COMUNICATO DEL XIII.VII.2015

ernst VON SALOMONQuanto emerge dalla nottata di “eurolandia” dimostra che il problema adesso è politico e il “debito” è solo strumento di pressione e ricatto; quello che è accaduto nelle ultime ore ha messo in piedi il principio che i “creditori” esteri possono “pignorare” beni demaniali nazionali che – nelle legislazioni nazionali – sono giuridicamente impignorabili e inalienabili. Per esempio: porti, aeroporti, beni culturali, musei, spiagge, della cui eventuale alienazione a privati o altri stati, il ricavato solo un quarto sarebbe destinato alla nazione proprietaria. Dal gennaio 2016 entrerà poi in vigore il trattato del “fiscal compact ” che è la mazzata finale in una economia fragile come quella italiana. La Grecia non ha ottenuto solidarietà perchè i governi degli stati in difficoltà sono nelle mani di coloro che sono stati scelti dagli uisurai. Il caso Italia è tipico: noi abbiamo già dal tempo di Monti un governo non eletto, che ha la fiducia di un parlamento di nominati con una legge elettorale dichiarata incostituzionale. Si tratta di situazioni giuridico-istituzionali mai viste nella storia dell’era moderna. A tutto questo ci si dovrebbe opporre ormai con una lotta di popolo distante anni luce dalle melassa elettorale a cui tutti ambiscono invece partecipare secondo convenienze e schemi predisposti dall’usura internazionale ma per farla questa lotta occorrerebbe un “popolo” che non esiste più.

Per quanto ci riguarda – fino a che ci sarà consentito (ma pure se non lo fosse !) – Noi continueremo ad essere gli scomodi Uomini Liberi catalizzatori di una Comunità Nazionale che DEVE  sopravvivere in qualunque caso e condizione per avere la speranza di rivedere un’alba.

E siamo pronti ad unirci a tutti i Patrioti d’Evropa una volta ancora per combattere fino alle estreme conseguenze.

Boia chi molla !

M.C.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Comunicati. Contrassegna il permalink.

37 risposte a COMUNICATO DEL XIII.VII.2015

  1. Alter ha detto:

    Stanotte, dai primi dati emersi, pare che Tsipras e compagni abbiano definitivamente consegnato la Grecia nelle mani del Carnefice.
    Alla fine il referendum ellenico si è rivelato essere solamente “Tanto rumore per Nulla”.

    Che oggi questo “Carnefice” sia un Direttorato costituito da un paio di Stati europei – piuttosto che la Cupola usuraia costituita dai soliti Banchieri internazionali – cambia ben poco la natura profondamente immorale assunta dalle cose del vecchissimo continente Europa.

    Oggi, 13 luglio 2015, la Grecia ha probabilmente firmato la sua definitiva resa incondizionata alla Germania.
    Ma una nuova Versailles (stavolta al contrario, perchè assieme alla Grecia vi partecipa in veste di nazione sconfitta anche l’Italia) non può che preparare un’altrettanto nuova devastante Tragedia continentale.
    E sarebbe la Terza, in un secolo.

    Il focolaio bellico costituito dalla crisi Ucraina non bastava: occorreva raddoppiare la posta infilandoci dentro anche la Grecia.

  2. Alter ha detto:

    E dopo la repubblichetta greca – che almeno fà la cortesia ai suoi derelitti sudditi di andare a successive, quanto inutili Elezioni e Referendum – ora tocca alla repubblichetta antifascista nata morta il 2 giugno 1946…

    La repubblichetta “partigiana”, quella che ha vissuto alla grandissima il settantennio di totale parassitismo partitocratico paramafioso, dovrà svendere, come la Grecia, importanti “Assets” nazionali se vorrà rientrare da quel demenziale “Fiscal Compact” che ha incoscientemente firmato, ai danni dell’Italia e degli Italiani.
    Inghilterra ed Usa, si sono ben guardate dal commettere un simile suicidio…

    Ma che je frega ai renzi, ai monti, ai letta, ai mattarella; all’intera famiglia napolitano del “Fiscal Compact” cui hanno condannato l’Italia e gli Italiani?
    Lorpapponi stanno appollaiati sulla Torre del privilegio.

  3. STELVIO DAL PIAZ ha detto:

    In queste ore stiamo leggendo in anteprima tutto quello che il paese Italia dovrà subire dal prossimo gennaio 2016. Questa la realtà che tutti cercano di nascondere. Anche nella ricerca dei responsabili e delle responsabilità sulla medicina amara che il popolo greco dovrà comunque ingollare, occorrono alcune precisazioni di carattere storico : l’atteggiamento della Germania e dei suoi attuali governanti-vassalli è dovuto al fatto che la Germania è ancora in stato armistiziale ( non è stato mai firmato un trattato di pace ! ) e tutto il suo apparato è il risultato di questa situazione anomala; da ciò ne consegue che gli attori veri sono sempre i ” soliti noti” unti dal “signore” che hanno ripreso in mano le leve economico-finanziarie pre-avvento del nazionalsocialismo al potere. In tale contesto diventa addirittura patetico, per esempio, il comportamento del ministro delle finanze finlandese la cui economia può contribuire al famoso PIL europeo solo attraverso l’esportazione delle zanzare. Boia chi molla !

  4. STELVIO DAL PIAZ ha detto:

    Con le precisazioni di cui sopra non voglio assolutamente giustificare il comportamento nè di Frau Merkel nè del diversamente abile in carrozzina ( che mi ricorda tanto un altro personaggio altrettannto diversamente abile le cui responsabilità storiche sono ricollegabili senza soluzione di continuità con il disastro attuale ! )

  5. Luigi Maria Ventola ha detto:

    Roosevelt?

  6. lupoalfa ha detto:

    Exactly !

  7. STELVIO DAL PIAZ ha detto:

    L’ex ministro delle finanze greco Vaourofakis si dissocia nettamente dall’accordo e afferma che il contenuto del diktat ha le stesse componenti punitive del ” trattato di Versaglia ” e provocherà prima o poi le stesse conseguenze negative. Il giornalista del ” Messaggero ” colloca il trattato di Versaglia alla fine della 2a guerra mondiale. Non per niente la stampa italiana è collocata al 65° posto a livello mondiale. Questa analisi i giornalisti italiani pronti a giudicare tutti non la fanno mai !

  8. Resistenza Nazionale all'Usura Internazionale ha detto:

  9. Alter ha detto:

    Mentre gli itaglioni esultano per la vergognosa resa incondizionata della Grecia, il Debito Pubblico che la repubblichetta antifascista fallita infligge da decenni all’Italia ed agli Italiani, è cresciuto di 23.4 miliardi in un solo mese…

    La Grecia è stata “crocifissa”, questo il termine utilizzato da alcuni personaggi presenti al Processo di spartizione della Spoglie della povera Nazione ellenica; Ora tocca all’Italia.

    Un consiglio umanitario quindi:
    Tutti i criminali partitocrati itaglioti (sia i vecchi che i nuovi) che hanno contribuito al Disastro della Nazione Italia, acquistino con urgenza un biglietto areo cumulativo di sola andata per Bruxelles; perchè la repubblichetta criminale di tutti Lorpapponi affonderà in un bagno di sangue.

  10. STELVIO DAL PIAZ ha detto:

    Da anni NOI abbiamo lanciato il messaggio della verità: quella imposta dai vincitori della 2a guerra mondiale è la ” democrazia ” senza DEMOS. L’episodio Grecia ha messo a nudo la verità: l’unica democrazia che conoscono gli usurai è la filosofia del Marchese del Grillo: io so io e tu “popolo ” non conti uin cazzo !

  11. anonimo veneziano ha detto:

    Solo una breve postilla per l’estensore dell’articolo: verissimo che abbiamo governi “non eletti” dal 2011… ma per chi predica il “non voto” dovrebbe essere un fatto positivo… In realtà i disertori dovrebbero tacere… Eja…

  12. STELVIO DAL PIAZ ha detto:

    La contraddizione non esiste solo se il signore “anonimo” tenesse conto che noi facciamo anche cronaca ed è un nostro diritto fare delle ” constatazioni “. Smentisca che le cose non sono quelle descritte se proprio vuol fare polemica !

  13. Alter ha detto:

    Che il rito del Voto serva unicamente a tenere buone le miti Pecorine del gregge elettorale (allungando il brodino demopopulista di quel pò che di volta in volta serve) lo ha ampiamente ridimostrato la Grecia.
    Nel caso del Rito elettorale, NON esiste alcuna eccezione alla Regola; esiste solo la Regola.

    Il Mandato che il Popolo greco si è disperatamente impegnato a conferire a Tsipras, è stato totalmente inutile.
    Ed in piu’ – a sentire le ultime dichiarazioni negative della grande usuraia Cristella Lagarda – cotanta calatura di brache tsiprasesca, non servirà minimamente a garantire un minimo esisto positivo alle Povere Vittime dell’ultimo delitto dei nuovi Pirati di Versaglia.

    Del resto (ma molto piu’ in piccolo e ridicolmente), alcune tra le stesse fedelissime Pecorine elettrici venete si sono già accorte di quale Pastafrolla siano composti i loro rieletti Pastori papponi.

    Le città del Veneto – tipo le ex serenissime Eraclea o Padova – sono invase dai migranti economici magrebini, ed i pastafrollici populisti Papponi salvini, zaia o bitonci (as usual) hanno lasciato i veneti completamente in balia degli eventi africani.
    L’ordinanza comunale bitonciana “No Camping”, fà sbellicare dalle risate tutti i moretti d’Africa, che in massa hanno invaso l’ex città del Santo, oggi città del Kaos.

    I pastafrollici Papponi leghisti (se fossero gente seria con un minimo di senso dell’Onore) dovrebbero dimettersi in blocco, per manifesta incapacità sistemica, e passare decisamente all’Ippica.
    Salvini, zaia, bitonci e tutti gli altri peracottari “Ruspisti”, sono Pastafrolla leghista – colpevole quanto inetta – incapace di mantenere quanto demagogicamente promesso alle proprie bastonatissime Pecorine elettrici.

    A tutte le Pecorine elettrici leghiste un caldo saluto: Alla’ Akbar Padanyija!

  14. anonimo veneziano ha detto:

    Nooo, ma che dici Alter..gli invasori del Veneto sono tutti pericolosi ebrei…non c’è nemmeno un musulmano….

  15. Alter ha detto:

    “ll Carroccio ha beneficiato di tutte le leggi sui contributi elettorali statali. Dal 1988 al 2013. Dal fondatore Umberto Bossi al nuovo leader Matteo Salvini. Passando per Roberto Maroni. Eppure il partito ora ha le casse vuote. E vari processi aperti per le spese pazze dei suoi vertici

    Dalla Lega Lombarda alla Lega Nord, transitando dalla prima alla seconda repubblica a suon di miliardi (di lire) prima e milioni (di euro) poi generosamente elargiti dallo Stato. Dal 1988 al 2013 sono finiti nelle casse del partito fondato da Umberto Bossi e oggi guidato da Matteo Salvini, dopo la parentesi di Roberto Maroni, 179 milioni 961 mila euro. L’equivalente di 348 miliardi 453 milioni 826 mila lire. Una cuccagna, sotto forma di finanziamento pubblico e rimborsi elettorali, durata oltre un quarto di secolo. Ma nonostante l’ingente flusso di denaro versato nei conti della Lega oggi il piatto piange. Ne sanno qualcosa i 71 dipendenti messi solo qualche mese fa gentilmente alla porta dal Carroccio. Sorte condivisa anche dai giornalisti de “La Padania”, storico organo ufficiale del partito, che ha chiuso i battenti a novembre dell’anno scorso non prima, però, di aver incassato oltre 60 milioni di euro in 17 anni”…
    (ilfattoquotidiano.it)
    13-4-2015

    Troppi elettori veneti e lombardi credono ancora in questa criminale Banda Bassotti.
    Ma gente del genere non è in grado di amministrare onestamente nemmeno un condominio.

  16. Alter ha detto:

    Ancora sulle corruttive Elezioni ed i corrottissimi Eletti:
    Nello Formisano dell’Italia dei Valori (mobiliari ed immobiliari), la creatura esangue dell’ormai dematerializzato Tonino Dipietro; assieme ad un ex leghista ed un paio di fuoriusciti grillini, vuole costituire la zeppa di supporto al “Governo” renzi.

    Questo Manipolo di eroici Contractors elettorali, affiancherà Verdini (ex Fi) nel sostegno (molto interessato) al regime partitocratico di Renzi.
    Gli “Eletti” (anche quelli leghisti) amano saltellare di partito in partito, in base alle convenienze economiche personali.

  17. Alter ha detto:

    Grandi avvenimenti epocali in Grecia.
    Minuscole battaglie “antifasciste” nella terra dei cachi.
    Teo il leghista è contro la Canapa?

    Ricordiamo il Passato:
    “La Canapa, per eccellenza autarchica, è destinata ad emanciparci quanto più possibile dal gravoso tributo che abbiamo ancora verso l’estero nel settore delle fibre tessili. Non è solo il lato economico agrario che ci interessa, ma anche il lato sociale la cui incidenza non potrebbe essere posta meglio in luce che dalla seguente cifra: 30.000 operai. ”
    Benito Mussolini.

  18. Alfredo Ibba ha detto:

    Alla fine il proibizionismo contro la canapa è inutile perché tanto se vuoi quegli effetti li trovi con piante che crescono spontaneamente in campagna, ai bordi delle strade e pure in cortile.

  19. Alter ha detto:

    Negli anni del “Male Assoluto” l’Italia era il secondo produttore mondiale di canapa.
    La capacità tessile nazionale ed il gusto per il bel vestire, che renderanno l’Italia famosa nel Mondo, nascono in quegli anni incredibili; cosi’ Fondamentali per lo sviluppo della Nazione Italia.

    Quella che in questi decenni di superstiziosa decrepitezza morale e cerebrale, viene vista solamente come una piacevole piantina da “Sballo” borghese, o una peccaminosa pianta del “Diavolo”, in realtà è una utilissima coltivazione che ha contribuito a rendere importanti i comparti economici tessili e dell’abbigliamento italiani.
    Tutta roba dimenticata, superata, ora che l’Italia non produce piu’ alcunchè di suo.

    I Criptotesticoli “progressisti”, i Partitocrati col cervello bruciato dalla coca, che stanno decidendo se permettere ad altri testicoli (col cervello bruciato dalla coltivazione intensiva della stupidità “antifà”) di farsi una “canna”, come sempre si limitano al risvolto populistico ed elettorale della questione: l’unico che interessi veramente Lorpapponi.

  20. Anonimo Veneziano ha detto:

    Sono stato recentemente in Lettonia, a Riga, e vi riferisco di aver trovato il mio Hotel pieno di marines amerikani, l’aeroporto civile di Riga pieno di velivoli da trasporto usa e camions a stelle e strisce che girano per la città. Trovo che questo evidente accerchiamento della Russia da parte degli yankies sia davvvero indicativo della schiavitù a cui sono sottoposti i paesi Nato. Io sto con Putin di fronte alla criminale strategia della Nato.

  21. Alter ha detto:

    Non solo i “Marines”.
    A “proteggere” i cieli dei tre minuscoli paeselli baltici (che diplomaticamente contano molto, ma molto piu’ della repubblichetta fallita) dalla presunta “aggressione” russa, ci sono i velivoli italiani Thypoon.
    La repubblichetta colle pezze al culo, consuma i suoi limitatissimi assetti strategici terrestri e aeronavali, nei giochini di guerra di Zio Sam Obama contro un paese europeo amico; la Russia.

    Nel frattempo i “confini” nazionali italiani vengono attraversati in lungo e in largo da fiumane di criminali senza umanità, e disperati senza futuro.

    Stranissimo il concetto di “Difesa” della repubblichetta antifà; quella con le brache perennemente calate.

  22. nota1488 ha detto:

    Certo che in tutto il panorama comunistoide europeo quelli che parlano in italiano sono la peggiore feccia pro-UE e anti-nazionale che ci sia in giro. Non per niente sono gli unici che ancora acclamano il fantoccio tsipras e vanno in giro con cartelli OXI. Dire che sono ridicoli è troppo riduttivo. Mai vista una peggiore feccia grottesca, un governo Socialista nazionale dovrebbe privarli della cittadinanza e di tutti i diritti di cui godono le persone normali.

  23. STELVIO DAL PIAZ ha detto:

    Non dobbiamo privare a nessuno la libertà di dire e sostenere sciocchezze; in una situazione normale, in uno Stato nazionale, si emarginano da soli. Il dramma nasce quando lo Stato non esiste e la maggioranza dei cittadini crede ancora che gli eserciti alleati abbiano ” liberato l’Italia “. Morale:
    in una repubblichetta delle banane le ” sciocchezze ” sono alla base del sistema che si alimenta di questo materiale. Tutto quì !

  24. Cursus Honorum ha detto:

    Sarebbe opportuno osservare alcune cose a livello strategico geopolitico.

    1) intercettazioni della NSA in Germania segno che non si FIDANO. Quindi facciamo sempre attenzione a sputare sulla Germania, in quanto gli usa temono l’asse PARIGI ROMA BERLINO MOSCA
    2) Obama dopo Castro, riesce ad accordarsi (per ora) anche con l’Iran, mossa che va nella piena direzione multipolare, ed ha fatto pure incazzare il caro Bibi.
    3) Putin si reca a casa Saud (questo in pochi l’hanno vista).
    4) I Brics sono 2/5 composti da Sudditi della Regina, India e Sudafrica.

    Il vero nemico non sono le Nazioni o la Germania, ma l’usura e quindi DRAGHI e non Schauble.

    cari saluti
    r.

  25. Alter ha detto:

    Ora sui “midia” asserviti al devastante multiculturalismo assimilazionista, è tutto un accusare la Frau Merkel di avere fatto piangere una povera bimba…
    Ma la Frau, da persona responsabile qual’è, ha semplicemente ribadito un concetto molto semplice e condivisibile: “Non possiamo accogliere tutti”.

    Invece nel “Paisiello” dei Populisti con la pancia piena – quello dei renzi, boldrini e bergoglio – si blatera l’esatto contrario:”Dobbiamo accogliere tutti”.

  26. STELVIO DAL PIAZ ha detto:

    Il nemico è l’EURO, cioè la moneta creata dal nulla che viene prestata agli stati nazionali al valore facciale più interessi, interessi che così calcolati, sono vera e propria USURA. Il più interessato a sistemare in qualche modo gli affari con la Grecia era proprio il sig. Draghi la cui faccia era emblematica della sua paura. Se saltava l’accordo, veniva rimessa in discussione l’euro zona della quale non fanno parte molti altri stati nazionali che, viceversa, fanno parte dell’U.E. ma, altra vergogmsa anomalia, usufruiscono ugualmente del ” SIGNORAGGIO ” sull’euro. L’euro non è una “moneta” nel suo significato originario di strumento per favorire gli scambi; l’euro – da questo punto di vista – è addirittura la negazione della moneta è una ” NON MONETA ” ; l’euro è un’ARMA bellica più devastante della bomba atomica perchè riesce ad impossessarsi dei beni e delle ricchezze degli stati nazionali senza colpo ferire; si tratta di un’invasione invisibile, che – senza rischi per gli invasori – provoca ugualmente devastazione, morti e feriti. La ” sinistra greca ” sarebbe potuta passare alla storia se – una volta avuto il consenso popolare per respingere l’USURA – avesse avuto il coraggio di arrivare fino in fondo. Ma – qualcuno sospetta – che all’interno avesse anche una dose statistica importante di “circoncisi “. Ecco perchè adesso Draghi e il FMI risultano più ” BUONI ” e più disponibili della Merkel: hanno corso il rischio di essere platealmente smascherati.

  27. Alter ha detto:

    Questo pensiero di Stelvio Dal Piaz và incorniciato; portato a definiva Memoria storica.

    Memoria storica di questo Momento di devastante barbarie finanziaria globale.
    Il pensiero del Senator di Socialismo Nazionale và diffuso, anche individualmente (non prima di averne ottenuto il consenso da Stelvio) nel web.

  28. STELVIO DAL PIAZ ha detto:

    Quello che pubblico sul sito USN è a disposizione di tutti come pure mi assumo la responsabilità politica e personale di quello che affermo.

  29. nota1488 ha detto:

    L’Euro infatti è la cosa più anti-tedesca che sia mai stata coniata nella storia, l’esatto contrario di ciò che un Tedesco socialista nazionale ha fatto, 80 anni fa, nel suo paese devastato dalla Santa Comunità Internazionale. Oggi assistiamo all’ennesima marea idiota di odio anti-tedesco da parte di un’umanità inferiore, incattivita e avvelenata, mentre l’usuraio ghignante ridacchia e gongola.

  30. STELVIO DAL PIAZ ha detto:

    Non dimenticate che il ” tedesco ” di oggi fa il pari con ” l’ “italiano ” odierno; sono entrambi formati modello ” USA e getta “. Non si possono fare paragoni di carattere storico-sociale perchè il cambiamentoo antrologico delle popolazioni europee è il risultato di un imastardimento voluto e programmato dai ” soliti noti “. Tutti omologati al ” pensiero unico ” !

  31. Alter ha detto:

    Un Grazie a Stelvio Dal Piaz per la “liberatoria” relativa alla diffusione via web del Suo Pensiero.

  32. Alter ha detto:

    Consiglio di osservare da vicino e con Molta Attenzione, la composizione antropologica delle masse dei “Poveri disperati in fuga da guerre e carestie” che vengono smistati nelle case, nei quartieri delle Città italiane, e nei complessi militari dismessi di tutta la Nazione.

    Il profilo psicofisico è decisamente medio alto:
    Sono giovani africani di sana e robusta costituzione; sono individui di sesso maschile in perfetta forma fisica.

    Li definirei “Atleti” e, dopo averne visti alcuni impegnati a giocare a calcio; di un tipo decisamente professionale.
    Roba da far venire l’acquolina in bocca ai tanti selezionatori giovanili del corrottissimo Calcio itagliotico…

    In questi “Richiedenti asilo” (che secondo i “midia” nostrani fuggirebbero dalle sette piaghe d’Egitto), non si riscontrano assolutamente le caratteristiche tipiche di una Comunità Umana provata dagli stenti, dai lutti, dalla fame, dalle malattie, dalle persecuzioni, dai soprusi, dalle guerre civili e religiose.

    Questi qui sono tutti maschi, giovani, e godono di ottima salute.
    Questi qui, a far la Guerra in Africa, hanno lasciato le madri, le sorelle, le mogli ed i figli.
    Una cosa decisamente NON piu’ credibile.

    Matteo, Angelino, Giorgio, Sergio, Lauretta, Francesco – e tutti gli altri Populisti demagoghi – non la raccontano giusta agli Italiani.

  33. Alter ha detto:

    Chiedo scusa per l’imprecisione; le “Piaghe d’Egitto” non sono sette, ma dieci…
    E tutte e dieci oggi vengono scatenate dalla repubblichetta ladra e assassina, contro l’Italia e gli Italiani.

    La Repubblichetta scafista vuole trasformare gli Italiani in schiavi.
    Per quanto Ci riguarda, NON non vi riuscirà.
    MAI.

  34. STELVIO DAL PIAZ ha detto:

    Infatti io contesto a questi baldi giovanotti neri che scappano dalla ” guerra ” e dai loro ” satrapi ” di rimanere nel loro territorio e combattere per difendere la loro libertà e le loro famiglie. Questo pietismo caritatevole da parte degli “italioti” non ho alcun timore a definire “schifoso” e molte volte anche patetico. BASTA !

  35. Alter ha detto:

    Gli Italiani che hanno visto da vicino i pasciuti ragazzotti equatoriali giunti in Italia, si rendono immediatamente conto che la “Faccenda Immigrazione” puzza in maniera insopportabile.
    Una mega Truffa finanziaria internazionale, organizzata, gestita e protetta mediaticamente ad alto livello.

    Oggi Gli Italiani hanno finalmente preso coscienza che – dietro alla farsa delle “Missioni Umanitarie di soccorso” ai cosiddetti “migranti che fuggono da Guerre e Carestie” – opera industrialmente una efficentissima Organizzazione Finanziaria su larga scala.

    Una criminale operazione miliardaria internazionale, (non solo italo-libica) che vede le Organizzazioni “Scafiste” partitocratiche (quelle che occupano Parlamento e Governo), direttamente coinvolte con quelle operanti in Libia.

    Il Meccanismo è globale; e Chi detta Tempi & Procedure, non si nasconde dietro una palma in Libia; siede in Parlamento a Roma.
    Gli Italiani ne conoscono Nomi e Cognomi.

    E la Magistratura “Indipendente”?
    Invece di indagare (a partire dalle piu’ alte cariche della repubblichetta scafista), chiude i battenti e và in vacanza.

    Si è facili indovini nel prevedere che le Città Italiane passeranno un agosto molto caldo.

  36. Alter ha detto:

    Esiste una “Progressione” innegabile nell’Impantanamento cui il regime partitocratico della repubblichetta antifà, ha infilato l’Italia e gli Italiani negli ultimi 5 anni.

    2011: guerra al regime di Gheddafi; la Libia viene smembrata e cessa di esistere.

    Negli anni a seguire – e fino ad oggi – gli Italiani assistono allibiti al progressivo aumento della Fiumana africana (assolutamente incoraggiata ed assistita dalle Forze Armate della repubblichetta mafiosa) che, con una imponente operazione logistico-economica organizzata dalle “Istituzioni democratiche ed umanitarie “, a supporto oggettivo delle criminali attivita finanziarie delle cosche mafiose italo-libiche; viene prelevata dalle coste nordafricane e portata in Italia.

    Il tutto grazie ad un ricorso a fondi emergenziali e risorse economiche, mai visto nel caso di calamità naturali che abbiano coinvolto le Popolazioni italiane.

    Poi l’accelerazione improvvisa; nel giro di pochi giorni, accadono due Avvenimenti “terroristici” strettamente collegati:
    Prima l’attentato al Consolato Italiano al Cairo, poi il rapimento dei 4 Lavoratori italiani del Compound Eni in Libia.

    “Qualcuno” vuole “Qualcosa” dalla repubblichetta delle banane.
    “Qualcuno” non è soddisfatto di come la repubblichetta opera nel Mediterraneo.
    “Qualcuno” vuole ottenere di piu’.

    La fase “dura”; quella pesante della Partita, è appena iniziata.

  37. Alter ha detto:

    Teo il Populista, è in visita da Mamma Sion.

    Si spera che, tra una genuflessione e l’altra, Teo il Lecchino trovi il tempo per richiedere una “Expertise” agli specialisti di Tsahal.
    Una consulenza di intelligence alle Barbe Finte del Mossad, su come liberare i quattro Lavoratori italiani finiti nelle mani dei predoni, dei Tagliagole nordafricani.

    Tagliagole che hanno chiare “connections” con quella parte di mondo arabo, verso cui Tel Aviv non ha alcun problema a “dialogare” quotidianamente.

    Prima che sia troppo tardi; perchè se i quattro Sventurati attendono il soccorso di Gentiloni e della Pinotti…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...