CRISI D’IDENTITA’

Ritengo che nessuno possa contestare il fatto che la struttura identitaria della Nazione ITALIA, sia sorta secoli prima della sua organizzazione statuale. Personaggi come Dante, Petrarca, Vico, Machiavelli, solo per citarne alcuni, hanno identificato in un territorio definito geograficamente, nonché unito da lingua, cultura, storia, tradizione, la Nazione chiamata ITALIA. Come pure è innegabile che popolazioni straniere che hanno invaso questo territorio fin dall’antichità, provenienti da Nord, da Sud, da Est, da Ovest abbiano avuto la consapevolezza di venire in  un <paese> chiamato prima ROMA e poi in epoca moderna ITALIA. Altro cosa viceversa, per quanto riguarda sul piano antropologico ciò che si riferisce alla popolazione che abita questo stesso territorio, la quale, ovviamente, risente proprio delle numerose provenienze che si sono susseguite nel tempo, tanto che “fatta l’ITALIA  adesso bisogna fare gli Italiani”.  Questa famosa <frase> di Massimo D’Azeglio sta a significare che l’Italia pur politicamente unita (1861), permangano in Essa ed esistano tuttora, culture, tradizioni, lingue, dialetti ancora molto diversi tra loro. Continua a leggere

Pubblicato in Commenti | Contrassegnato , , , , | 1 commento

RISPOSTA POLITICA

Abbiamo atteso qualche giorno prima di fornire la nostra risposta, perché non volevamo pubblicare considerazioni ed opinioni troppo a caldo, anche se quello che stiamo vedendo in queste ultime settimane è di una gravità estrema. Ci sono immagini che non avrebbero bisogno di commenti se non fosse che l’opinione pubblica italiana, dopo mesi di bombardamento mediatico dovuto al lockdown, si deve ora sorbire le paternali sociologico-freudiane dal mainstream che gestisce i ritmi della comunicazione politica. La foto del cantante AMERICANO (e non italiano) che farfuglia il nostro inno nazionale prima di un evento sportivo (nazionale) e che termina la sua “performance” con un evidente gesto politico non può e non deve passare inosservata e merita una risposta politica. Continua a leggere

Pubblicato in Comunicati | Contrassegnato , , , | 1 commento

LE SOCIETA’ ARCAICHE E IL PROFITTO D’AZIENDA

Le società arcaiche, seppur infinitamente meno complesse di quelle entro le quali nostro malgrado ci troviamo a vivere, erano sorrette da un principio fondamentale: in seno alle comunità di appartenenza ognuno aveva un proprio specifico ruolo, in base al quale era fattivamente partecipe dell’organico funzionamento dell’intero apparato. In tal modo si garantiva a quel consorzio umano la possibilità di venire guidato secondo le specifiche competenze di ciascuno dei suoi membri.  Pur non volendo partire da lontano, da quella suddivisione in tre ordini della società spartana, c’è da riconoscere che anche nelle società medievali si era sostanzialmente colta questa necessità, tant’è che l’istituto delle corporazioni è stato alla base dell’organizzazione socioeconomica delle comunità più evolute, per lo meno fino a poco tempo fa. Continua a leggere

Pubblicato in Articoli, Attualità Politica | Contrassegnato , , , , , , , , | 3 commenti

DUBBI FUTURI E PASSATI

Adesso che, molto probabilmente, l’emergenza Covid19 è in via di soluzione, riteniamo sia arrivato il momento di porci e porre qualche domanda alle strutture politiche di questa disgraziata Nazione. Perchè i dubbi sono tanti, passati e futuri. Cominciamo allora con quelli passati (prossimi). Più di un dubbio è stato sviscerato sulla reale natura e sull’origine pandemica del Covid19. Fin dal febbraio scorso, orde di virologi ufficiali, liberi ricercatori, studiosifaidate, santoni new age, e tutta una varia pletora di comizianti improvvisati si sono sentiti in dovere (e magari lautamente pagati) di dover dare la propria opinione sull’emergenza improvvisa. Ore e ore di bombardamento mediatico ai danni di una comunità nazionale, che nel bel mezzo della tragedia, si vedeva martoriare il cervello da una serie di “opinioni” diffuse senza interruzioni di sorta tramite l’etere digitale, senza assolutamente avere la possibilità di discernere su quali potessero essere i reali pericoli e le vere soluzioni per la fine della pandemia. Continua a leggere

Pubblicato in Attualità Politica | Contrassegnato , , , , , , , , , | 4 commenti

ENTI

L’Italia è una: forse. Assistiamo spesso all’invocazione di unità, di fratellanza tra italiani ma più che altro in occasione di flash mob o magari quando gioca la nazionale di calcio, per il resto ognuno per sé e non si si riferisce a separazioni identitarie ma all’individualismo. Troppo spesso gli enti vengono utilizzati per battaglie di colore, politico, al fine di mettere il bastone tra le ruote al democratico concorrente, perché questo è necessario per salvaguardare la democrazia: qualcosa in queste parole sembra stonare ma questa è la partitocrazia. Gli ordini di enti dovrebbero servire in verticale per una ripartizione per materia dell’amministrazione pubblica e in orizzontale per la sua suddivisione territoriale per meglio gestire realtà differenti tra loro ma rappresentano in verità basi per la riconquista del potere democratico da parte di quella o quell’altra fazione. Continua a leggere

Pubblicato in Politica Territoriale | Contrassegnato , , , , , , | 8 commenti

GLOBALISMO: IL VIRUS PIU’ LETALE

Quella che stiamo vivendo è l’epoca della pandemia, ovvero di una malattia che colpisce indistintamente in tutte le direzioni e alla quale, secondo quanto affermano i cosiddetti governi nazionali ormai confinati a meri delegati per nome di entità transnazionali, occorre dare una risposta univoca ed uniforme in tutto il mondo. Per cercare questa risposta ci  sia sta rivolgendo quindi tutti alla stessa fonte; ma cosa succederebbe se dalla fonte sgorgasse acqua inquinata? Accadrebbe in quel caso che il coronavirus verrebbe immediatamente sostituito da problematiche gravi almeno quanto lui, di carattere sociale ed economico, difficoltà alle quali stiamo già assistendo. Continua a leggere

Pubblicato in Attualità Politica | Contrassegnato , , , , , , , | 4 commenti