NOTA

La nostra concezione spirituale della vita  ci porta conseguentemente al rispetto della morte anche degli avversari politici. In morte di Marco Pannella riaffermiamo che le nostra visione del mondo e della società è stata sempre lontana dalle  sue battaglie  definite ” civili “,  considerandolo  – viceversa – come la mosca cocchiera  di quel disegno mondialista e transnazionale disegnato  dalla cupola apolide  e usurocratica. A Lui, comunque, riconosciamo di averci messo sempre la faccia al contrario di tanti suoi apologeti di ieri e di oggi. /USN-RSI

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Commenti e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

4 risposte a NOTA

  1. Alter ha detto:

    Pannella era un egocentrico padre padrone, e lascia il nulla dietro di sè.
    Mediaticamente sempre presente con i suoi digiuni (alcuni politici ne testimoniarono la dubbia consistenza, senza mai venire smentiti) non ottenne mai il voto di massa degli Italiani.

    Negli ultimi vent’anni, ha vincolato il suo “trans-partito” alla visione-gestione di temi specifici particolari, evitando accuratamente di lanciarlo nel mare magnum dei drammatici problemi generali che affliggono la maggioranza “silenziosa” del Popolo Italiano.
    Lui si scordo’ degli Italiani, e gli Italiani lo ripagarono con la moneta dell’indifferenza..

    Da qui la progressiva emarginazione dei radicali da ogni effettivo ruolo nella politica reale.
    Autorelegatosi mediaticamente nel recinto indiano di Radio Radicale, (recinto peraltro lautamente sovvenzionato dall’odiato – a parole – “regime partitocratico”) Marco si avvicinò addirittura a Berlusconi, affascinato dalla possibilità di avere un incarico di ministro (che mai arrivo’) ed infine a traghettare i suoi pochi residui sodali, all’interno delle liste elettorali Pd; finchè anche questo non lo scarico’ definitivamente.

    Scompare un populista europoide di rito spinelliano, un Kalergista convinto.
    Del residuo conglomerato radicale originale, rimane in vita unicamente la patetica populista europeista statiunititense – nonchè fervente sorossiana – Emma Bonino.

    Oggi gli Italiani si ricordano di Marco Giacinto Pannella, unicamente perchè candido’ Ilona Staller in Parlamento.
    Il nulla del nulla appunto.

  2. Francesco Retolatto ha detto:

    Pannella con il suo partito Radicale del 2% ha condizionato e plasmato la società italiana più di quanto abbia fatto il fascismo in 20 anni di potere. Bisogna riconoscere che ancora una volta ha ragione Blondet quando dice che pur avendo meno del 2% di voti il partito Radicale ha imposto le sue idee alla maggioranza degli italiani. E giù a piangere ostracismo e oscuramento degli spazi televisivi, quando sono 30 anni che RadioRadicale riceve finanziamenti pubblici.
    Pannella era un personaggio immondo.

  3. paolettiemilio ha detto:

    Concordo con tutto, la Bonino malata ha i giorni contati e il partito radicale svanirà?…Io credo di si e in fondo chi se ne frega. avendo io 53 anni, ricordo anni di politica italiana, dalle tribune politiche con i pittoreschi scontri con almirante, in bianco e nero e tv senza telecomando…..però possiamo dire tranquillamente che in 50 anni di politica, lui e il P.R.I. sono rimasti esattamente dove erano,una coerenza di obbiettivi e appartenenza, che non possiamo trovare nel variegato mondo politico italiano,ormai alieno fatto di trasformisti e voltagabbane, questo solo,.

  4. Omar Ruggero Pisanello.. ha detto:

    Finalmente il Diavolo se l’è portato via!!! Omar Ruggero Pisanello.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...