C’E’ DA FARSI UNA RISATA !?

FB_20150710_14_21_45_Saved_PictureAbbiamo rivisto uno scorcio della manifestazione di Milano in cui scesero in piazza unitariamente la Lega e Casa Pound. Ognuno dei due gruppi con le rispettive bandiere e con gli striscioni che tanto folklore fanno in queste occasioni. A volte però l’immagine è impietosa e può dar luogo a riflessioni che spesso mettono in ridicolo gli stessi manifestanti. Nell’occasione ricordata fanno spicco due grandi striscioni cosi concepiti: ” Italia di merda – SECESSIONE ” – ( inutile precisare a chi attribuire tale incitamento ); ” Prima gli italiani ” è scritto a grandi caratteri nell’altro striscione di chiara marca “fascioterminale”. Ma non basta ancora perchè sullo sfondo fa bella figura il messaggio pubblicitario di un’acqua minerale notoriamente diuretica. Morale: in un’Italia di merda ai bagni pubblici ” PRIMA GLI ITALIANI ” con l’avvertimento igienico che l’ultimo deve tirare la corda. Prosit !

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Commenti e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

8 risposte a C’E’ DA FARSI UNA RISATA !?

  1. Alter ha detto:

    Un gregge borghese resta gregge, anche se indossa l’elmo gallico con le corna.

    Esauriti gli “Stimoli” della campagna elettorale salvinica, oggi tutto è tornato assolutamente identico a prima delle consultazioni: la rivoluzione padana è (ancora una volta) rimandata alle prossimi elezioni.

    Perchè ora verranno celebrate le meritate Vacanze estive per tutti i partitocrati leghisti della bellicosissima Tribu’ celtica dei “Magnamagna” eletti, e i due “cammarati tartarughi” eventualmente assunti come loro portaborse.

    Intanto laggiù al Cairo, un “Qualcuno” (che sà perfettamente come si tratta con il regime mafioso cacasotto itagliotico) ha fatto saltare la facciata del Consolato della repubblichetta partigiana alla parmigiana.
    La repubblichetta al pecorino, potrà unicamente “Trattare”.
    Dovrà cedere quel pò che ancora residua della sua Sovranità internazionale, ed ovviamente Pagare per ottenere una adeguata Protezione.

  2. Alter ha detto:

    Esite un Codice (in parte scritto, in parte no) tra ogni Stato ed i suoi “servitori” in divisa.

    Il Codice o “Patto”, prevede che lo Stato non abbandoni mai gli uomini che manda in giro per il Mondo, a difendere i suoi interessi strategici.

    La repubblichetta fallita – lungo tutto l’arco della sua vergognosissima esistenza – non è mai stata in grado di adempiere a questo elementare Codice di comportamento.

    Quel che è accaduto nel 2011 il Libia, e ultimamente al Consolato del Cairo, sono semplicemente l’ulteriore testimonianza di come gli Stati (ed alcuni Movimenti combattenti), si siano resi perfettamente conto della debolezza intrinseca delle cosiddette “istituzioni” della repubblichetta delle Banane.

    Quindi, Ricatti e “Sfide” internazionali diventeranno sempre piu’ frequenti.
    I renzi ed i salvini (esattamente come i loro colpevolissimi predecessori) non sono minimamente in grado di reagire ad una simile realtà.

  3. Alfredo Ibba ha detto:

    Per la Lega secessionismo e nazionalismo italiano sono 2 marchi da lanciare per guadagnare soldi e posti politici, il marchio da valorizzare dipende sempre dal contesto.

  4. Alter ha detto:

    I “Giochi” diplomatici e strategici che oggi si giocano in Europa e nel Mediterraneo, sono troppo grandi per i due gemelli telequizzaroli Teo&Teo.
    Entrambi possono, al massimo, fare la pubblicità di una acqua oligominerale; qualcosa che fà fare tanta “plin plin”.

  5. Antonio Faro ha detto:

    Camerati, vi seguo da tempo (parecchio) e mai come oggi mi sento un sacco svuotato. Vedo crollare ogni giorno le mura delle mie certezze. Sinceramente tutto mi comincia ad essere complicato, per non dire sfocato, confuso, contorto. Ogni situazione sia essa italiana o straniera rappresenta il contrario di tutto (dall’ISIS alla crisi greca e ucraina). E per questo voglio almeno avere una visone chiara (quanto mai possibile) tra il vostro pensiero e quello di Casa Pound. Quali sono i punti in comune con quella comunità e soprattutto quelli di contrasto (L’alleanza con la destra sionista di Salvini e Le Pen? La partecipazione ai ludi cartacei?). Vi prego di non leggere tra queste righe la benchè minima voglia di fare polemica, anzi. Voglio capire solo capire.
    Vi saluto romanamente.

  6. STELVIO DAL PIAZ ha detto:

    Riflessione dedicata ad ANTONIO FARO. La differenza è sostanziale non solo sul piano tattico ( cioè la partecipazione ai ludi cartacei nel momento in cui la politica italiana è eterodiretta dall’esterno e ciò impedisce la reale partecipazione decisionale del cosiddetto “popolo sovrano ” ); diventa strategica nel momento stesso in cui si interpreta il ” fascismo ” come ideologia spendibile in un contesto statuale strutturato in funzione di un antifascismo come dogma indiscutibile, irreversibile, e come ideologia fondante della repubblica. Il Fascismo è un ordinamento ideologico-dottrinario realizzabile soltanto in uno stato organico ad organizzazione corporativa in cui i mezzi di produzione siano socializzati ed in cui l’obiettivo sia quello della creazione dello Stato Nazionale del Lavoro. Il “fascismo a tesi” cioè, la possibilità di prendere pezzi ( per esempio il concetto di nazione, oppure la socializzazione delle imprese, oppure il patriottismo, il concetto di popolo come comunità nazionale, il sentimento di come la terra dei padri e quindi il dovere di difenderla con onore, ecc. ) di una organizzazione che si fonda viceversa sulla “organicità”, tutto può essere fuorchè “fascismo”. Quindi al di là delle buone intenzioni dei militanti , gli stessi ( ma soprattutto i loro ) devono chiaramente rifiutare di qualificarsi o di essere qualificati come “fascisti”. La realtà è questa e ogni adattamento ai tempi può anche essere giustificato, partendo però dalla verità storica per cui ogni riprosizione di esperienze del passato diviene solo una farsa. Per ora si tratta solo di sentirsi profondamente appartenenti alla Patria, vivere concretamente come comunità identitaria e lavorare per tenere accceso il FUOCO DI VESTA. Verrà il giorno della RINASCITA DELLA PATRIA ED ALLORA IL NOSTRO BAGAGLIO IDEOLOGICO DOTTRINARIO CI SERVIRA’ PER RICOSTRUIRE LO STATO NAZIONALE DEL LAVORO. Tutti gli altri, nessuno escluso, stanno fallendo ! In alto i cuori !

  7. Antonio Faro ha detto:

    Molo chiaro. Grazie camerata!

  8. elTode ha detto:

    spero nel frattempo Venezia e i Veneziani siano in salvo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...