IL REGIME DEMOCRATICO ITAGLIANO

libertà espressioneApprendiamo della triste vicenda di un nostro tesserato la cui situazione è stata anche presentata agli organi di stampa (QUI  la notizia riportata da Il Giornale). L’intera organizzazione politica di Unione per il Socialismo Nazionale esprime la sua vicinanza a Luigi Tosin e chiede fermamente agli organi preposti che venga fatta ampia luce e massima chiarezza su una vicenda alquanto strana soprattutto nella sua “consecutio” temporale. La situazione lavorativa della Comunità Nazionale è già ampiamente precaria e non necessita di “ulteriori dubbi” ma della tutela della persona, della sua dignità e delle sue idee. Quella che noi definiamo da tempo “ITAGLIA” si regge su un sistema di governo che, autodefinendosi democratico dal 1946, dovrebbe tutelare i suoi cittadini.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Comunicati e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

6 risposte a IL REGIME DEMOCRATICO ITAGLIANO

  1. Anonimo ha detto:

    SOLIDARIETA’ AL CAMERATA, IL SINDACO SI VERGOGNI!

  2. Compagnoincamicianera ha detto:

    Solidarietà al sig TOSIN.

  3. STELVIO DAL PIAZ ha detto:

    Il sindaco di Vicenza, con questo provvedimento persecutorio contro il bravo Tosin, crede di poter compensare la sua frustrazione per essere, non il primo cittadino della nobile città di Vicenza, ma un modesto ” vassallino ” della base NATO di una città occupata militarmente. Piena solidarietà al nostro Tosin, uomo probo ed onesto lavoratore oltre che ITALIANO di stirpe ITALICA

  4. Maurizio Canosci ha detto:

    Camerata Tosin, NON SEI SOLO ! Il vassallino di una base Nato che ha completamente travisato l’incarico che ricopre invece é veramente poca cosa !
    Il Presidente USN-RSI

  5. Alter ha detto:

    Contro le intemperanze dei sindaci ci sono i sindacati; sicuro usbergo dei lavoratori…

    Le “ripicche” di un sindaco nei confronti di dipendenti comunali scomodi, sono abbastanza frequenti.
    Ma le iniziative dei “primi cittadini” devono in qualche maniera riportare sempre ai regolamenti sindacali generali.

    Ma immediato sorge un dubbio amletico antifascisticotesticolistico: Il sindacato aiuterà il Lavoratore Discriminato, o si farà docile strumento delle velleità partigiane del galoppino della Signora Michelle Obama e delle di lei figliole?

  6. Alter ha detto:

    A proposito di Vicenza.
    La città di Vicenza (con grande soddisfazione del sindaco e dei suoi clienti elettori), è occupata militarmente dai contingenti statunitensi di Africom.

    A settembre anche la portaerei Cavour verrà occupata dai di gruppi di volo e da sbarco dei Marines yankee che rispondono ad Africom.
    Nave Cavour verrà trasformata nella loro base logistica nel Mediterraneo: completamente svincolata dalla residua “sovranità” nazionale, totalmente assoggettata a quella di Africom e della Nato.

    Non occorre essere indovini per immaginare che, da settembre in poi, nulla di quanto ordito dalle forze di intervento rapido statunitense in Nord Africa, andrà a vantaggio degli interessi strategici dell’Italia nel Mediterraneo.

    Ma Teo da Scandicci non si interessa di questa banale questione marginale; ha lasciato il compito alla prof. Pinotti.
    Molto più importante tenere una logorroica “Lectio magistralis” pardon “rentialis” a Berlino…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...