NE’ REDUCISMO NE’ LEONCAVALLISMO

Anni di militanza in quella che oggi definiamo con una punta di disprezzo “Area” mi hanno portato ad incontrare una vastissima tipologia di persone, tutte più o meno legate da un filo conduttore comune, ovvero la fede (sincera per lo più ma a volte anche strumentale) ad una Idea del mondo e dell’organizzazione politica, sociale ed economica che ebbe in Italia la sua genesi all’indomani della Grande Guerra. Per quel mondo e per chi ne seguì le sorti il secondo dopoguerra fu poi uno spartiacque tragico per ragioni a noi ben note. Chi si salvò dalla burrasca e dalla violenza della guerra civile fece delle scelte che furono o di militanza attiva e convinta, con tutti i rischi e pericoli, o si rifugiò nell’anonimato e nel disimpegno, avendo visto il crollo di un mondo che fu il mondo forse irripetibile della loro giovinezza. E siamo arrivati ad oggi. Ci siamo arrivati dopo tradimenti, scissioni, abiure, finte ricostituzioni e rinascite abortite, proliferazioni incontrollate di sigle per meri egoismi personalistici e via di seguito, in un crescendo rossiniano che pare non fermarsi.

Siamo in Italia, inutile dirlo ed inutile nasconderci dietro un dito, viviamo in un paese levantino e dai mille risvolti, dove spesso l’ambiguità è il connotato più evidente delle umane attività. E tra queste la politica è l’attività maggiormente colpita da questo che ritengo essere un morbo endemico del nostro paese. Ambiguità spesso sfociata in aperta contraddizione tra le parole ed i fatti.

Segretari nazionali che conducevano battaglie contro il divorzio e poi convivevano more uxorio al di fuori del matrimonio con un’altra donna. Segretari nazionali che tuonavano ad ogni piè sospinto contro la Nato e poi li si scoprivano essere a libro paga della Cia. Altri segretari nazionali, latitanti per anni a fare affari a Londra mentre i loro camerati finivano i giorni nelle patrie galere o quelli con il padre nella lista P2 di Licio Gelli. Insomma,  credo di aver visto abbastanza e di poter dire la mia su questo bizzarro mondo che per alcuni è tuttora definibile come neofascista o postfascista ma che per me è e resta un luogo di assoluta incapacità di sintesi, di chiacchiere infinite senza un quid e di autereferenzialita’ all’ennesima potenza. E nel dire ciò voglio arrivare a noi, ai Socialisti Nazionali che si ritrovano sotto la sigla del nostro movimento.

Quando nel 2006 nacque il Centro Studi Socialismo Nazionale venivamo dalle peggiori delusioni che si potessero immaginare, ma eravamo decisi a non mollare quello che rappresentava il buon seme da mettere a dimora in un terreno paludoso dove necessitavano braccia e volontà ferrea per dissodare una piccola zolla nella quale quel seme avrebbe potuto germogliare. E venne dunque il 2011 con la creazione del Movimento politico vero e proprio, che oggi stiamo tenendo in piedi tra mille difficoltà.

Con quali prospettive è veramente difficile dirlo, ma senza alcun dubbio con la coerenza che ci ha sempre portati ad evitare contatti indecenti o percorsi elettoralistici in qualche carovana del “voto a tutti i costi”. E così, almeno per ora, continueremo.

C’è poi un secondo aspetto che mi preme rimarcare: quello delle intese trasversali che non hanno alcuno scopo elettorale. Ho sempre ritenuto che un movimento di militanza politica che si pone su di una piattaforma rivoluzionaria debba innanzi tutto capire dove stanno e chi sono i propri avversari. Una volta individuati questi (e sappiamo bene chi sono e come operano), sembra logico guardarsi attorno per cercare collaborazione e contiguità con chi sta sulla stessa barricata. Ciò, seguendo il naturale principio che chi è nemico del mio nemico è mio amico. Già, ma non sempre questo è vero o comunque del tutto vero. E la riprova l’abbiamo avuta svariate volte quando anni fa lanciammo messaggi inequivocabili a tutti quei gruppi “antagonisti ” per creare una sorta di costituente antisistema che fosse la base di partenza di un progetto politico veramente rivoluzionario per un paese come l’Italia. Risultato: zero! Come zero sono quelli che giustificarono il loro dissenso trincerandosi dietro il paravento stantio della fede antifascista.

In questo stato di cose mi sono dunque fatto un’idea ben precisa: non inseguire per forza il reducismo, ma nemmeno cavalcare il leoncavallismo. Il significato di questo principio è molto semplice e lo spiego in poche parole.

In tutta franchezza ritengo che sia inutile e dannoso impostare la moderna battaglia politica facendo leva sul reducismo saloino o su quello degli anni 70, come pure sul rincorrere gli schemi o gli archetipi centrosocializzanti stile Leoncavallo. Non è e non può essere nelle corde di un Socialista Nazionale confondere la politica con il fatto o con la commemorazione reducistica, ma, d’altro canto, non sarà mai nemmeno nelle nostre corde inseguire lo zeccume pseudo antagonista dei centri sociali su posizioni che la storia ha cassato o, peggio ancora, sulle loro nuove frontiere tipo il genderismo o l’integrazionismo dei migrantes.

L’Unione per il Socialismo Nazionale non è nata per inseguire chi ci disprezza da sempre, pur temendo la solidità concettuale delle nostre conclusioni; noi siamo qui per dimostrare agli intellettualmente incapaci che un altro sistema, oltre il capitalismo ed oltre i residui del comunismo, è possibile.

Ma per dimostrare ciò non possiamo correre dietro a chi ancora ci sputa addosso e di questo suo livore ne fa un cavallo di battaglia. Non potrà mai essere,   questo sia ben chiaro; almeno fino a quando non vi saranno fatti concludenti e certi che dimostreranno la loro rinuncia ad una battaglia di retroguardia che li relega nel girone degli idioti della storia.

Fernando Volpi

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Commenti e contrassegnata con , , , , , , . Contrassegna il permalink.

4 risposte a NE’ REDUCISMO NE’ LEONCAVALLISMO

  1. Alter ha detto:

    Intanto La Mastodontica Piovra finanziaria sovrannazionale che ha vinto un secolo fà – e rivinto nel 1945 – mostra discretamente uno dei suoi tentacoli a Chantilly.

    2017 BILDERBERG MEETING
    Chantilly VA, USA 1-4 June

    CHAIRMAN
    Castries, Henri de (FRA), Former Chairman and CEO, AXA; President of Institut Montaigne

    PARTICIPANTS
    Achleitner, Paul M. (DEU), Chairman of the Supervisory Board, Deutsche Bank AG
    Adonis, Andrew (GBR), Chair, National Infrastructure Commission
    Agius, Marcus (GBR), Chairman, PA Consulting Group
    Akyol, Mustafa (TUR), Senior Visiting Fellow, Freedom Project at Wellesley College
    Alstadheim, Kjetil B. (NOR), Political Editor, Dagens Næringsliv
    Altman, Roger C. (USA), Founder and Senior Chairman, Evercore
    Arnaut, José Luis (PRT), Managing Partner, CMS Rui Pena & Arnaut
    Barroso, José M. Durão (PRT), Chairman, Goldman Sachs International
    Bäte, Oliver (DEU), CEO, Allianz SE
    Baumann, Werner (DEU), Chairman, Bayer AG
    Baverez, Nicolas (FRA), Partner, Gibson, Dunn & Crutcher
    Benko, René (AUT), Founder and Chairman of the Advisory Board, SIGNA Holding GmbH
    Berner, Anne-Catherine (FIN), Minister of Transport and Communications
    Botín, Ana P. (ESP), Executive Chairman, Banco Santander
    Brandtzæg, Svein Richard (NOR), President and CEO, Norsk Hydro ASA
    Brennan, John O. (USA), Senior Advisor, Kissinger Associates Inc.
    Bsirske, Frank (DEU), Chairman, United Services Union
    Buberl, Thomas (FRA), CEO, AXA
    Bunn, M. Elaine (USA), Former Deputy Assistant Secretary of Defense
    Burns, William J. (USA), President, Carnegie Endowment for International Peace
    Çakiroglu, Levent (TUR), CEO, Koç Holding A.S.
    Çamlibel, Cansu (TUR), Washington DC Bureau Chief, Hürriyet Newspaper
    Cebrián, Juan Luis (ESP), Executive Chairman, PRISA and El País
    Clemet, Kristin (NOR), CEO, Civita
    Cohen, David S. (USA), Former Deputy Director, CIA
    Collison, Patrick (USA), CEO, Stripe
    Cotton, Tom (USA), Senator
    Cui, Tiankai (CHN), Ambassador to the United States
    Döpfner, Mathias (DEU), CEO, Axel Springer SE
    Elkann, John (ITA), Chairman, Fiat Chrysler Automobiles
    Enders, Thomas (DEU), CEO, Airbus SE
    Federspiel, Ulrik (DNK), Group Executive, Haldor Topsøe Holding A/S
    Ferguson, Jr., Roger W. (USA), President and CEO, TIAA
    Ferguson, Niall (USA), Senior Fellow, Hoover Institution, Stanford University
    Gianotti, Fabiola (ITA), Director General, CERN
    Gozi, Sandro (ITA), State Secretary for European Affairs
    Graham, Lindsey (USA), Senator
    Greenberg, Evan G. (USA), Chairman and CEO, Chubb Group
    Griffin, Kenneth (USA), Founder and CEO, Citadel Investment Group, LLC
    Gruber, Lilli (ITA), Editor-in-Chief and Anchor “Otto e mezzo”, La7 TV

    Guindos, Luis de (ESP), Minister of Economy, Industry and Competiveness
    Haines, Avril D. (USA), Former Deputy National Security Advisor
    Halberstadt, Victor (NLD), Professor of Economics, Leiden University
    Hamers, Ralph (NLD), Chairman, ING Group
    Hedegaard, Connie (DNK), Chair, KR Foundation
    Hennis-Plasschaert, Jeanine (NLD), Minister of Defence, The Netherlands
    Hobson, Mellody (USA), President, Ariel Investments LLC
    Hoffman, Reid (USA), Co-Founder, LinkedIn and Partner, Greylock
    Houghton, Nicholas (GBR), Former Chief of Defence
    Ischinger, Wolfgang (INT), Chairman, Munich Security Conference
    Jacobs, Kenneth M. (USA), Chairman and CEO, Lazard
    Johnson, James A. (USA), Chairman, Johnson Capital Partners
    Jordan, Jr., Vernon E. (USA), Senior Managing Director, Lazard Frères & Co. LLC
    Karp, Alex (USA), CEO, Palantir Technologies
    Kengeter, Carsten (DEU), CEO, Deutsche Börse AG
    Kissinger, Henry A. (USA), Chairman, Kissinger Associates Inc.
    Klatten, Susanne (DEU), Managing Director, SKion GmbH
    Kleinfeld, Klaus (USA), Former Chairman and CEO, Arconic
    Knot, Klaas H.W. (NLD), President, De Nederlandsche Bank
    Koç, Ömer M. (TUR), Chairman, Koç Holding A.S.
    Kotkin, Stephen (USA), Professor in History and International Affairs, Princeton University
    Kravis, Henry R. (USA), Co-Chairman and Co-CEO, KKR
    Kravis, Marie-Josée (USA), Senior Fellow, Hudson Institute
    Kudelski, André (CHE), Chairman and CEO, Kudelski Group
    Lagarde, Christine (INT), Managing Director, International Monetary Fund
    Lenglet, François (FRA), Chief Economics Commentator, France 2
    Leysen, Thomas (BEL), Chairman, KBC Group
    Liddell, Christopher (USA), Assistant to the President and Director of Strategic Initiatives
    Lööf, Annie (SWE), Party Leader, Centre Party
    Mathews, Jessica T. (USA), Distinguished Fellow, Carnegie Endowment for International Peace
    McAuliffe, Terence (USA), Governor of Virginia
    McKay, David I. (CAN), President and CEO, Royal Bank of Canada
    McMaster, H.R. (USA), National Security Advisor
    Micklethwait, John (INT), Editor-in-Chief, Bloomberg LP
    Minton Beddoes, Zanny (INT), Editor-in-Chief, The Economist
    Molinari, Maurizio (ITA), Editor-in-Chief, La Stampa
    Monaco, Lisa (USA), Former Homeland Security Officer
    Morneau, Bill (CAN), Minister of Finance
    Mundie, Craig J. (USA), President, Mundie & Associates
    Murtagh, Gene M. (IRL), CEO, Kingspan Group plc
    Netherlands, H.M. the King of the (NLD)
    Noonan, Peggy (USA), Author and Columnist, The Wall Street Journal
    O’Leary, Michael (IRL), CEO, Ryanair D.A.C.
    Osborne, George (GBR), Editor, London Evening Standard
    Papahelas, Alexis (GRC), Executive Editor, Kathimerini Newspaper
    Papalexopoulos, Dimitri (GRC), CEO, Titan Cement Co.
    Petraeus, David H. (USA), Chairman, KKR Global Institute
    Pind, Søren (DNK), Minister for Higher Education and Science
    Puga, Benoît (FRA), Grand Chancellor of the Legion of Honor and Chancellor of the National Order of Merit
    Rachman, Gideon (GBR), Chief Foreign Affairs Commentator, The Financial Times
    Reisman, Heather M. (CAN), Chair and CEO, Indigo Books & Music Inc.
    Rivera Díaz, Albert (ESP), President, Ciudadanos Party
    Rosén, Johanna (SWE), Professor in Materials Physics, Linköping University
    Ross, Wilbur L. (USA), Secretary of Commerce
    Rubenstein, David M. (USA), Co-Founder and Co-CEO, The Carlyle Group
    Rubin, Robert E. (USA), Co-Chair, Council on Foreign Relations and Former Treasury Secretary
    Ruoff, Susanne (CHE), CEO, Swiss Post
    Rutten, Gwendolyn (BEL), Chair, Open VLD
    Sabia, Michael (CAN), CEO, Caisse de dépôt et placement du Québec
    Sawers, John (GBR), Chairman and Partner, Macro Advisory Partners
    Schadlow, Nadia (USA), Deputy Assistant to the President, National Security Council
    Schmidt, Eric E. (USA), Executive Chairman, Alphabet Inc.
    Schneider-Ammann, Johann N. (CHE), Federal Councillor, Swiss Confederation
    Scholten, Rudolf (AUT), President, Bruno Kreisky Forum for International Dialogue
    Severgnini, Beppe (ITA), Editor-in-Chief, 7-Corriere della Sera
    Sikorski, Radoslaw (POL), Senior Fellow, Harvard University
    Slat, Boyan (NLD), CEO and Founder, The Ocean Cleanup
    Spahn, Jens (DEU), Parliamentary State Secretary and Federal Ministry of Finance
    Stephenson, Randall L. (USA), Chairman and CEO, AT&T
    Stern, Andrew (USA), President Emeritus, SEIU and Senior Fellow, Economic Security Project
    Stoltenberg, Jens (INT), Secretary General, NATO
    Summers, Lawrence H. (USA), Charles W. Eliot University Professor, Harvard University
    Tertrais, Bruno (FRA), Deputy Director, Fondation pour la recherche stratégique
    Thiel, Peter (USA), President, Thiel Capital
    Topsøe, Jakob Haldor (DNK), Chairman, Haldor Topsøe Holding A/S
    Ülgen, Sinan (TUR), Founding and Partner, Istanbul Economics
    Vance, J.D. (USA), Author and Partner, Mithril
    Wahlroos, Björn (FIN), Chairman, Sampo Group, Nordea Bank, UPM-Kymmene Corporation
    Wallenberg, Marcus (SWE), Chairman, Skandinaviska Enskilda Banken AB
    Walter, Amy (USA), Editor, The Cook Political Report
    Weston, Galen G. (CAN), CEO and Executive Chairman, Loblaw Companies Ltd and George Weston Companies
    White, Sharon (GBR), Chief Executive, Ofcom
    Wieseltier, Leon (USA), Isaiah Berlin Senior Fellow in Culture and Policy, The Brookings Institution
    Wolf, Martin H. (INT), Chief Economics Commentator, Financial Times
    Wolfensohn, James D. (USA), Chairman and CEO, Wolfensohn & Company
    Wunsch, Pierre (BEL), Vice-Governor, National Bank of Belgium
    Zeiler, Gerhard (AUT), President, Turner International
    Zients, Jeffrey D. (USA), Former Director, National Economic Council
    Zoellick, Robert B. (USA), Non-Executive Chairman, AllianceBernstein L.P

  2. Alter ha detto:

    Domani a Roma sfileranno le truppe (per il momento ancora Bianche) della Repubblica delle Banane.

    Ma con tutta l’immissione forzata di centinaia di migliaia di giovani immigrati africani in età di leva; (molti di questi già ex soldati o mercenari) quanto tempo manca ancora alla creazione di una Legione Africana Mercenaria nelle Forze Armate della Repubblica delle Banane?

    Una Legione Africana Mercenaria per sua stessa natura aliena da ogni possibile senso di appartenenza Nazionale e di Stirpe; pronta – se necessario per il “Bene delle Istituzioni” partitocratiche, parassitarie ed anti italiane – a colpire, senza troppo pensarci su, Gli Italiani.

    “THE SIERRA LEONE TELEGRAPH
    Homenews in perspective
    Former child soldiers from Sierra Leone employed as mercenaries in Iraq”.
    (April 19, 2016)

    Arrivano in Italia, sbarcati dalle navi della Marina Militare e della flotta internazionale Ong.
    Non arrivano vecchi africani malati o feriti; ma solo giovani in età militare.

    Gente che a Casa sua, ma anche in Casa d’altri, ha già combattuto, ucciso, rubato, stuprato, torturato.
    Gente, di cui le “Istituzioni” della Repubblica delle Banane, nulla vogliono sapere.
    Gente – meglio chiamarli col loro vero nome di Mercenari – da utilizzare al “Momento Opportuno” contro il Popolo Italiano.

  3. Giovanni Garotti ha detto:

    Chiedo scusa per l’ assenzas, ma non riesco ad essere presente per motivi di forza maggiore che in futuro, spiegherò. Giovanni Garotti

    Il 30/05/17, UNIONE PER IL SOCIALISMO

  4. Giovanni ha detto:

    Mi chiedo il senso di questo evento, non siamo l’esercito di uno stato sovrano ma una milizia al soldo del Potente d’oltreoceano di turno proprio come lo erano i barbari federati che servivano nell’esercito romano

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...