LA LITURGIA DELL’ACCOGLIENZA.

caseimmigratiQuando le società attraversano la fase della decadenza morale, materiale e spirituale, finiscono per perdere il senso della realtà e – soprattutto – sottovalutano tutti quei segnali e quei fenomeni che accelerano il processo degenerativo finendo addirittura per collaborare, più o meno consapevolmente, al proprio suicidio. Il fenomeno cui vogliamo accennare in questa sede è quello dell’ <immigrazione > che nella realtà è una vera e propria < invasione > di persone, gruppi, etnie e popoli che – dietro una regia di cui conosciamo le origini e gli obiettivi – risponde al disegno mondialista di sottomettere i popoli e le nazioni europee.

Questa cruda realtà viene vissuta dagli europei e in particolare dagli italiani, con la recitazione della < liturgia dell’accoglienza > quale < obbligo > morale non solo di carattere umanitario nei confronti di persone che fuggono da guerre, fame e miseria ( delle cui situazioni territoriali si evita di approfondire le cause e le responsabilità ), ma addirittura come pena di redenzione per reati e delitti commessi dai “progenitori” in anni e secoli passati.

In questo contesto narrativo nasce formalmente e sostanzialmente la < liturgia dell’accoglienza > che siamo tenuti a recitare a corredo e in alcuni casi anche in sostituzione del “ padre nostro “ preghiera fondante della “ religione tradizionale “ o comunque in alternativa a quello che era vissuto come sentimento comune di interpretare la < religione dei padri > su quella stessa terra che si chiama PATRIA quale < TERRA DEI PADRI >.

Tutto questo non va più bene, e chi non accetta – anzi rifiuta – la recitazione della “liturgia“ come pensiero unico irreversibile ed incontestabile, è un egoista, un razzista, fino al punto che è tornato di moda pure l’epiteto paralizzante di “ fascista “ che – ultimamente – era caduto in desuetudine. Il reprobo viene emarginato, insultato, e presto arriveremo pure alla scomunica, non solo civile, ma scomunica ufficiale da parte del “ papato “.

In questa analisi siamo giunti al paradosso proprio accennando al comportamento del <papato> e dei <papisti>. La maggioranza delle truppe che partecipano a questa <invasione> narrata fatalisticamente come “fenomeno naturale” al pari dei terremoti e maremoti, sono di religione musulmana, un tempo religione concorrenziale sulla gestione della parte spirituale dell’umanità con la religione non solo cattolica ma più genericamente “ cristiana”.

Il fenomeno, vissuto in questo contesto fatalistico, epocale ed inarrestabile, gestito con la psicologia onirica della <liturgia dell’accoglienza> alla quale si vuol dare anche una valenza risolutiva del fenomeno, ci ricorda una data storica di tanti secoli fa: 1453 caduta dell’Impero d’Oriente – Maometto II è alle porte di Costantinopoli e i “saggi“ dell’epoca discutevano del SESSO DEGLI ANGELI. La “liturgia dell’accoglienza” ha la stessa valenza!

Vogliamo solo ricordare che Costantinopoli adesso si chiama Istanbul, ma Maometto è ancora lì. E’ chiaro che la Costantinopoli del 21° secolo sia emblematicamente ROMA, come pure sia logico – secondo i piani prestabiliti – che la “liturgia” sia nata e sia praticata in maggior misura nel territorio ITALICO.

Meditate gente, meditate !

Stelvio Dal Piaz

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Attualità Politica e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

16 risposte a LA LITURGIA DELL’ACCOGLIENZA.

  1. Compagnoincamicianera ha detto:

    Buonasera a tutti ed in particolare se mi si permette al Sig Stelvio, il quale con la sua lucidità e capacità di sintesi”toglie”la voce a chi come me vorrebbe dire la sua. Complimenti e grazie.

  2. Alter ha detto:

    Il Progetto immigrativo assimilazionista và avanti a tappe forzate, coinvolgendo l’intero continente europeo.
    E l’Italia ne è ancora una volta (del resto come dubitarne) il Ventre molle; il budello entro cui infilare i nuovi insaccati, i nuovi caotici conglomerati umani.

    Le nuove leve locali dei seguaci del secolare Rito kalergista; i renzi, alfano, boldrini etc. portano avanti il Progetto immigrazionista a tappe forzate:
    Renzi – operando di fatto in stretta sinergia con le cosche mafiose italo-libiche – invia addirittura una flotta militare a raccogliere i migranti economici direttamente sulle coste libiche.

    Alfano scomunica i prefetti che tentennano, che rallentano, che non stanno al passo, che non cooperano in maniera consona al progetto dell’Assimilazione forzata.

    Boldrini catechizza le truppe giornalettare di Corte, informandole che ora dovranno aggiungere una nuova lista antropologica alla Categoria dei Migranti; quella degli Eco-migranti.
    Perchè Unhcr e le varie multinazionali operanti nel Business delle migrazioni, ne hanno inventata una nuova; quella appunto dell’Ecomigrante…
    La Lauretta – da brava portavoce Unhcr – si è immediatamente attivata per darne annuncio alla truppa giornalettistica di Corte.

    Ma ogni Liturgia dogmatica, e quella Immigrazionista lo è, vale esclusivamente per chi ci crede; per i suoi seguaci.
    Questa Religione fianziaria dogmatica, che obbliga i credenti al rispetto del comandamento affaristico dell”Accoglienza “senza sè e senza mà”, Non puo’ essere imposta con la forza alla Popolazione autoctona; agli Italiani.

    Esiste un limite etico, morale, fisiologico, oltre che economico, ad ogni Imposizione di regime.
    E nel caso del Progetto Immigrazionista forzato, questo Limite è stato ampiamente superato.

    Non vale nemmeno piu’ la fatidica minaccia del “Lo impongono i Trattati internazionali”.
    La grande balla cui ricorrono i Pastori, i demagoghi itagliotici quando devono imporre qualcosa di molto dannoso al Gregge itagliotico.

    I “Trattati” vanno stracciati quando nuocciono al Popolo; buttati al cesso.
    E questo è un tipico caso di specie.

    Conseguentemente, la Risposta degli Italiani all’inasprimento del Piano immigrativo forzato, non puo’ che essere la Ribellione.
    Da Ventre molle, in Scudo d’acciaio.

  3. nota1488 ha detto:

    Attraverso la violenza della liturgia immigrazionista, il Popolo, l’ethnos, la Razza, si imporranno di nuovo come soggetto fondante della Storia, dando un nuovo inizio a quelle dinamiche che si sviluppano nel Socialismo Nazionale.

  4. anonimo veneziano ha detto:

    Tutto perfettamente centrato. Bisognerebbe però chiedersi cosa temono di più i “sacerdoti” dell’accoglienza. Non voto o voto x Salvini? La risposta è semplice per chi è intellettualmente onesto. Perdonate l’insistenza. Ma inveire non serve assolutamente a niente.

  5. Alter ha detto:

    Nel 2011 – quando al Ministero degli Interni c’era il leghista Roberto Maroni – vennero importati 24.000 tunisini che nulla avevano a che fare con la guerra in Libia.
    Dalle tv dell’amico Tarak Ben Ammar, Silvio Iscariota – il traditore delle alleanze militari ed economiche appena stipulate con il Col. Gheddafi – lanciava commoventi appelli all’accoglienza ai tunisini, affermando (in perfetto francese) di attendere i migranti “avec total ouverture de coeur”.
    Ed infatti fu’ preso in parola.

    Il Governo dei cialtroni di “destra” – quello sulla cui poltrona di Ministro degli interni stava appollaiato un partitocrate leghista – si attivo’ pur sapendo che tra questi 24.000 fuggitivi, almeno 11.000 erano Carcerati fuggiti dalle prigioni durante la “Primavera” di Tunisi.

    Oggi, i medesimi nefasti leghisti di allora, promettono sfracelli e schianti, e ruspe per tutti. Esattamente tutto quello che non fecero quando erano al governo de “il paese”.

    Oggi zaia e maroni sono Spaventapasseri, sulle cui teste vuote i Merli migranti si accomodano, quando devono liberarsi l’intestino.

    L’ Operazione di evacuazione in grande stile dell’Africa, inizia negli anni in cui governava la lega.

  6. Alter ha detto:

    Dalle futili ciance della campagna elettorale continua dei salvini, verdini, renzi, alfano, mattarella, napolitano e renzi, alla Dura Realtà dei fatti:

    “Senza una significativa accelerazione della crescita, ci vorranno 10 anni alla Spagna e quasi 20 anni a Portogallo e Italia per ridurre il tasso di disoccupazione ai livelli pre-crisi”.
    FMI.

    Lorpapponi, con l’occupazione delle “istituzioni” condannano l’Italia alla miseria; sono nocivi, vanno sradicati dall’Italia, non votati.

  7. STELVIO DAL PIAZ ha detto:

    Dai, ” anonimo veneziano ” se votare per Salvini ti dà sicurezza fallo tranquillamente; che problemi hai ! Leggiti il ” testamento ” di Giananantonio Valli; può darsi che tu trovi la risposta alle tue insicurezze. Per convincere NOI devi trovare altri argomenti: non l’hai ancora capito ? Salvini è una metastasi eterodiretta del sistema. Il “tumore originario ” è fuori dai confini italici. Se non si estirpa il tumore le metastasi si riproducono all’infinito. Solo in questa legislatura sono sorti almeno altri sei paritini con una “emigrazione ” interna al parlamento che non ha mai visto l’eguale. Sveglia !

  8. Alter ha detto:

    Partitocrazia papponica leghista:
    La “Quaglia” Saltamartini (Ncd) salta Algerino Alfano ed entra nella lega ruspista salvinista.
    Nel solco del piu’ spregevole trasformismo partitocratico itagliotico-padano.

    La lega salvinista: Parole&Poltrone.
    Ma fino al 2011, quando erano al “governo” con i ministri bossi & maroni una cosa come quella fatta da Cameron, non hanno mai avuto il coraggio di farla.

    “2 mila migranti nella notte hanno preso d’assalto l’ingresso francese dell’Eurotunnel per raggiungere il Regno Unito. Londra sempre più allarmata. Per discutere l’emergenza il ministro degli interni ha convocato una riunione d’emergenza del comitato Cobra.

    Il primo ministro britannico, David Cameron, ha annunciato che farà “tutto il possibile”:
    “Stiamo lavorando a stretto contatto con Parigi, il nostro ministro degli Interni ha incontrato l’omologo francese. Abbiamo investito soldi per costruire una recinzione a Calais e anche all’ingresso del tunnel a Coquelles’‘.
    Ansa.it

    Mentre il regime itagliota corre a rastrellare migranti economici sulle coste libiche (ed i salvinisti blaterano sotto l’ombrellone), i Leader inglesi e francesi tirano su’ i Muri di Difesa comune.

    Mentre l’Europa percepisce la repubblichetta scafista – e la sua socia in affari; la colomba pelosa vaticana – come inesauribili fonti di guai, gli itaglioti giocano ancora a mettere la X su duo mentecatto Teo&Teo.

  9. Riccardo (comunista nazionale) ha detto:

    Beh, il Sig. Cameron nella migliore tradizione “”thatcheriana”” guarda solo ai suoi interessi, ovvero quelli britannici (anche se non è possibile dargli tutti i torti).
    Più che il figlio di albione, sarebbe piuttosto da prendere ad esempio il tanto vituperato Orban, il quale oltre a difendere la sua Nazione e la propria identità di popolo, dall’invasione islamico/kalergiana, difende costruendo un muro anche i restanti paesi dell’unione.
    Due giorni per proporre, decidere ed approvare. L’Ungheria sta già approntando le proprie difese.
    I nostri “politici” giocano a calcio balilla, sorridono alle telecamere e discutono di matrimoni gay……
    Dilettanti pericolosi ed arroganti, inseguono i propri (per modo di dire, perchè sono interessi di lobby ben precise) obiettivi con una pertinacia e protervia degne di miglior causa.
    Nel frattempo “razionalizzano”, ergo tagliano, la spesa sanitaria a spese della maggioranza della popolazione, cercano immobili da destinare ai “migranti” (clandestini e basta!!!! – vds articolo di Stelvio Dal Piaz) ecc., ecc, ecc.
    Non ho più parole e non so come esprimere il mio sentimento di frustrazione, dopo quasi trent’anni al servizio della Patria.
    Prima o poi qualcuno dovrà svegliarsi e mandare a casa tutto il lerciume che ci governa.
    Camerati e Compagni, A NOI!

  10. Alter ha detto:

    Lorsignori, in settant’anni di regime partitocratico, sono riusciti a confondere le “idee” alla gente; bravi, non c’e’ che dire.

    Ma c’e’ una bella differenza tra “servire La Patria”, e servire la repubblichetta partitocratica ladrona.
    Molti italiani ancora confondono le due cose, in primis gli Uomini delle forze armate e dell’ordine.

  11. Anonimo ha detto:

    compagni di ideali e camerati di trincea….A NOI.

  12. COME SEMPRE ACCADE, nel mentre si assiste ad un lento cambiamento della corrente melmosa ed i più attenti esponenti del Regime hanno già preparato le valigie per saltare sul cosiddetto Carro del Vincitore ( in inglese “Band Wagonning”) nel fronte di chi dovrebbe— e potrebbe—cominciare a pensare ad una occupazione di posti rsi vacanti, si discute e ci si accapiglia. Ritengo che le discussioni siano sempre utili, ma quando la polemica diventa fine a se stessa diventa a cneh un ben calibrato DIVERSIVO. Scrivo perché ho qualcosa da proporre. Poiché pur nel nostro limitato ( siamo in pochi ed abbastanza isolati, ma ci conoscono) ambito d’azione RITENIAMO CHE QUALCHE PUGNO POSSA ESSERE SFERRATO AL SISTEMA, da qualche anno in qua abbiamo deciso di presentare DENUNCE penali CONTRO gli esponenti del Sistema. Certamente si tratta di un impegno NON di poco conto ANDARE A CERCARE TUTTE LE LEGGI ITALIANE E COMUNITARIE stracciate da questi delinquenti. Ma si può fare. E’ così che i nostri cosiddetti SGOVERNANTI sono stati regolarmente denu nciati oltre un centinaio di volte. A seguito delle denunce abbiamo fatto dei VIDEO coi quali abbiamo descritto le denunce, le ragioni delle stesse, e li abbiamo sputtanati di fronte a migliaia di Italyoti. Può sembrare poco, ma sono atti concreti per comiciare ad uscire dalla palude. Altrimenti si chiacchiera. La PRIMA forma di azione è l’AZIONE STESSA che si esplica appunto con l’uso degli strumenti A DISPOSIZIONE. I FORCONI, ad esempio. Se ci fossero un qualche migliaio di italiani che replicassero le nostre denunce, che sono facilmente reperibili su Albamediterranea, il fenomeno sarebbe più vistoso e Lorsignori comincerebbero a preoccuprasi. NON ci vuole molto per uscire dal letargo verbiloquente.

  13. Alter ha detto:

    Controllo Sociale, mi piace definirlo cosi’
    Si puo’ agire – come piccole Api operose – già a livello locale.

    Io l’ho fatto; con denunce alle autorità (dormienti) e passaggi sui “midia” locali.
    Il risultato pratico tende ovviamente allo zero assoluto, perchè Lorpapponi si muovono entro i larghi viali alberati che le Leggi Emmenthal – sapientemente complicate – lasciano loro.
    Il risultato pratico è nullo, ma almeno si smuovono un po’ le acque dello stagno entro cui i pachidermici borghesi itaglioti stanno immersi, sperando nel risveglio di qualcuno.

    Ma occorre NON dimenticare mai la realtà delle cose.
    Questo settantenne Regime partitocratico è un Falsario; un Truffatore incallito che da settant’anni opera indisturbato, secernendo leggi a sua immagine e somiglianza.
    Non è quindi con la carta bollata, che si abbatte questo Regime.

    Chi presume basti denunciare (a norma di legge) le attività criminali della repubblichetta ladra ed assassina, dimostra di non conoscere la “Natura” del suo avversario.
    Gli Italiani, volenti o nolenti, dovranno giungere alla fase della Rivolta; quella in cui si è disposti a rinunciare alla propria vita, pur di cambiare le cose.

  14. STELVIO DAL PIAZ ha detto:

    Per la rivolta è necessario in primis la consapevolezza; i cittadini apolidi che formano la massa indifferenziata degli abitanti di questo paese che si chiama ancora Italia non sono consapevoli di tutto quanto sta accadendo intorno a loro. Sono rassegnati a tutto !

  15. Alter ha detto:

    La “Consapevolezza” negli Italiani stà lentamente crescendo; và sollecitata, incanalata, educata.
    Tempo al Tempo quindi.

    Temporalmente immaginando, siamo grossomodo al 1915; e tutto deve ancora riaccadere.

  16. istorian ha detto:

    Infatti noi Giorgio vi seguiamo costantemente

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...