Una tappa fondamentale.

sn rinascitalavoroIl 28 Ottobre del 1922 la dottrina del socialismo nazionale, che aveva avuto in qualche modo il primo suo battesimo realizzato con la breve esperienza della Repubblica Romana del 1848 (pur trattandosi di archetipo ideale piu’ riconoscibile nel socialismo utopico di Pisacane e nella giustizia socialrivoluzionaria identitaria della Giovane Italia mazziniana), tagliava il traguardo di una tappa significativa della sua evoluzione a forma di governo di uno Stato Etico che doveva portare alla realizzazione dello Stato Nazionale del Lavoro in fieri – ma non portato a termine per le dolorosissime vicende belliche – della Repubblica Sociale Italiana. Quel 28 Ottobre la Marcia su Roma sancì in modo non solo formale o teorico ma ancorché pratico la supremazia di una visione ideale altra rispetto al concetto di democrazia ottocentesco di stampo paternalistico conservatore così come realmente e inevitabilmente antagonista alla democrazia di stampo mercatistico liberalcapitalista del ‘900 pre et post bellico (di cui il contraltare gramsciano comunista internazionalista modello statalista non e’ stato altro che solo rovescio della stessa medaglia), ora divenuta un’unica metastica globalizzazione con l’avvento del nuovo millennio.

E la vera sfida – nella memoria della Marcia per antonomasia – é continuare a percorrere la strada tracciata per giungere al fine ultimo di un mondo che può e deve essere diverso dal pianeta delle scimmie in cui siamo costretti a vivere nell’attualità di questi tempi immorali:

Eja !

M.C.

Questa voce è stata pubblicata in Articoli, Attualità Politica, Commenti, Difesa Nazionale, Eventi e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

11 risposte a Una tappa fondamentale.

  1. stelvio dal piaz ha detto:

    mi sto rendendo conto che uscire dal NULLA è cosa più difficile che sognare una rivoluzione nel senso originario del termine

  2. Alter ha detto:

    Adesso arriva Draghi, il Guardiano gobbo dell’ortodossia finanziarista usuraia europoide, marchiata BCE.
    Draghi il Gaulaiter; il Governatore franco-renano mandato a controllare l’estrema provincia peninsulare di Eurosoviet.
    Che l’Italia non sogni di liberarsi ed autodeterminarsi come Nazione Sovrana.

    Ed il grasso codazzo dell’immutabile Parassitume partitocratico parlamentaristico itagliotide di centro-destra-sinistra-sopra e sotto (zekke salvinian-meloniane in testa), gli si coagulerà paraculescamente attorno.

    Contro un simile sistema dittatoriale di antico rito usuraio giudaico-renano, nessun voto, nessuna istanza elettorale “democratica” è minimamente percorribile.

    Gli Italiani che nel 1922 marciarono su Roma, avevano combattuto una spietata guerra mondiale epocale, uscendone vincitori.
    In quell’ottobre d’oro, Essi e si accingevano a combatterne una altrettanto sanguinosa, contro le forze interne finanziate dall’orrore sovietico.

    Chiunque oggi intenda risollevare le sorti della Patria, della Nazione Italia, del Popolo Italiano, deve essere cosciente, che l’unica Via è quella (esattamente come allora) della lotta e del combattimento.
    Il resto è ciancia.

  3. Giovanni Garotti ha detto:

    Temo che la marcia su Roma, sia una barzelletta e che Benito Mussolini, i cui merito sono enormi, abbia avuto il potere, su commessa del vatic ano, assieme alle sinagoghe, cui appartenevano molti membri del Gran Consiglio.

  4. stelvio dal piaz ha detto:

    prima di manifestare certe opinioni sarebbe opportuno sforzarsi di fare ricerche documentali, altrimenti si corre il rischio di dire sciocchezze caro signor Garotti

  5. Alter ha detto:

    Sul sito di Blondet ci sono immagini raccapriccianti di soldati turchi (la Turchia è membro NATO) che si selfano mentre tagliano la testa a soldati siriani prigionieri.
    Yugoslavia, Iraq, Afghanistan, Libia e Siria; la storia non cambia; la soldataglia NATO si contraddistingue sempre per la propria bestialità.

  6. Giovanni Garotti ha detto:

    Coperti dall’ #onu.

  7. GuelfoNero ha detto:

    Concordo con Garotti. Una Marcia partorita da le solite consorterie giudaico-massoniche come lo è stata la riunione a Piazza San Sepolcro del 23 marzo 1919.

  8. stelvio dal piaz ha detto:

    qui non si tratta di concordare tra persone che non vogliono uscire dalla pigrizia di visitare archivi e biblioteche continuando pigramente a diffondre sciocchezze. la STORIA si fa consultando documenti e visitando archivi a vari livelli. e’ un lavoro duro, COSTA FATCA, CI SI IMPOLVERA MANI E VESTITI ma paga sul piano della VERITA’. TUTTO IL RESTO è PACCOTTIGLIA inutile e anche dannosa sempre sul piano della verità. forse questo tipo di mentalità appartiene ai GUELFI abituati alle narrazioni bibliche.

  9. Giovanni Garotti ha detto:

    Infatti: se sono ancora disponibili i video di Montermini, sul canale YouTube di Ubaldo Croce, troverete tutti i riscontri e i riferimenti del caso, senza nulla togliere all’ operato di Benito Mussolini che, con il 7% di pressione fiscale e moneta sovrana, ha costruito intere città e compiuto opere di eccezionale ingegno e valore (es. Altare della Patria, ecc.). Se li hanno fatti cancellare, per le pretese giudaiche di riscrittura della storia, mi inviate l’ indirizzo e-mail e Vi concedo l’accesso al mio Mega: li trovate tutto, compresi i riferimenti.

  10. Alter ha detto:

    La Storia scorre per capitoli, e poi arriva a conclusioni inequivocabili.

    A Dongo, a Giulino di Mezzegra, a Piazzale Loreto, a Carbonera, a Codevigo, nell’orrido Triangolo rosso emiliano, in Istria, in Dalmazia ed in tutti i luoghi in cui Gli Italiani, Uomini e Donne, meravigliosi Patrioti furono torturati e trucidati, Le Consorterie Giudaico-massoniche erano schierate dall’altra parte.

    E a proposito di Consorterie Giudaico-massoniche, io concentrerei la mia attenzione sul Gran Maestro Draghi (tanto per citarne solamente uno).

  11. Giovanni Garotti ha detto:

    Concordo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.