’ DIFFICILE CHE LO SCONTRO FRONTALE POSSA AVVENIRE O, PEGGIO RISOLVERE I PROBLEMI CONTINGENTI DEI RAPPORTI DI FORZA. RICORDIAMOCI LA GRANDE POLITICA DI GIULIO CESARE. Molto più politico che condottiero).

  7. Giovanni Spiller ha detto:

    luiginox ha detto:
    5 marzo 2015 alle 12:43 pm
    per opporsi all’impero che parassita il globo terracqueo occorrono grandi leader ed una potenza militare che intimorisca.nel caso di putin questi requisiti sono presenti.negli altri casi gli usa hanno giocato come fa la gatta col topolino.in semplici termini per contrastare vigorosamente i plutogiudaicomassoni devi avere armi nucleari , vettori transcontinentali e due attributi così.

    Io rispondo,
    sul territorio italiano c’è tutto ciò, basterebbe farlo nostro con un blitz riappropindoci la sovranità,
    impedendo l’espatrio a tutte le famiglie con più di cinque milioni di euro potremmo far rientrare i loro capitali e socializzarli,
    e arruolando obbligatoriamente per tre anni tutti gli immigrati clandestini avremo risorse umane per un esercito consistente da utilizzare ovunque necessiti.
    Ciao Giovanni

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...