LE SOCIETA’ ARCAICHE E IL PROFITTO D’AZIENDA

Le società arcaiche, seppur infinitamente meno complesse di quelle entro le quali nostro malgrado ci troviamo a vivere, erano sorrette da un principio fondamentale: in seno alle comunità di appartenenza ognuno aveva un proprio specifico ruolo, in base al quale era fattivamente partecipe dell’organico funzionamento dell’intero apparato. In tal modo si garantiva a quel consorzio umano la possibilità di venire guidato secondo le specifiche competenze di ciascuno dei suoi membri.  Pur non volendo partire da lontano, da quella suddivisione in tre ordini della società spartana, c’è da riconoscere che anche nelle società medievali si era sostanzialmente colta questa necessità, tant’è che l’istituto delle corporazioni è stato alla base dell’organizzazione socioeconomica delle comunità più evolute, per lo meno fino a poco tempo fa.

Negli anni ’30 in Italia si comprese che la salute del tessuto socio economico di una nazione non poteva prescindere da due fattori di fondamentale importanza: 1) la centralità del lavoro come soggetto dei processi produttivi e 2) l’organizzazione complessiva del Sistema Stato secondo il principio organico. Il che tradotto in estrema sintesi stava a significare che tutti dovevano avere pari dignità di fronte al lavoro e che in ogni posto, dal dirigente ministeriale al manovale, avrebbe dovuto esserci il meglio che la comunità poteva esprimere per quel particolare incarico.

Ho voluto ripercorrere velocemente questo aspetto (caso mai qualcuno dimenticasse certe cose) perché l’ovvieta’ che parrebbe evidente, nell’assunto sopra ricordato non sembra poi essere tanto scontata. Per lo meno in Italia, dove un commercialista revisore dei conti diventa all’improvviso capo dell’unità di crisi e responsabile del gruppo di esperti creati per l’emergenza sanitaria del Covid. Sarebbe come se a costruire il Ponte di Messina ci andasse Briatore perché è un grande motivatore di persone ed un imprenditore affermato.

Non è così che dovrebbe funzionare in uno Stato Organico, dove le competenze sono la forza propulsiva dell’intera macchina e dove i “fenomeni” lo sono solo (eventualmente) loro specifico campo di applicazione.

Chi con smisurato ego crede che, avendo avuto nella vita la capacità di essere un buon imprenditore, di conseguenza si senta pure titolato per fare qualsiasi altra cosa, compreso il governo di una nazione, vuol dire che oltre all’ego ha molta stupidità da smaltire. Lo stesso discorso vale per quella classe intellettuale-professorale (soprattutto in materie economiche) i cui appartenenti vengono alla bisogna presentati come i messia ed i salvatori di quei stati rovinati dalla mala politica. Di essi abbiamo grande conoscenza in Italia e c’è da giurare che ne avremo ancora nel prossimo futuro.

Ma non è con questi fulgidi esempi di capacità manageriali-imprenditoriali che so salvano o si governano le nazioni. Specialmente quelle che non hanno più una loro ben precisa connotazione.

Gli uomini d’azienda facciano grandi le loro aziende per contribuire sì alla crescita delle nazioni, ma lascino ai costruttori di più grandi sintesi, di più grandi visioni, ciò che dal loro ristretto ambito d’interesse non potranno mai scorgere: un’idea del mondo.

Perché un conto è guidare uomini per fare profitti e un altro è guidare uomini per lasciare un’impronta nella storia.

Fernando Volpi

Questa voce è stata pubblicata in Articoli, Attualità Politica e contrassegnata con , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

3 risposte a LE SOCIETA’ ARCAICHE E IL PROFITTO D’AZIENDA

  1. Giovanni Garotti ha detto:

    La mediocrità italiana, prevede che possono intraprendere solo gli esseri inferiori, schiavi di banche e massoneria.

  2. VINCENZO ha detto:

    In questi giorni agli “stati generali” dell’economia il presidente del consiglio ha dichiarato che bisogna far ripartire l’italia e cito “Lo dobbiamo fare con il pieno coinvolgimento di tutte le forze politiche, sociali e produttive”. Ma guarda un po???? ora in momento di crisi si ricordano delle forze sociali e produttive, Cosi su due piedi saremmo portati a pensare “meglio tardi che mai”, ma ad un pensiero più attento mi viene da dire che comunque non servirà a nulla. Quelle forze produttive e sociali non sono organizzate in maniera corporativa (organizzazioni a tutela degli interessi delle varie categorie intese in senso verticistico e curatori dell’aspetto etico e morale delle varie funzioni svolte nella produzione, o nella società in caso di corporazioni riguardanti le funzioni sociali). Riusciremo a far capire ai piu’ che con uno stato organico in cui i nostri rappresentanti, eletti non perchè appartenenti ai partiti, ma magari eletti all’interno delle propria corporazione, per gradi da livello locale fino a quello nazionale, ci darebbe una camera estremamente competente, non ci sarebbero ribaltoni e cambi frequenti di governi garantendo una seria programmazione a lungo termine? Prevenire non è meglio che curare?

  3. Alter ha detto:

    Il Regime.
    Il Criminale Regime partitocratico paramafioso, immigrazionistra, capitalista, liberista, finanziarista, globalista, genderista è in affanno.
    Va data La Spallata.
    Ora.
    Non tra un mese, o un anno.
    Sveglia Patrioti Italiani.

    Consiglio di visionare cosa scrive l’Istituto Mario Negri su quanto accaduto nei mesi più drammatici della sedicente Emergenza Covid.

    Considerazioni devastanti:
    “Il report dell’ISTAT suggerisce che la differenza sia imputabile non solo alla carenza/difficoltà di diagnosi ma anche ad una mortalità indiretta, non correlata al virus ma causata dalla crisi del sistema ospedaliero nelle aree maggiormente affette”.

    Il Sistema ospedaliero della Repubblichetta delle banane (infette), è entrato in crisi, e gli ammalati di altre patologie sono stati abbandonati a se stessi.
    A quel punto il Regime (per pararsi il grassissimo deretano) ha infilato tutto nel Gran Calderone Covid, nel criminale tentativo di eliminare le prove della propria totale, delinquenziale inefficienza sistemica.

    Cari Patrioti Italiani, qui c’è materiale probatorio per l’Incriminazione dell’intero sistema partitocratico predatorio, meglio noto come “Governo Conte”

    Allego link per presa visione:
    https://www.marionegri.it/magazine/covid-19-andamento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.